Nationalism Hindus sharia fanatical groups

gli USA FED Spa NWO NATO, mi devono spiegare, perché hanno fatto diventare l'ISLAM sharia, una minaccia globale, Piano del Pentagono (la strega fattucchiera) per truppe e mezzi lungo confini est della Nato. A partire dal 2017. 'Rischio escalation tra Usa e Russia' (la strega pre-veggente, con la sfera di cristallo in mano)
======================
US FED NWO Spa NATO must explain to me why: Talmud AIPAC, have made: become Islam sharia, a global threat, the Pentagon Plan (the sorceress witch) for troops and equipment along the east boundaries of NATO. Since 2017. 'Risk escalation between the US and Russia' (is an pre-seer witch, with crystal ball in hand)

Per Londra il MASSONE “la Russia è una minaccia per il mondo” perché, ha distrutto: Erdogan Daesh ISIS sharia, e non si doveva permettere! 30.03.2016( Il ministro degli Esteri britannico Philip Hammond ha sostenuto che la Russia rappresenta una minaccia per il mondo. Tale dichiarazione è stata fatta oggi durante una sua visita in Georgia, segnala la “Reuters”. "La Russia ignora le regole internazionali e viola le norme del diritto internazionale. E' un problema e una minaccia per tutti noi," — ha detto Hammond, rispondendo alla domanda se il comportamento della Russia in Georgia e nei Paesi Baltici sia pericoloso. Lo scorso 18 marzo l'alto rappresentante della UE per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza Federica Mogherini aveva esortato gli Stati membri dell'ONU ad introdurre le sanzioni contro Mosca. Il capo della diplomazia europea aveva detto che l'Unione Europea continuerà a non riconoscere la Crimea come parte della Russia, anche attraverso le sanzioni. Al ministero degli Esteri russo hanno rilevato che le parole della Mogherini vengono percepite come una "mancanza di rispetto per più di 2 milioni di persone della Crimea". Come notato nel dicastero diplomatico russo, Bruxelles non vuole vedere i reali cambiamenti positivi avvenuti nella penisola dopo la riunificazione con la Russia.

ABD FED NWO Spa NATO'nun bana açıklamak gerekir neden: Talmud AIPAC, yaptık: İslam şeriat, NATO'nun doğu sınırları boyunca asker ve teçhizat için küresel bir tehdit, Pentagon Planı (büyücü cadı) haline gelir. 2017 'ABD ile Rusya arasında Risk tırmanması' yana (elinde kristal küre ile, bir ön-kahin cadı)

US FED NWO Spa NATO muss mir erklären, warum: Talmud AIPAC, gemacht haben: sich Islam Scharia, eine globale Bedrohung, die Pentagon-Plan (die Zauberin Hexe) für Truppen und Ausrüstung entlang der östlichen Grenzen der NATO. Seit 2017. "Risiko Eskalation zwischen den USA und Russland" (ist ein Pre-Seher Hexe mit Kristallkugel in der Hand)

US FED NWO Spa Nato måste förklara för mig varför: Talmud AIPAC har gjort: bli Islam sharia, ett globalt hot, Pentagon Plan (troll witch) för trupper och utrustning längs östra gränser Nato. Sedan 2017. "Risk upptrappning mellan USA och Ryssland" (är en pre-siare häxa, med kristallkulan i hand)
=====

Mic Micson https://plus.google.com/u/0/106610167014375613113 The Talmud is evil. Jesus didn't study the Talmud. It wasn't even around. Unfortunately there no bounds to the lies Jews can get away with saying. The Talmud is more racist than anything Hitler allegedly said. Since the Jews are so good at obfuscating their crimes, it takes a long time for the truth to come out. hasbarat, Jews need too go just for your misdirection. the talmud is on you tube, all the trachtates,us goyim can read your vile oath of "kol nidre" and read the viler"torat hamalech". your days are dwindling swindlers,pack your bags you will be getting threw out of civilised countries for the 90+ time. you know lucifers your god dont you?
========
Nos dio de comer NWO Spa OTAN debe explicarme por qué: Talmud AIPAC, han hecho: convertirse al Islam sharia, una amenaza global, el Plan del Pentágono (la bruja hechicera) para las tropas y equipos a lo largo de las fronteras orientales de la OTAN. Desde 2017. 'escalada de riesgos entre los EE.UU. y Rusia' (es una bruja pre-vidente, con la bola de cristal en la mano)

США FED СВО Spa НАТО должна объяснить мне, почему: Талмуд AIPAC, сделали: стать ислам, шариат глобальную угрозу, Пентагон план (колдунья ведьма) для войск и техники вдоль восточных рубежей НАТО. С 2017 года "эскалации рисков между США и Россией» (это предварительно провидец ведьма, с хрустальным шаром в руке)

US FED NWO Spa NATO deve explicar-me porque: Talmud AIPAC, fizeram: se tornar Islam sharia, uma ameaça global, o Plano Pentágono (a bruxa feiticeira) para as tropas e equipamentos ao longo das fronteiras do leste da NATO. Desde 2017. "escalada de riscos entre os EUA ea Rússia" (é uma bruxa pré-seer, com bola de cristal na mão)

US FED NWO Spa NATO musi mi wyjaśnić dlaczego: Talmud AIPAC, uczyniły: stać Islam szariatu, globalne zagrożenie, plan Pentagonu (czarownica czarownica) dla żołnierzy i sprzętu wzdłuż wschodnich granic NATO. Od 2017 roku "eskalacji ryzyka między USA i Rosją" (to pre-jasnowidz czarownica z kryształowej kuli w ręku)

US FED NWO Spa NAVO moet mij uitleggen waarom: Talmoed AIPAC, hebben gemaakt: uitgegroeid tot de islam sharia, een mondiale bedreiging, het Pentagon Plan (de tovenares heks) voor de troepen en materieel langs de oostelijke grenzen van de NAVO. Sinds 2017. 'Risk escalatie tussen de VS en Rusland' (is een pre-ziener heks, met kristallen bol in de hand)

US FED NWO Spa NATO må forklare meg hvorfor: Talmud AIPAC, har gjort: å bli Islam sharia, en global trussel, Pentagon Plan (trollkvinnen heks) for tropper og utstyr langs øst grenser NATO. Siden 2017. 'Risk opptrapping mellom USA og Russland "(er en pre-seer heks, med krystallkule i hånden)
==================

Istati Uniti FED NWO Spa NATO għandhom jispjegaw lili għaliex: Talmud AIPAC, għamlu: jsiru Islam tax-xarija, theddida globali, il-Pjan Pentagon (il witch sorceress) għall-truppi u tagħmir tul il-konfini lvant tan-NATO. Peress 2017. "eskalazzjoni tar-riskju bejn l-Istati Uniti u r-Russja" (hija witch minn qabel SEER, bil ballun tal-kristall fl-idejn)

US z'iesse NWO Spa NATO muss fir mech virwat: Talmud AIPAC, hu gemaach: ginn Islam Mursi, eng global Menacen, erem en aneren Draam Plan (de sorceress Hex) fir Truppen an Equipementer laanscht den Osten Grenze vun der NATO. Zënter 2017. "Risk escalation tëscht den USA a Russland (ass eng Pré-seer Hex, mat glaskloer Ball an der Hand)

US FED NWO Spa NATO verður að útskýra fyrir mér hvers vegna: Talmud Aipac hafa gert: orðið Islam sharia, alþjóðlegt ógn, Pentagon Plan (galdrakonu norn) fyrir hermenn og búnað meðfram austurströnd mörkum NATO. Þar 2017. 'Risk stigmögnun milli Bandaríkjanna og Rússlands "(er pre-sjáandi norn, með kristal boltann í hönd)

Caithfidh Poist FED NWO Spa NATO mhíniú dom cén fáth: Talmud Aipac, rinne: bheith Ioslam Sharia, gur bagairt dhomhanda, an Plean Pentagon (an medicine sorceress) do trúpaí agus trealamh feadh teorainneacha soir ó NATO. Ós rud é go 2017. 'ardú Riosca idir na Stáit Aontaithe agus an Rúis' (is medicine réamh-seer, le criostail liathróid ar láimh)

ΗΠΑ FED NWO Spa ΝΑΤΟ πρέπει να μου εξηγήσει γιατί: Ταλμούδ AIPAC, έχουν κάνει: να γίνει το Ισλάμ Σαρία, μια παγκόσμια απειλή, το σχέδιο του Πενταγώνου (η μάγισσα μάγισσα) για τα στρατεύματα και εξοπλισμό κατά μήκος της ανατολικής όρια του ΝΑΤΟ. Από το 2017. «κλιμάκωση των κινδύνων μεταξύ των ΗΠΑ και της Ρωσίας» (είναι ένα προ-μάντη μάγισσα, με κρυστάλλινη σφαίρα στο χέρι)

US FED NWO Spa NATO harus menjelaskan kepada saya mengapa: Talmud AIPAC, telah membuat: menjadi Islam syariah, ancaman global, Rencana Pentagon (penyihir penyihir) untuk pasukan dan peralatan di sepanjang batas timur dari NATO. Sejak 2017. 'eskalasi Risiko antara AS dan Rusia (adalah penyihir pra-pelihat, dengan bola kristal di tangan)

=============

米国FED NWOスパNATOは私に説明しなければならない理由:タルムードAIPAC、作った:イスラム教シャリア、NATOの東の境界に沿って軍隊や機器のためのグローバルな脅威、ペンタゴン計画(魔法使いの魔女を)となります。 2017年「米国とロシアの間のリスク・エスカレーション」ので(手に水晶玉で、事前に先見者魔女です)

აშშ FED NWO Spa ნატომ უნდა ავუხსნათ, რატომ: თალმუდი AIPAC, არ გააკეთა: ისლამის შარიათის გლობალური საფრთხე, პენტაგონის გეგმის (sorceress, witch) ჯარების და ტექნიკის გასწვრივ აღმოსავლეთ ნატოს საზღვრების. მას შემდეგ, რაც 2017 წელს 'რისკის ესკალაციის აშშ-სა და რუსეთის (არის წინასწარ seer witch, ბროლის ბურთი ხელში)

Rhaid US FED NWO Spa NATO egluro i mi pam: Talmud Aipac, wedi gwneud: dod Islam Sharia, yn fygythiad byd-eang, mae'r Cynllun Pentagon (y wrach sorceress) ar gyfer milwyr a chyfarpar ar hyd y ffiniau i'r dwyrain o NATO. Ers 2017. 'galw cynyddol Risg rhwng yr Unol Daleithiau a Rwsia' (yn wrach cyn-gweledydd, gyda phêl grisial mewn llaw)

US FED NWO Spa OTAN debe explicar-me porque: Talmud AIPAC, fixeron: facer Islam sharia, unha ameaza global, o Plan Pentágono (a bruxa feiticeira) para as tropas e equipos ao longo das fronteiras do leste da OTAN. Desde 2017. "escalada de riscos entre Estados Unidos e Rusia" (é unha bruxa condición seer, con bola de cristal na man)

Amerîka FED NWO Spa NATO divê ji min re rave bike çima: Talmud 'Aipac'ê de, kiriye: bûye Islam şerîetê, gefa global, Plana Pentagonê (witch sorceress de) ji bo leşkerên û alavên li ser sînorên rojhilatê NATO. Ji sala 2017. 'pêşnekeve, bi risk di navbera Amerîka û Rûsyayê' (an witch pre-Çîftyurek e, bi ball cama di dest de)

================

US FED NWO Spa OTAN doit me expliquer pourquoi: Talmud AIPAC, ont fait: devenir Islam charia, une menace mondiale, le plan du Pentagone (la sorcière de sorcière) pour les troupes et de l'équipement le long des limites est de l'OTAN. Depuis 2017. 'escalade des risques entre les Etats-Unis et la Russie »(est une sorcière pré-voyant, avec boule de cristal dans la main)

Yhdysvaltain FED NWO Spa Naton on selittää minulle miksi: Talmud AIPAC, ovat: tullut Islam sharia, maailmanlaajuinen uhka, Pentagon Plan (noita noita) joukkoja ja laitteiden pitkin itään rajojen NATO. Koska 2017. "Risk laajenemisen Yhdysvaltojen ja Venäjän (on ennalta näkijä noita, jolla on kristallipallo kädessä)

US FED NWO Spa NATO dapat ipaliwanag sa akin kung bakit: Talmud AIPAC, ginawa: maging Islam sharia, isang pandaigdigang banta, ang Pentagon Plan (ang sorceress bruha) para sa hukbo at kagamitan kasama ang silangan hangganan ng NATO. Since 2017. 'Risk pagdami pagitan ng US at Russia' (ay isang pre-tagakita bruha, na may kristal ball sa kamay)

USA FED NWO Spa NATO peab mulle selgitada, miks: Talmud AIPAC, on teinud: saada Islam šariaadi, ülemaailmne oht, Pentagoni kava (avaldatud Velho nõid) väed ja seadmed mööda ida piirid NATO. Kuna 2017. "Risk eskaleerumist USA ja Venemaa (on eelnevalt nägija nõid, kristall käsipalli)

ASV FED NWO Spa NATO ir paskaidrojiet man, kāpēc: Talmuda AIPAC, ir veikuši: kļuvuši Islam šariata, globālus draudus, Pentagona plānu (burve raganu) par karaspēka un iekārtu gar austrumu robežu NATO. Kopš 2017. gada "Riska eskalācija starp ASV un Krieviju" (ir pre-gaišreģi ragana, ar kristāla bumbu rokā)

JAV FED NWO SPA NATO privalo paaiškinti man, kodėl: Talmudas Aipac, padarė: tapti islamo šariatą, pasaulinę grėsmę, Pentagono planą (burtininkė ragana) karių ir įrangos išilgai rytinės ribos NATO. Nuo 2017 "Rizikos eskalavimo tarp JAV ir Rusijos" (yra iš anksto regėtojas ragana, su krištolo rutulį ranka)

===================

ארה"ב FED NWO ספא נאט"ו חייב להסביר לי למה: איפא"ק התלמוד, הפכו: להפוך השריעה האיסלאם, איום גלובלי, תוכנית הפנטגון (המכשפה הקוסמת) עבור חיילים וציוד לאורך גבולות ממזרח נאט"ו. מאז 2017. "הסלמת סיכונים בין ארה"ב ורוסיה" (היא מכשפה מראש רואה, עם כדור בדולח ביד)

US FED NWO Spa NATO skal forklare mig, hvorfor: Talmud AIPAC, har gjort: at blive Islam sharia, en global trussel, Pentagon Plan (troldkvinden heks) for soldater og udstyr langs East grænserne for NATO. Siden 2017. 'Risk optrapning mellem USA og Rusland (er en pre-seer heks, med krystalkugle i hånden)

미국 FED NWO 스파 NATO 나에게 설명해야하는 이유 : 탈무드 AIPAC, 만든 : 이슬람 샤리아, NATO의 동쪽 경계를 따라 병력 및 장비에 대한 글로벌 위협, 국방부 계획합니다 (마법사 마녀)이된다. 2017 년 '미국과 러시아 사이의 위험 상승'때문에 (손에 수정 구슬로하는 사전 선견자 마녀)

美國FED NWO溫泉北約必須向我解釋原因:塔木德AIPAC,都取得了:成為伊斯蘭教教法,部隊和裝備以及北約的東部邊界的全球性威脅,五角大樓計劃(女巫女巫)。由於2017年“美國和俄羅斯之間危險的升級”(是一種預先見女巫,在手水晶球)

美国FED NWO温泉北约必须向我解释原因:塔木德AIPAC,都取得了:成为伊斯兰教教法,部队和装备以及北约的东部边界的全球性威胁,五角大楼计划(女巫女巫)。由于2017年“美国和俄罗斯之间危险的升级”(是一种预先见女巫,在手水晶球)

US FED NWO Spa НАТО трябва да ми обясни защо: Талмуд AIPAC, са направили: превърне исляма шериата, глобална заплаха, план на Пентагона (магьосницата вещица) за войски и оборудване по границите на изток от НАТО. От 2017 г. "ескалация на риска между САЩ и Русия" (е предварително гледач вещица, с кристална топка в ръка)

US FED NWO Spa NATO musí vysvětlit, proč mi: Talmud AIPAC, dělali: stal islám šaríu, celosvětovou hrozbu Pentagon plán (kouzelnice čarodějnice) pro vojáky a zařízení podél východního hranice NATO. Vzhledem k tomu, 2017. "rizikem eskalaci mezi USA a Ruskem" (je pre-věštec čarodějnice, s křišťálovou kouli v ruce)

Američki FED NWO Spa NATO mora da mi objasnite zašto: Talmud AIPAC, su napravili: postali Islam šerijat, globalna prijetnja, Pentagon plana (u čarobnica vještica) za vojnike i opremu duž istočne granice NATO-a. Od 2017. godine 'eskalaciju rizika između SAD-a i Rusije "(je pre-vidovnjak vještica, sa kristalna kugla u ruci)

=============
ЗША FED СВО Spa НАТА павінна растлумачыць мне, чаму: Талмуд AIPAC, зрабілі: стаць іслам, шарыят глабальную пагрозу, Пентагон план (вядзьмарка ведзьма) для войскаў і тэхнікі на ўсходніх рубяжоў НАТО. З 2017 года "эскалацыі рызык паміж ЗША і Расеяй» (гэта папярэдне празорлівец ведзьма, з крыштальным шарам ў руцэ)

US FED NWO Spa NATO me azaldu beharko du zergatik: Talmud AIPAC, egin dute: bihurtu Islam sharia, mehatxu global, Pentagonoa Plana (sorceress sorgina) tropak eta ekipamendua ekialdean NATO mugetan zehar egiteko. 2017. 'Arriskua AEBetan eta Errusiaren arteko eskalatze' zenetik (pre-seer sorgin bat da, kristal eskuan baloi batekin)

ABŞ FED NWO Spa NATO mənə izah etməliyik: Talmud AIPAC etdik: İslam şəriət, NATO-nun şərq sərhədləri boyunca qoşunları və avadanlıq üçün qlobal təhlükə, Pentagon Planı (sehrbaz ifritə) olur. 2017-ci "ABŞ və Rusiya arasında Risk dırmaşması" ci ildən (əl kristal top ilə bir pre-görücü ifritə)

يجب أن الولايات المتحدة FED NWO سبا الناتو يشرح لي لماذا: التلمود ايباك، جعلت: أصبح الإسلام الشريعة، تهديدا عالميا، وخطة وزارة الدفاع الأمريكية (ساحرة مشعوذة) للقوات والمعدات على طول الحدود الشرقية لحلف شمال الأطلسي. منذ عام 2017. "تصعيد خطر بين الولايات المتحدة وروسيا" (هو ساحرة قبل بصير، مع الكرة الكريستال في اليد)

SHBA FED NWO Spa NATO duhet të shpjegojë për mua se pse: Talmudi AIPAC, kanë bërë: të bëhet Islam sheriatin, një kërcënim global, Planin e Pentagonit (magjistare magjistare) per trupave dhe pajisjeve përgjatë kufijve lindje të NATO-s. Që nga vitit 2017. "përshkallëzimin e rrezikut mes SHBA dhe Rusisë" (është një magjistare para-shikuesit, me topin kristal në dorë)

Amerikaanse Fed NWO Spa NAVO moet vir my verduidelik waarom: Talmud AIPAC, gemaak: word Islam Sharia, 'n globale bedreiging, die Pentagon Plan (die tovenares heks) vir troepe en toerusting langs die oostelike grense van die NAVO. Sedert 2017. 'Risk eskalasie tussen die VSA en Rusland ('n pre-siener heks, met kristal bal in die hand)
=======================
#Rothschild, il dizionario ha tentato di sostituire il tuo nome, con il termine di "trochilo" ti deride la Vergine di ISRAELE! è vero che tu sei più ricco di me, ma, è perché tu sei un ladro ed io no!

#Rothschild, SpA, FED, tu non dovresti mai dimenticare, che, tutti i popoli del mondo: sono tutti miei, e non potrebbero mai essere tuoi, ovviamente, se tu dissenti da questa mia affermazione? tu sarai costretto ad affrontarmi, che ti piaccia o no!

#Rothschild, #SpA, #FED, non dovresti scoraggiarti, e ritenere una impresa impossibile, il potermi sconfiggere, soltanto perché, i sommi sacerdoti di satana non ci sono riusciti? questo non vuol dire che non puoi riuscici tu! "non hanno i farisei un potere satanico Kabbalah maggiore?"
=============
666 CIA CANNIBAL 187AUDIOHOSTEM ha pubblicato un commento [Holy Quran 4:59] ANSWER [ CON IL CORANO SATANA HA MESSO IL CERVELLO DI ERDOGAN NEL CESSO? ED HA TIRATO LO SCARICO! [ O voi che credete, obbedite ad Allah e al Messaggero e a coloro di voi che hanno l'autorità. Se siete discordi in qualcosa, fate riferimento ad Allah e al Messaggero, se credete in Allah e nell'Ultimo Giorno. E' la cosa migliore e l'interpretazione più sicura. [[ PENA DI MORTE PER APOASTASIA E BLASFEMIA ]] Sahih International, O you who have believed, obey Allah and obey the Messenger and those in authority among you. And if you disagree over anything, refer it to Allah and the Messenger, if you should believe in Allah and the Last Day. That is the best [way] and best in result.

===========

187AUDIOHOSTEM 666 NATO USA: ha pubblicato un commento ["O you who believe! Obey Allah and His Messenger and those of you who are in authority..."] really? QUINDI, ORA, 1. ROTHSCHILD è diventato, ALLAH KABBALAH AKBAR Talmud? E, IL SUO MESSENGER È SALMAN SHARIA salafita Al-Sissi: "MORTE A TUTTI GLI INFEDELI SCIITI, DHIMMI, GOYIM, DALIT, in Giordania, ecc.. ECC...? "

187AUDIOHOSTEM #666 #SpA #FED #NATO #USA #Monsanto ] [ Eih, ma, lo Spirito Santo non aveva danneggiato il tuo cervello?
187AUDIOHOSTEM # 666 #SpA #FED #NATO #Grab #Monsanto] [sorry, but, that the brain, you want to find, in a "322" with: "skull and bones" of Bush and Kerry Obama into the cemetery?
187AUDIOHOSTEM #666 #SpA #FED #NATO #USA #Monsanto ] [ sorry, ma, che cervello, tu vuoi trovare in un "322" di: "teschio con le ossa" di: Bush Obama e Kerry al cimitero?
187AUDIOHOSTEM  [You're So Intelligent]
#187AUDIOHOSTEM #666 #SpA #FED #NATO #BILBENBERG, #Monsanto] [anche le ossa vi farò bollire nell'INFERNO!]
#SHARIA #TALMUD #HELL ] corrupt human nature, then, anal pornography, is FED SPA NWO gays Gender Darwin lobbyes sodomites freemasonry

=======

Sky air2 https://www.youtube.com/channel/UC5cqAsRyriIXaKku0RDa_dg
STOP SPAMMING NOBODY CARES ABOUT YOU'RE MESSAGE!
LorenzoJHWH Unius REI
+Sky air because you know everyone who could read? or could not read? you know what are the priests of Satan, the cannibals, my clients?
perché tu conosci tutti quelli che potrebbero leggere? o che non potrebbero leggere? tu sai cosa sono i sacerdoti di satana, i cannibali, i miei clienti?
+Sky air and we do not know if you have something that they may eat: on the altar of Satan into CIA!
e noi non sappiamo, se tu hai qualcosa che, loro si potrebbero mangiare: sull'altare di satana della CIA!

============

Benjamin Netanyahu ] io DUBITO che, SpA FED ROTHSCHILD, UK services, loro POTREBBE COSTRINGERMI, AD IMBRATTARE, insozzare, anche le MIE MANI, CON IL SANGUE DEGLI ISLAMICI sharia nazisti, perché, io ho un patto con Dio JHWH holy, per impedirlo! ANCHE SE, I MASSONI BILDENBERG E I LORO COMPLICI DEL PD: Bertinotti, D'Alema Prodi, Veltroni, Obama, loro STANNO FACENDO DI TUTTO PER FAR INSANGUINARE anche, le STRADE DELLA EUROPA, come di far insanguinare le strade di tutto il mondo. con questa guerra di Religione e di civiltà che, i sauditi, poiché ricattati dalla CIA, loro sono stati costretti ad inventarsi.
========================
Palmira sotterra le ambizioni di Erdogan [ islamici e satanisti massoni sono un solo anticristo merkel boldrini mogherini bildenberg Spa Fmi FED NWO NATO CIA la bestia di satana ] 30.03.2016 La sconfitta dell’ISIS a Palmira ha presupposto una dura batosta per l’ISIS, tuttavia questa vale anche per tutti quelli che avevano scommesso sulla vittoria di questo gruppo terroristico per implementare i propri piani in Siria che tendono a smembrare e controllare detto paese. [ Soldati siriani bruciano bandiera del Daesh a Palmira ] Siria, esercito e milizie filo-Assad liberano completamente Palmira dal Daesh. Le successive vittorie dell'esercito siriano hanno portato l'ISIS ad una posizione di estrema debolezza ed all'incertezza se l'annientamento definitivo si trova in vista entro pochi mesi, tanto in Siria come in Iraq. Il 27 di Marzo è, quindi un capitolo glorioso della storia della Siria e dell'obbrobrio e della sconfitta per i suoi nemici. Un combattente della guardia nazionale Falchi del deserto tiene la bandiera del Daesh. La Turchia è il paese più pregiudicato dalla sconfitta. Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, si dimostra teso e nervoso davanti alle cattive notizie circa la sconfitta dei suoi alleati dell'ISIS ed ha affermato, in vari viaggi all'estero, che i negoziati di Ginevra sono "inutili" mentre la Russia continua ad aiutare l'Esercito siriano. [ Premier dell'Iraq Haider al-Abadi ( Premier Iraq: Turchia sta cercando di rifondare l'Impero Ottomano ] Ankara si dimostra anche irritata per il fatto che lo spiegamento russo dei missili S-400 a Latakia abbiamesso fine al progetto turco di stabilire una zona di esclusione aerea e di una zona cuscinetto nel nord della Siria, come passi preventivi alla ricostruzione dell'Impero Ottomano — che dovrebbe comprendere anche l'Iraq, la Siria fino al Magreb- che Erdogan perseguiva in collaborazione con i suoi alleati terroristi (e con il beneplacito USA). In questo senso, i progressi dell'Esercito siriano hanno messo fine ai sogni espansionisti di Erdogan e del suo seguito provocando l'irritazione in un momento in cui lui stesso si trova sul punto di instituire una dittatura nella sua Turchia ed incrementa la persecuzione dei media critici, come dimostra la recente confisca del giornale Zaman e le minacce contro gli altri giornali dell'opposizione. [ Contrabbando di petrolio del Daesh. Il petrolio del Daesh in Turchia, ecco le prove ] Gli attacchi russi e l'avanzata dell'Esercito siriano hanno tagliato la maggior parte delle rotte di rifornimento dei gruppi terroristici. Inoltre l'Esercito siriano sembra prepararsi adesso per la presa di Yisr al Shugur, una città strategica situata nella provincia di Idlib, nel nord della Siria, la cui cattura in Aprile dal denominato "Esercito della Conquista" fu possibile grazie all'aiuto turco. La presa di Yish al Shugur sarà seguita da altre offensive destinate a recuperare la totalità della provincia di Idlib. La conquista di più zone nel nord taglierà definitivamente il cordone ombelicale che unisce i gruppi terroristici alla Turchia e diminuirà o finirà con l'influenza che questo paese esercita sugli avvenimenti sul campo di battaglia in Siria. [ Combattente del Daesh, Bruxelles e Parigi, Daesh minaccia: “Era solo l'assaggio” ] In questo senso, molti analisti militari ritengono che dopo la liberazione di Palmira, i feudi terroristici andranno a cedere uno per uno in rapida successione e che l‘ISIS ed il Fronte al Nusra potrebbero rimanere al bordo del loro annichilimento in pochi mesi. La vittoria di Palmira dimostra anche la fragilità e la bancarotta della denominata "opposizione armata" in Siria, che non combatte sotto la bandiera di un progetto nazionale ma soltanto nella ricerca di denaro e degli aiuti del regime saudita, di quello turco e dei vari paesi occidentali: http://it.sputniknews.com/opinioni/20160330/2374274/palmira-sotterra-ambizioni-erdogan.html#ixzz44PmLtJVd

====================
LA CIA HA MANDATO I CECCHINI A MAIDAN AD UCCIDERE 100 PERSONE, E A REALIZZARE UN GOLPE, ED UN POGROM NEL DONBASS, E POI, È LA RUSSIA CHE È AGGRESSIVA? QUESTO DELLA NATO USA UE I MASSONI FARISEI SPA FED FMI, È UN CRIMINE DI GENOCIDIO CONTRO TUTTO IL GENERE UMANO: INVECE! Mentre il vice segretario alla Difesa, Robert Work, ha sottolineato come il nuovo piano dovrebbe tranquillizzare i Paesi dell'est europeo, preoccupati dalla mire espansionistiche della Russia dopo l'intervento in Ucraina.



SALMAN SAUDI ARABIA ] è vero, tu puoi cestinare il mio messaggio, ma, poi, per scorpioni e serpenti? una ARABIA SAUDITa RADIOATTIVA? Non sarà un posto comodo dove poter abitare! AL CONTRARIO, SE TU ASCOLTI IL MIO CUORE? TUTTA LA ARABIA SAUDITA DIVENTERÀ: 1. IL LUOGO PIÙ SANTO DEL PIANETA, E, 2. SARÀ COME HEDEN: IL PARADISO DEL SIGNORE.. TUTTI I FARISEI SPA FED, le BESTIE DI SATANA Talmud? LI DOBBIAMO COSTRINGERE A RITORNARE DAL LORO SIGNORE JHWH! 3. ti prometto che non ti daranno nessun problema, perché, di tutti loro? io mi prenderò cura, proprio io, personalmente! [ SE, VIENE PERMESSA LA LEGGE SULLA BLASFEMIA APOSTASIA, SE NON MUSULMANI SONO I DHIMMI, E SE QUESTI ASSASSINI TERRORISTI DIVENTANO GLI EROI? POI, LA LEGA ARABA È RESPONSABILE DI ALTO TRADIMENTO E DI TERRORISMO SHARIA CONTRO IL GENERE UMANO! Pakistan: kamikaze fa strage di cristiani a Lahore, 72 morti, maggior parte donne e bambini 28 marzo 2016 ]
PERSECUTED CHURCH


ORMAI SIAMO ALLA DITTATURA E ALLA PERSECUZIONE GENDER ] Omphalos, Pillon, Forum Famiglie, rinviato a giudizio. Il Tribunale aveva disposto sequestro video contenenti le dichiarazioni dell’avvocato, 24 marzo 2016. https://plus.google.com/106687390527706830615/posts?cfem=1 Omphalos, Pillon, Forum Famiglie, rinviato a giudizio. È stato notificato ieri il decreto di citazione a giudizio che vede imputato l’avvocato Simone Pillon, consigliere nazionale del Forum delle Associazioni Familiari. L’avvocato era stato querelato da Omphalos Arcigay Arcilesbica per diffamazione nella vicenda degli interventi informativi nelle scuole superiori del perugino. L’esponente del Forum delle Famiglie, in diversi convegni pubblici, aveva affermato che gli interventi informativi contro l’omofobia dell’associazione con gli studenti degli istituti superiori fossero in realtà degli inviti ad avere rapporti sessuali tra persone dello stesso sesso. Inoltre, l’avvocato aveva additato le attività dell’associazione come istigazione all’omosessualità e, cosa ancora più grave, aveva affermato che l’associazione distribuiva materiale pornografico nelle scuole e offriva la propria sede per “pratiche di iniziazione” di giovani che vogliono sperimentare l’omosessualità. «Questo primo atto del Tribunale di Perugia – commenta Patrizia Stefani, co-presidente di Omphalos – ci conferma che non siamo i soli a pensare che le parole dell’esponente del Forum delle Famiglie siano gravemente diffamanti dell’importante lavoro che la nostra associazione svolge ogni giorno, nel combattere omofobia e bullismo anche nelle scuole. Avevamo e continuiamo ad avere piena fiducia nell’operato della magistratura e ringraziamo sin da ora gli avvocati Saschia Soli e Antonio Rotelli di Rete Lenford (Avvocatura per i diritti LGBT) per il supporto in questa amara vicenda.» Il Tribunale di Perugia, già nel gennaio 2015 durante le indagini preliminari, aveva disposto il sequestro dei video contenenti le dichiarazioni dell’avvocato. Il GIP ha ora chiuso le indagini, ravvisando gli estremi per il rinvio a giudizio.
«Procederemo ora in giudizio e l’associazione si costituirà parte civile – dichiara Emidio Albertini, co-presidente di Omphalos – chiedendo anche il giusto risarcimento per le gravi diffamazioni ricevute. Annunciamo sin da ora che l’eventuale risarcimento che il Tribunale deciderà di accordare, verrà interamente destinato in progetti contro omofobia e bullismo nelle scuole del territorio. L’impegno di Omphalos per una scuola più inclusiva e rispettosa di tutte le differenze rimane una delle nostre priorità. Proseguiremo su questa strada con ancora maggiore determinazione.» http://www.umbriajournal.com/politica/omphalos-pillon-forum-famiglie-rinviato-a-giudizio-195300/


non possiamo dare il nostro denaro agli islamici sharia, che stanno venendo anche a sgozzarci, perché Mogherini Boldrini Merkel d'Alema li hanno chiamati a milioni, come hanno ucciso tutti i martiri cristiani nella LEGA ARABA, ed in tutto il mondo, certo uccideranno anche noi, e non possiamo indebitarci impoverirci, ulteriormente. CERTO GLI INVESTIMENTI SUL RINNOVABILE E BIOMASSE, ESTRAZIONE DI MATERIE PRIME DALLE DISCARICHE, ECC..  NON SI DEVE FERMARE, Referendum 17 aprile, perché siamo contro. Intervento di Gianfranco Borghini alla Conferenza Stampa di presentazione del Comitato contro il referendum del 17 aprile “Ottimisti e Razionali”:
“Il nostro comitato è “Contro” il referendum. L’invito che rivolgiamo agli Italiani è di “Non” andare a votare. Per due ragioni: perché è un referendum ingannevole e perché è dannoso. E’ ingannevole, perché i promotori vogliono far credere agli italiani che con il referendum si dirà “No” a nuove trivellazioni entro le 12 miglia; e questo proprio a breve distanza dalla decisione del Parlamento di approvare una legge che espressamente le vieta. Che senso ha fare spendere al paese 400 milioni di euro per dire “ No” a qualcosa cui il Parlamento ha già detto “No”? Nessun senso, appunto. Per questo il referendum è un inganno.
Il referendum non è un referendum di iniziativa popolare. Nessuno ha chiesto ai cittadini che cosa pensano; nessuno ha raccolto le 500 mila firme necessarie. Chi ci ha provato in passato non c’è riuscito. A promuovere questo referendum sono state 9 regioni (e non fra le più popolose), alle quali preme una sola cosa: affermare il principio del tutto sbagliato ­ che a decidere in materia di energia debbano essere, in ultima istanza, le regioni e non il Parlamento. Se così dovesse essere, prevarrebbero solo e soltanto interessi locali e localistici, e non quelli nazionali. Per questo invitiamo i cittadini a respingere l’invito delle 9 regioni e a non andare a votare. Il Referendum è anche dannoso. Il vero obiettivo dei suoi promotori non è impedire le trivellazioni, che comunque sarebbero vietate, ma è quello di bloccare le piattaforme che già esistono e che da anni riforniscono, in tutta sicurezza e senza danneggiare nessuno, una parte significativa del gas che serve al paese. Si dice che queste produzioni sono marginali e che il gioco non vale la candela. Non è vero! La produzione italiana di gas e di olio (a terra e in mare) copre, rispettivamente, l’11,8% e il 10,3% del nostro fabbisogno. In Euro questo significa 4,5 miliardi all’anno di risparmio sulla bolletta energetica. Non è davvero poco. Le piattaforme off­shore che si vorrebbero chiudere forniscono fra il 60 e il 70% del gas nazionale che utilizziamo in casa o nelle attività produttive. Perché dovremmo rinunciare a questa energia pulita, sicura e che soddisfa bisogni fondamentali del paese? Perché dovremmo mettere in crisi un settore industriale che crea lavoro e ricchezza e che è ricco di professionalità e di tecnologie? Non c’è nessuna ragione valida per farlo. Sarebbe uno spreco assurdo che nessuna nazione che abbia la fortuna di disporre di risorse energetiche nazionali, a cominciare dalla “verdissima” Norvegia, si sognerebbe di fare. Perché mai dovrebbe farlo l’Italia?
L’attività estrattiva del gas metano non danneggia in alcun modo il turismo. Il 50% del gas viene dalle piattaforme che si trovano nell’alto Adriatico; nessuna delle numerose località balneari, a cominciare dalla splendida Ravenna, ha lamentato danni. Anzi, il turismo balneare è cresciuto cosi come sono cresciute le spiagge cui la lega Ambiente conferisce la goletta verde. Il gas non danneggia l’ambiente, le piattaforme sono aree di ripopolamento ittico ed è di pochi giorni fa che l’Università californiana di Santa Barbara ha chiesto che non venga dismessa la piattaforma Eureka, considerata da loro una importante oasi ittica. Né si può dire che le piattaforme deturpino il paesaggio. Deturpano molto di più le pale eoliche che popolano le colline pugliesi. Soprattutto l’estrazione di gas è sicura. Su di essa esercitano un controllo costante e stringente l’ISPRA, l’Istituto Nazionale di geofisica, quello di geologia e quello di oceanografia. C’è il controllo delle Capitanerie di porto, delle Usl e delle Asl nonché quello dell’Istituto superiore di Sanità e dei ministeri competenti. Mai sono stati segnalati incidenti o pericoli di un qualche rilievo.
Infine, questa attività non costa nulla ai contribuenti ma dà molto al paese: 800 milioni di tasse, 400 di royaties e canoni, 300 di investimenti in ricerca. Dà lavoro diretto a più di 10.000 persone e concorre col settore a dare lavoro a più di 100 mila persone. Perché dovremmo disperdere questa ricchezza tanto più se non crea nessun danno a nessuno?
La richiesta referendaria è puramente distruttiva. Non si crea un nuovo sviluppo distruggendo ciò che faticosamente, da Enrico Mattei in poi, il paese ha fatto. Per questo diciamo agli Italiani: “Non andate a votare, non tirate la volata a chi vuole soltanto distruggere”.

il popolo del Pakistan ha deciso che, la guerra mondiale nucleare è la cosa migliore che si possa fare! ISLAMABAD, 30 MAR - I fondamentalisti islamici hanno deciso di sospendere in serata il loro sit-in di protesta a Islamabad dopo che, il governo ha accolto alcune delle loro rivendicazioni, tra cui quella di non modificare la legge sulla blasfemia (pena di morte per chi osa criticare Maometto). Migliaia di sostenitori di Mumtaz Qadri (il martire di satana), la guardia del corpo che nel 2011 uccise il governatore del Punjab Salmaan Taser, erano entrati domenica nella 'zona ad alta sicurezza'. I manifestanti, guidati da alcuni partiti islamici (assassini nazisti), avevano presentato una lista di 10 richieste, tra cui l'impiccagione della madre cristiana Asia Bibi, CALUNNIATA, E condannata a morte nel 2010 con l'accusa di aver insultato il Profeta Maometto durante una lite con delle donne musulmane (è stata una TRAPPOLA: lei disse PERCHÉ FU COSTRETTA: "Gesù è morto per me sulla croce, non Maometto!" PERCHÉ LE COMPAGNE LE DICEVANO: "TU DICCI PERCHÉ NON TI FAI MUSULMANA!" MA, IN REALTÀ ERANO INVIDIOSE DELLA SUA GRAZIA E DELLA SUA BELLEZZA. ). Da quanto si è appreso, i radicali hanno ottenuto concessioni su 7 punti dopo un lungo braccio di ferro con le autorità. Oltre alla garanzia di non emendare la draconiana GENOCIDIO MINORANZE: legge sulla blasfemia, il governo ha promesso di scarcerare i dimostranti pacifici di non mettere in libertà coloro che sono stati condannati per blasfemia.

gli uomini del sistema finanziario usurocratico massonico: i sacerdoti di satana CIA SPA FED NWO NATO SPA BCE FMI, hanno uno stridente disagio evidente, MA, DARE DEL PAZZO AD UN AVVERSARIO POLITICO, E CONDANNARE COME PAZZI TUTTI I SUOI ELETTORI? È QUALCOSA DI SPREGEVOLE E CRIMINALE! NEW YORK, 30 MAR - "Impossibile far ragionare Donald Trump". A parlare è una delle messicane più famose d'America, l'attrice Salma Hayek, la quale in un'intervista alla trasmissione "Jimmy Kimmel Live!" ha detto che non c'è verso di riportare il lume della ragione nel magnate del mattone. Hayek ha anche ammesso di conoscerlo personalmente da tempo ma ha aggiunto che non lo vede da diversi mesi. "Non lo vedo - ha detto - da quando ha iniziato questa parte di intrattenimento della sua carriera". L'attrice ha poi sottolineato che il vero problema non e' Donald Trump bensì i suoi sostenitori, "è loro che bisogna far ragionare", ha detto. "Non bisogna far ragionare lui. Ognuno ha diritto ad avere la sua pazzia. Bisogna invece riportare la ragione in quelli che non vedono quella pazzia", ha detto.

il contratto non è valido se MaRIO MONTI, ci ha truffato e tradito, il 40% della economia italiana è nel sommerso, quindi, noi paghiamo l'EURO il 40% in più del suo valore.. questo inficia: la validità di questo contratto giuridico, anzi all'ITALIA deve essere risarcita del mal tolto di tutti questi anni! ] [ Padoan: "L'Ue danneggia l'Italia, così non va". Lo sforzo richiesta dall'Ue all'Italia è "deformato da considerazioni statistiche" e "queste regole, imponendo all'Italia aggiustamenti dolorosi, le recano maggior danno che ad altri Paesi, e questo non mi va bene''. Così il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan in una intervista a Le Figaro nella quale conferma che ''l'Italia rispetterà lo sforzo di aggiustamento che le è richiesto''. Anche la Commissione europea, spiega Padoan, "ammette che questo metodo di calcolo potrebbe essere differente, ma non si cambiano le regole durante il gioco".

sovranità monetaria europea, immediatamente, o guerra mondiale nucleare per colpa del PD i massoni!
18:03 Padoan, flessibilità non è scusa
18:02 Padoan, Europa delude cittadini
17:59 Da 1 aprile elettricità -5%, gas -9,8%
17:16 Famiglie senza reddito lavoro sono 1mln
17:15 In 200mila famiglie lavora madre, no papà

tutte le cose che, Dio ci ha regalato acqua aria, sovranità, noi ora dobbiamo comprarle dalle SPA FMI, di quelli: i massoni farisei che ci hanno rubato il signoraggio bancario, che ci mettono metalli pesanti nei vaccini, ed ora, ci hanno tassato anche l'acqua: perché noi siamo gli schiavi goyim israeliani senza genealogie paterne! Caro acqua, in media 376 euro a famiglia. Ambiente&Energia. Nel 2015 +5,9%. #Cittadinanzattiva, al Centro tariffe più alte, Toscana top

luridi inzivosi lurdacchioni sodomiti pornografi culto: dogma Darwin Gender, pedofili poligami bestialismo, tutti un solo branco di porci e di maniaci sessuali: la feccia delle anime maleficate all'inferno! ] [ e voi credete, che, gli abitanti di ZOAR (Genesi 19,20), ringraziarono LOT per avere salvato loro la vita? no, vi dico! lo derubarono delle poche cose che, lui era riuscito a portarsi dietro, lo minacciarono di morte, e non violentarono le figlie soltanto perché LOT li pagò! Quindi, LOT per non essere ucciso, fu costretto a fuggire in una caverna, dove non c'erano uomini, per potersi sposare, e le figlie furono costrette ad ubriacarlo, per potergli dare una discendenza: soltanto perché, LOT si vergognava di essere uscito da ABRAMO come un CAPO CLAN, e di ritornare da Abramo come un servo! quindi, RIMANE di: LOT QUESTO ESTREMO ORGOGLIO, di non volersi sottomettere ad ABRAMO; di: NON VOLER RICORRERE ALLA PROTEZIONE DI ABRAMO, che già per due volte gli aveva salvato la vita (ed ABRAMO rischiò una volta la sua vita per lui in Genesi 14, quando con una sortita mise in fuga quattro Re, che, avevano fatto prigioniere tutte le persone di Sodoma, ecc.. ), quindi, il giusto LOT, per orgoglio, preferì finire i suoi giorni nella infamia!
PERSECUTED CHURCH


non dovremmo commuoverci di LOT, e di tutte le sue sventure, perché, lui è stato quel ribelle, che, lui si è ribellato alla autorità di ABRAMO, che, LOT nella sua presunzione: lui pensava di cavarsela, in un mondo dominato dai demoni, e da uomini scellerati sodomiti, assassini, idolatri, ladri, dogmatici, massoni, farisei e salafiti ipocriti, tutti sotto l'influsso del peccato originale, cioè, lui LOT, ha preteso di cavarsela, da solo, senza ABRAMO (ma, in realtà, lui lasciando Abramo ha lasciato Dio, ecco perché, gli ebrei in tutto il mondo, sono senza speranza, perché, hanno lasciato Abramo, per seguire Rothschild il Talmud SpA FED Fariseo), LOT pensava che la sua rettitudine e la sua giustizia lo avrebbero potuto: proteggere e salvare, che, il suo valore e le sue alte professionalità sarebbero state riconosciute. e invece No, non è stato così! LA SOLA GIUSTIZIA E RETTITUDINE UMANE, NON POSSONO VINCERE SUL POTERE DELLE TENEBRE, per noi storicamente, IN QUESTA CONDUZIONE DEMONIACA del nostro quotidiano: NWO USA NATO UE Bildenberg.. QUINDI, LOT è vivo soltanto perché Abramo ha ottenuto da Dio, il dono, il riscatto della sua vita, cioè, di non fare bruciare anche lui (il giusto) insieme a SODOMA, Gomorra, e insieme alle altre 3 città della valle, e bruciare anche, insieme al villaggio di ZOAR (Genesi 19,20), che non fu disintegrato, e carbonizzato, anche, villaggio di ZOAR (a motivo della esplosione di un giacimento petrolifero), soltanto, grazie alla implorazione di LOT!
PERSECUTED CHURCH


una altra osservazione evidente a tutti, è la assoluta sottomissione ed ubbidienza al padre, e la ubbidienza di tutti i padri, al capo del CLAN: PADRE PER ECCELLENZA! QUESTA OBBEDIENZA NON AVEVA SOLTANTO UN CARATTERE SACRO: "IL PADRE È IL SACERDOTE DI DIO", ma aveva un carattere pratico di sopravvivenza (ecco perché, gli ebrei hanno imparato ad essere ubbidienti, ai loro rabbini farisei anche se, li hanno portati alla Shoah, nei forni crematoi di Hitler, con atto di signoraggio bancario Spa Nwo, che è un atto di deliberato satanismo!), INFATTI, se, tu ti ribellavi, ed uscivi dal clan? subito diventavi la vittima, o lo schiavo di qualcuno! Ecco perché, SARA non si ribella a suo marito quando dice: "di a tutti, che sei mia sorella", perché, il danno di una adulterio, sarebbe stato meno grave, del danno, della morte del capo del CLAN: ecco perché, nella Bibbia, le donne ebree anche peccando contro la LEGGE hanno dato una discendenza ai loro mariti defunti, o al loro padre, come nel caso di LOT, di cui presto parleremo! Così tutti ubbidiscono a Terach il padre di Abramo, così come tutti ubbidiranno ad Abramo alla morte di Terach, ecco perché, tutti i ribelli, e tutte le anime maledette all'inferno, sono tutti le vittime del demonio, cioè, tutti coloro che hanno fatto ribellione, contro la legge del Padre ABRAMO ( perché è Abramo, che ha il possesso e la titolarità, di un contratto a morte (Genesi 15,9), di tipo imprecatorio con Dio)!
PERSECUTED CHURCH


il PRIMO CONTRATTO GIURIDICO TRA DIO E GLI UOMINI ] [ se, noi escludiamo la esperienza degli uomini pre-diluviani tutti giganti che, vivevano centinaia di anni, ed entriamo nella nostra storia, con rigore scientifico, noi possiamo affermare negli atenei universitari, di tutto il mondo, che, il primo uomo di cui, noi possiamo documentare scientificamente la esistenza è Abramo! MA, QUEST'UOMO HA UNA CARATTERISTICA STRAORDINARIA, È RIUSCITO A FARE CON DIO UN CONTRaTTO DI TIPO IMPRECATORIO A MORTE, in cui DIO: si impegna a dare la terra ai suoi discendenti, e in cui, i suoi discendenti (tutti i popoli) si impegnano a ubbidire ai comandamenti di Dio: la LEGGE NATURALE (non mentire, non danneggiare) E LA LEGGE UNIVERSALE ( solo l'amore è il senso di tutte le cose)! tutte leggi scritte da Dio al momento creativo, nei cromosomi del genere umano (la METAFISICA)
PERSECUTED CHURCH


ovviamente, poi, io mi sono indignato contro: il mio libro di religione cattolica, perché ho letto in esso, che: "Gesù è venuto a rivelare il nuovo VOLTO di DIO", cioè, come se il Dio della Torah, fosse non un Dio sufficientemente e adeguatamente rivelato! .. e poi, io ho riflettuto, che, coloro che hanno assemblato, ed in parte minimale, anche, hanno scritto la Torà (inquinandola), sono stati gli stessi maledetti farisei che hanno scritto il Talmud! Ecco perché, Gesù e tutti i Profeti non potevano essere creduti dai RICCHI, perché, a loro faceva bene, piaceva: fare la usura, sfruttare gli schiavi, e conservare un monopolio religioso per escludere il popolo dalla verità e dalle benedizioni di Abramo, e, quindi soggiogare, sfruttare, il popolo e schiavizzarlo! ECCO PERCHÉ HANNO CALUNNIATO IL RE SALOMONE, PERCHÉ LUI ERA UN GRANDE CHE CREDEVA NELLA LIBERTÀ DI RELIGIONE!
PERSECUTED CHURCH


un armadio di alunno alto 1,90 circa, che: non è mio alunno: perché: 1. non si avvale della mia materia facoltativa di: IRC, ma, in genere è costretto a stare in classe, perché, 2. la scuola non ha le risorse per custodire altrove questi alunni, e, quindi, 3. lui si diverte, insieme ad altri, a dare fastidio, e a fare ostruzione, ad ogni mio tentativo di fare lezione. Mi ha fatto una domanda: "Professore io posso fare un patto con il Diavolo? cioè, io posso vendere la mia anima al diavolo?" IO HO RISPOSTO: non c'è nulla di più demenziale, perché Dio Holy JHWH, non ti vuole vedere: malato, sofferente, infelice, povero, oppresso, e quindi da Dio si possono ottenere molti più benefici, che, non con il diavolo, che, il diavolo ti porterebbe inesorabilmente alla distruzione dell'inferno insieme con lui! ANZI, la Bibbia contiene 2500 benedizioni, e 2000 di queste benedizioni sono materiali, sessuali, finanziarie, di trionfo politico, ecc.. tutto quello che potrebbe esistere di desiderabile in questo mondo, per esempio pochi sanno che, la strada per arricchirsi attraverso, le benedizioni bibliche è quello di praticare la legge della decima!
PERSECUTED CHURCH

 (modificato)
non è che, io non leggo più la Bibbia, per fare un dispetto ai Farisei Satanisti Massoni: "NO!", ma, se io leggo la Bibbia JHWH holy, lui il Santo, lui è così un chiacchierone con me, che mi stressa poi, il dover scrivete così tanti articoli, perché, io non mi posso assumere la responsabilità di aver capito qualcosa, e di non averla trasmessa ai miei fratelli, cioè, a tutti gli uomini di questo pianeta maleficato dalla usura delle Banche Centrali! E PURTROPPO, COME VOI AVETE GIÀ CAPITO, IO OGGI, IO HO FATTO L'ERRORE DI LEGGERE LA BIBBIA! Devo premettere che, prima di avere questo ministero in youtube? io ho letto la Bibbia per più di 4 anni, almeno tre ore al giorno, perché, per ogni fondamentalista biblico pentecostale? la Bibbia non è un: libro increato: Corano del cazzo: che ti fotte, no! ma, è soltanto la vivente PAROLA di Dio Vivente, che si è fatto uomo in Gesù di Nazareth, RISORTO, e REGNA alla DESTRA del PADRE: un solo JHWH, e lui (la parola) sta bene, ed aspetta di venire a giudicare i vivi e i morti! quindi, se hai la confidenza e la amicizia dello Spirito Santo (il soffio), tu proprio non puoi più impedire a Dio, cioè a quel chiacchierone, di poterti parlare!
PERSECUTED CHURCH


anche se, i miei articoli di teologia biblica, sono troppo apprezzati, dai sacerdoti di satana della CIA: i cannibali, perché, loro sono desiderosi di capire come stanno veramente le cose, e non perché, loro si vogliono santificare: no! ma perché loro vogliono sapere quando potrebbero avere gli strumenti stando all'inferno di conquistare il REGNO di JHWH (e questo indica come i satanisti sono veramente dei coglioni, senza speranza! ); e se: 2. è giunto il momento di governare, su questo Pianeta, con Satana, come il libro di Apocalisse ha già profetizzato! Diciamo subito che con Unius REI in azione? i 666 massoni, si possono tutti tagliare le palle e le possono ai cani!
PERSECUTED CHURCH


http://close-youtube-page.blogspot.com/2016/03/trasformare-arabia-saudita-giardino.html
close youtube page https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion
PERSECUTED CHURCH


Salman Saudi Arabia kingdom ] VOGLIAMO dare il 50% di tutta la Palestina ai palestinesi? 1. trovatemi 400000kmq per raccogliere tutti gli ebrei del mondo! 2. rinunciate alla sharia! [ gloria a Dio ] voi lo sapete, io non ho privilegi per nessuno, tutti devono dare il loro contributo.. dopotutto è meglio piangere da vivi, che non piangere perché si è morti! MA, ONESTAMENTE? IO NON VEDO PERDITE PER QUALCUNO, NEANCHE PER ROTHSCHILD! IL BILANCIO TRA IL DARE ED IL RICEVERE? DEVE ESSERE SEMPRE UN BILANCIO IN ATTIVO PER TUTTI! DIMMI TU, COME IO Posso impoverire Rothschild, se è lui che deve trasformare la ARABIA SAUDITA in un giardino fiorito?
PERSECUTED CHURCH


contro la assurdità della NATO UE CIA ] [ "La cooperazione tecnico-militare con i paesi europei si è quasi fermata — ha detto il leader russo —. Vorrei sottolineare che non si tratta di una nostra iniziativa e ci aspettiamo che tale situazione possa essere temporanea", ha ammesso Putin durante un incontro con la commissione russa per la cooperazione nel settore militare. Il presidente si è anche detto sicuro che tale ripristino delle relazioni possa essere nell'interesse di tutti i paesi europei visto che contribuirebbe "ad aumentare" la fiducia reciproca.   
==================
PERSECUTED CHURCH


ECCO PERCHÉ LA CHIESA CATTOLICA DEVE PAGARE TUTTE LE TASSE IN ISRAELE, perché, il sangue degli israeliani, è vero: è merda (sono goj, goyim, goy, senza genealogia paterna per Rothschild): è vero, ma, la Chiesa Cattolica è responsabile della Morte di tutti i martiri cristiani nel Mondo, dato che è per dare uno Stato ai terroristi Palestinesi, come è per dare un riconoscimento giuridico a tutta la LEGA ARABA! che la Chiesa Cattolica è il mandate di tutti gli omicidi dei martiri cristiani del mondo!
PERSECUTED CHURCH


CIOÈ, POICHÉ IL SOLDATO ISRAELIANO NON SI È LASCIATO PUGNALARE A MORTE, POI, LUI È COLPEVOLE DI ISTIGAZIONE CONTRO I PALESTINESI? AUGURI! Per il membro palestinese della Knesset, Ayman Odeh, il premier israeliano dovrebbe essere giudicato con il soldato per istigazione contro i Palestinesi.
PERSECUTED CHURCH


la LEGA ARABA è un nazismo esasperato sharia, un genocidio di popoli precedenti istituzionalizzato: teologicamente! SE GLI ISRAELIANI NON USASSESSERO METODI BRUTALI? SI ESTINGUEREBBERO rapidamente! PRIMA DI PRETENDERE I DIRITTI? GLI ISLAMICI FACCIANO IL LORO DOVERE: RINUNCINO ALLA SHARIA E DIANO LO STATO LAICO CHE È IL CONTRARIO DELLO STATO SECOLARE! non ESISTE UN QUALSIASI RICONOSCIMENTO GIURIDICO, NEI CONFRONTI DELLA LEGA ARABA, SENZA RECIPROCITÀ, E SE NON RINUNCIANO ALLA SHARIA! QUESTA VOLTA NON MORIREMO INUTILMENTE: COME LE ALTRE VOLTE, ma, L'ISLAM DOVRÀ SPARIRE DAL PIANETA! Hebron, quando gli assassini imbarazzano Netanyahu. 29.03.2016. Un giovane palestinese è stato ucciso mentre era disteso a terra e disarmato. L’Onu chiede spiegazioni per l’ondata di esecuzioni extragiudiziarie che sta vivendo il Paese. Netanyahu contro Ban Ki Moon: Incoraggia il terrorismo. Abed al-Fattah Yusri al-Sharif e Ramzi Aziz al-Qasrawi, due giovani palestinesi di 21 anni, sono stati colpiti giovedì 24 marzo dopo un presunto accoltellamento e il lieve ferimento di un soldato israeliano nei pressi di un check-point militare ad Hebron. Al-Qasrawi è stato ucciso sul colpo, mentre al-Sharif è rimasto disteso a terra per diversi minuti, già ferito e non più in grado di portare pericolo, prima che un soldato israeliano gli sparasse alla testa. Il militare è stato accusato di assassinio e la vicenda sta suscitando grandi polemiche in Israele. Secondo l'avvocato difensore, il militare avrebbe agito secondo le regole d'ingaggio suggerite dai suoi superiori, ma non è chiaro a chi si riferisca il legale. Benjamin Netanyahu ha preso le distanze dall'uccisione, anche se solo qualche mese fa incitava i soldati a uccidere garantendo loro piena assistenza legale. Per il membro palestinese della Knesset, Ayman Odeh, il premier israeliano dovrebbe essere giudicato con il soldato per istigazione contro i Palestinesi. Dallo scorso Ottobre Israele sta ripetutamente attuando una politica di "esecuzioni extragiudiziarie" contro i Palestinesi. Secondo le Nazioni Unite "è il momento di fermare la spirale negativa della violenza e iniziare passi positivi verso la fine dell'occupazione". Ma in casa palestinese l'esecuzione di Hebron è ormai considerata la regola e non l'eccezione: http://it.sputniknews.com/mondo/20160329/2371789/palestina-giovane-ucciso.html#ixzz44KYRSPDw
PERSECUTED CHURCH


Erdogan e SALMAN ] inzivosi lurdacchioni pedofili poligami ciola felice Maometto [ che, se il vostro non era un puttanato di: nazista Califfato harem Sultanato: bordello privato, e predazione di sharia assassini ladri? non è vero che, senza essere i criminali del genocidio schiavi dhimmi, che, la LEGA ARABA: di teologia genocidio teologia sostituzione, che cioè, avrebbe potuto avere un tale successo!
PERSECUTED CHURCH


PERCHÉ la PORNOGRAFIA è permessa, se la prostituzione è condannata? ] [ pedofilia GENDER ano poligamia bestialismo sharia: teosofia satanica Darwin: [ se io ero un profeta? voi potevate non ascoltarmi, ma, io sono il Politico universale del Regno di Dio JHWH holy: Unius REI, io ho il potere di uccidervi tutti! ] [ evoluzionisti è ano sodoma religione GENDER dogma.
https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion 29 marzo, 2016, ore 18,36 Commenti al momento non disponibili.
PERSECUTED CHURCH


NOI NON POSSIAMO EVITARE DI STERMINARE LA LEGA ARABA O DI ESSERE STERMINATI DAL LORO NAZISMO! le esecuzioni extra-giudiziarie sono la norma, del comportamento, che, si deve tenere, contro, gli islamici sharia, in tutto il mondo! e Perché, Israele deve avere una: 1. inutile, 2. costosa, 3. imponente: struttura di sicurezza: dato che, ogni anno 50 suoi cittadini innocenti rimangono uccisi ugualmente? il 50% dei palestinesi sono prontissimi ad uccidere un bambino israeliano! ECCO PERCHÉ, TUTTI I PALESTINESI DEVONO ESSERE DEPORTATI! Non è un problema palestinese, 1. che male hanno fatto i cristiani della Nigeria, 2. che male hanno fatto i Cristiani del Pakistan? che male hanno fatto i cristiani in Turchia? che male hanno fatto i cristiani in Egitto? che male hanno fatto i cristiani in Giordania? ecc.. che male hanno fatto i cristiani in tutta la LEGA ARABA? NOI NON POSSIAMO EVITARE DI STERMINARE LA LEGA ARABA O DI ESSERE STERMINATI DAL LORO NAZISMO!
PERSECUTED CHURCH


È CHIARO ERDOGAN LI AMMASSA COME PIDOCCHI, PER FARLI FUGGIRE IN EUROPA! 6MILIONI RUBATI A LUI, ED I PROFUGHI sempre da NOI.. GLI ISLAMICI? SONO TERRORISTI, CARNEFICI, VERI PIRATI! Rogo in un campo profughi in Turchia, morti 3 bambini. Pochi giorni fa un altro incendio in cui ha perso la vita un bimbo
PERSECUTED CHURCH


PRETENDO LA VERITÀ per GIULIO Regeni, E LA VERITÀ PER ISRAELE: "PERCHÉ I salafi STANNO CIRCONDANDO ISRAELE?" la madre: sul viso di Giulio il male del mondo Paola Regeni (s) in occasione di una conferenza stampa al Senato, Per la famiglia del giovane friulano "Se il 5 aprile sarà una giornata vuota confidiamo in una risposta forte del nostro Governo. Forte ma molto forte. E' dal 25 gennaio che attendiamo una risposta su Giulio".
PERSECUTED CHURCH

 (modificato)
LA ARABIA SAUDITA NON Possono DIRE: "NON MI RIGUARDA" PERCHÉ, NESSUNO LA PUÒ AUTORIZZARE AD ESSERE UN NAZISTA SHARIA, IO PRETENDO LO STATO LAICO (NON SECOLARE) in tutta la LEGA ARABA. 28 marzo, MA, IN CONTRACCAMBIO IO POSSO DARE MOLTO DI PIÙ, DI TUTTO QUELLO CHE SI POSSA IMMAGINARE! Strage cristiani a Lahore, almeno 72 morti e 300 feriti, Parco gremito per Pasqua, kamikaze. Renzi, penso a piccole vittime http://www.ansa.it/sito/videogallery/mondo/2016/03/28/strage-cristiani-a-lahore-almeno-72-morti-e-300-feriti_7a233a47-3948-41bc-8c8e-ce2680d5a53f.html
PERSECUTED CHURCH

 (modificato)
CIOÈ, IN QUESTA ITALIA DI MASSONI SE, UNO NON HA I SOLDI PER FARSI DIFENDERE DAGLI AVVOCATI? SOCCOMBE! IO PRETENDO IL DIFENSORE CIVICO IN OGNI COMUNE!
PERSECUTED CHURCH


OK! MA, SE NEL QUARTIERE NON C'ERA, IN QUEL MOMENTO, UN POSTO DOVE POTER URINARE GRATUITAMENTE? POI, LA MULTA LA PAGA LO STATO! Fa pipì per strada e viene multato. E' accaduto a un cittadino pachistano 40enne residente in Vallecamonica, nel Bresciano. L'uomo è stato fermato dai carabinieri e multato "per atti contrari alla pubblica decenza". Una multa da 3.333 euro. Il reato è stato depenalizzato e sostituito con una sanzione amministrativa. Si tratta della prima multa in provincia di Brescia.
PERSECUTED CHURCH


Hacker islamici violano server acquedotto e tentano di avvelenare acque, marzo 28, 2016 Hacker islamici si sono infiltrati prendendo il controllo del sistema di filtraggio di un acquedotto, cambiando i livelli delle sostanze chimiche utilizzate per il trattamento dell’acqua. Il cyber-attacco è documentato nella relazione sulla sicurezza IT di Verizon Security Solution disponibile QUI. Per questioni di sicurezza, nome e posizione dell’acquedotto non sono stati rivelati. L’attacco è stato condotto dalla Siria e ha compromesso i computer della società sfruttando una vulnerabilità nel suo sistema di accesso web disponibile agli utenti. Questa la relazione di Verizon: Our endpoint forensic analysis revealed a linkage with the recent pattern of unauthorised crossover. Using the same credentials found on the payment app webserver, the threat actors were able to interface with the water district’s valve and flow control application, also running on the AS400 system. We also discovered four separate connections over a 60-day period, leading right up to our assessment.During these connections, the threat actors modified application settings with little apparent knowledge of how the flow control system worked. In at least two instances, they managed to manipulate the system to alter the amount of chemicals that went into the water supply and thus handicap water treatment and production capabilities so that the recovery time to replenish water supplies increased. Fortunately, based on alert functionality, KWC was able to quickly identify and reverse the chemical and flow changes, largely minimising the impact on customers. No clear motive for the attack was found.
Il team di Verizon ha scoperto che gli hacker sono riusciti a manipolare le valvole che controllano il flusso di prodotti chimici per ben due volte – anche se per fortuna senza alcun effetto sugli utenti, almeno ufficialmente.
Rubando anche informazioni personali di 2,5 milioni di clienti della utility.
L’attacco, senza conseguenze, mette in evidenza i punti deboli in infrastrutture critiche.
FLASHBACK: ISIS VUOLE AVVELENARE GLI ACQUEDOTTI DELLE NOSTRE CITTÀ: LA PISTA ALBANESE http://voxnews.info/2016/03/28/hacker-islamici-violano-server-acquedotto-e-tentano-di-avvelenare-acque/
PERSECUTED CHURCH

LA BIBBIA LO AVEVA DETTO: TUTTO QUESTO SAREBBE SUCCESSO ALLA FINE DEI TEMPI! ] [ L’icona gay ‘Sir Elton John’ è stata denunciata da una sua guardia del corpo, per molestie sessuali. Secondo l’accusa, EJ gli avrebbe in più occasioni ‘affettuosamente’ afferrato i genitali. Jeffrey Wenninger (in foto con EJ) ha dettagliato almeno 3 pesanti molestie avvenute nel 2014. La prima volta, dice Wenninger, lui e Elton John erano in una macchina insieme quando l’icona gay gli mise le mani nei pantaloni, afferrandogli i genitali e tentando di infilargi le dita tra le natiche. Dicendogli: “Tiralo fuori” e “Chiamami zio Elton”. Ci sono poi un’altra serie di dettagliate denunce che vi risparmiamo, ma sono sullo stesso tono. Wenninger dice che ci sono stati diversi altri incidenti durante il suo impiego. Tanto da costringerlo a licenziarsi nel settembre 2014.
Negli ultimi tempi, di EJ, si ricordano le pretestuose polemiche contro gli stilisti Dolce e Gabbana e la bufala della telefonata di Putin. http://voxnews.info/2016/03/29/guardia-del-corpo-denuncia-elton-john-mi-ha-infilato-le-dita-nel/
PERSECUTED CHURCH


IFuckingKillYouRapeU ie,  IHateNewLayout 666 CIA NWO SPA FED SAID: "You be be my friend no any more do, I will shut down u other Chanbel. Satan come to get u and u son! " /// REALLY? e come farai a sopravvivere senza poter PIÙ sentire la mia voce?
PERSECUTED CHURCH


DarkExplorer1997 "What Doesn't Kill You Make You Stronger" "CHI non TI uccide? TI farà SEMPRE più forte"  ///    LorenzoJHWH Unius REI ANSWER: "pensi di poter diventare più forte, lottando contro di me? ma, io non ho interesse ad ucciderti.. io ti vedrò disperato.. ma, questa sarà stata soltanto colpa tua!"
PERSECUTED CHURCH


Ultimatum  del FARAONE egiziano ai Fratelli FARISEI SALAFITI gli aguzzini: "PERCHÉ VOLETE FARE ANCHE VOI, QUELLA STESSA MORTE MALEDETTA CHE IO HO FATTO?"
PERSECUTED CHURCH


Synnek1, IE, 187aUDIOhOSTEM SAID: ["and take: your goddamned: Israeli buddies: with you! " [ie] "cannibal MONTEZUMA REVENGE"]  ANSWER /// HE IS EX-master:MANAGER CIA institutional IE, Satanism international INTO YOUTUBE, a famous director of occult power, in youtube, and, with Masons of the 33rd degree, they know that, israelis has no, one only one chance to survive, because this design, about, the destruction of Israel, is, in the agenda of the: IMF 666 Talmud NWO Kabbalah, provision was made much earlier the founding of Israel himself. in fact, the most direct threat, against all world is imperialist IMF NWO, of the Pharisees, that is, the new tower of Babel: masonic system, which is why, 666 owl Bush senior 322: said: "we will win"
PERSECUTED CHURCH

666 187AudioHostem, ie, Synnek1  [You Are A Monkey] // ANSWER // REALLY? e perché del tuo Dio Rothschild SpA FED, SpA IMF, tutti dicono che, lui è la scimmia di satana?
PERSECUTED CHURCH

http://close-youtube-page.blogspot.com/2016/03/erdogan-ha-rotto-le-palle-tutti.html
PERSECUTED CHURCH

Turchia: ministero Esteri convoca ambasciatore tedesco per satira su Erdogan [ vuoi vedere tu, che per questo mio commento, ora, Erdogan convocherà l'ambasciatore di ISRAELE anche?
PERSECUTED CHURCH

adesso ERDOGAN ha rotto le palle a tutti: "la canzone non diceva neanche che lui si beveva il petrolio del Daesh ed il sangue di tutti i martiri!" Turchia: ministero Esteri convoca ambasciatore tedesco per satira su Erdogan, 29.03.2016 lo ha reso noto che il ministero degli Esteri turco ha convocato l’ambasciatore della Germania, Martin Erdmann, per una trasmissione satirica sul canale tedesco ARD che ha deriso il presidente Recep Tayyip Erdoğan. L'ambasciatore era stato convocato al ministero degli Esteri turco già il 22 marzo, ma il fatto è stato reso noto soltanto sei giorni dopo. Il malcontento delle autorità turche è stato provocato dalla trasmissione televisiva tedesca "Extra 3", andata in onda il 17 marzo, durante la quale è stato mostrato un video di un paio di minuti dal titolo "Erdowie, Erdowo, Erdogan". La canzone deride l'amore del presidente turco per il lusso, e condanna gli attacchi alla libertà di parola nel paese. "Il giornalista che scrive qualcosa che non piace a Erdogan, già l'indomani si ritrova dietro le sbarre", dice la canzone. Lo Spiegel non riporta i dettagli del colloquio tra l'ambasciatore tedesco e le autorità turche, ha soltanto sottolineato che è durato tanto: http://it.sputniknews.com/mondo/20160329/2366583/ambasciatore-germania-erdogan.html#ixzz44IFe2o9X
PERSECUTED CHURCH






che cosa qualcuno pensa di ottenere dai maniaci religiosi NAZISTI SHARIA, della LEGA ARABA? LORO POSSONO SOLTANTO UCCIDERE O ESSERE UCCISI! ED IL GIONO DELLA LORO ESECUZIONE, NESSUNO DEI FARISEI MASSONI BILDENBERG, SPA TROIKA, FMI, 322 NWO, POTRà DIRE: "IO NON NE SAPEVO NIENTE!".. VOI LEGGETE I LIBRI DI STORIA E DAL GIORNO DEL LORO FALSO E MALEDETTO PROFETA, è CHE LORO SONO SEMPRE STATI COSì.. QUESTO è EVIDENTE: GLI USA OBAMA GENDER NATO, CIA, HANNO DECISO DI ROVINARE IL GENERE UMANO! ] [ Netanyahu, Khamenei resta aggressivo, Prima reazione premier Israele dopo intesa storica ] TEL AVIV, 19 luglio 2015 [ In una prima reazione al discorso del leader supremo iraniano Ali Khamenei, Benyamin Netanyahu ha affermato: "Se qualcuno pensava che le grandi concessioni fatte all'Iran avrebbero cambiato la sua politica, ha ricevuto ora la risposta con le sue parole aggressive e di sfida". "Gli iraniani - ha aggiunto il premier - non si sforzano nemmeno di nascondere che utilizzeranno centinaia di miliardi di dollari ricevuti in virtù dell'accordo per rafforzare il loro apparato terroristico".




a Salman dell'Arabia Saudita ] come puoi dire il sono la vera religione (e questo andrebbe dimostrato attraverso, amore, bontà, la giustizia di non fare violenza a persone pacifiche ed oneste, e di rispettare libertà di religione e di coscienza), per affermare proprio tu, invece, che il tuo Allah è il demonio! tu dici: " quindi io sono anche la teologia della sostituzione, ed io ho il diritto con varie tecniche subdole, di fare il genocidio di tutte le altre religioni, perché, con il nazismo della sharia, io vi devo tutti soffocare ed uccidere.. e questo io lo posso fare perché i froci, scimmie evolute, di OBAMA GENDER, i sacerdoti di satana 322 Bush kerry: SpA Fmi NWO, 666 Rothschild il talmud, tutto loro me lo hanno permesso!




a Salman dell'Arabia Saudita ] non posso dire ai rotti di culo, club Obama GENDER, ai sacerdoti di satana 666 Rothschild Talmud, Bush 322 NWO, Califfato sharia, Corano di merda apostasia blasfemia, teologia sostituzione genocidio ideologico e pratico, OIC: sistema massonico Bildenderg SpA, tutte le religioni ipocrite del mondo (proprio tutte), egoisti, lussuriosi, corrotti, pervertiti, ipocriti, cinici, comunisti, farisei, massoni, salafiti, evoluzionisti, relativisti, femministe, materialisti, parassiti, ribelli e negatori dei valori naturali e fondamentali, ecc.. : "voi votatemi, perché io sono la democrazia!". NO! non funziona in questo modo: io dirò a tutti coloro che hanno tradito il regno di Dio JHWH: "voi non mi dovete desiderare, perché io vi voglio vedere morire, anzi, sarò proprio io ad uccidervi!" ed ecco perché, io non ho nessun rispetto delle persone di questo pianeta che fanno i leader in modo abusivo (calpestando la legge naturale e la legge universale dell'Universo), ed io non ho attenzioni per compiacere queste merde criminali di persone, che, sono piene di demoni. Ecco perché, io sono sincero, quindi questo è il mio potere politico, che è uno standard universale, con il quale, io ho sempre vinto ogni tipo di scontro il youtube e nel mondo: in questi 7 anni, dove io ho dimostrato di essere invincibile, perché, io possiedo una logica razionale ed una coerenza intima, che non esiste confronto su questo pianeta, quindi, proprio tutto quello che io penso, anche, proprio è tutto quello che io dico (ormai l'ultima risorsa politica prima della guerra mondiale nucleare dove vi vedrò morire tutti, o quasi). Quindi, questo è il mio potere politico universale: 1. la lealtà, 2. la verità, 3. la giustizia, 4. la imparzialità, 5. la uguaglianza, 6. la fratellanza universale.. POI, CIRCA LA MIA MILLANTATA E PRESUNTA ESPERIENZA DI FEDE, LA MIA SUBLIME TEOLOGIA, ECC.. CHI PUò DIMOSTRARE QUESTE COSE, SE, PRIMA NON HO POTUTO FARE DI TUTTI VOI UNA SOLA MARMELLATA DI SANGUE?

============

è INUTILE continuare a FAR FINTA DI ESSERE STUPIDI ] la Lega ARABA sta attaccando l'Occidente ed il mondo intero, con la sua maledetta e corrotta religione, con il suo nazismo sharia, e con i suoi servizi segreti, ONU OCI, Ummah MECCA; il Nazismo sharia. ORMAI LA GUERRA MONDIALE CONTRO nazismo sharia LEGA ARABA è UN ATTO INEVITABILE! ] Siria: Ong, 5mila uccisi in Ramadan [ Spari basi Tennessee, uccisi 4 marines. Morto anche aggressore, 24/enne americano originario del Kuwait. Una combo con Mohammod Youssuf Abdulazeez e i fiori sul luogo della strage. WASHINGTON, 17 luglio 2015. Quattro marines uccisi in due basi militari, una poco distante dall'altra, a Chattanooga in Tennessee. L'autore e' un cittadino americano, originario del Kuwait, Mohammed Youssef Abdulazeez, 24 anni, morto a sua volta. Il presidente americano Barack Obama, nel presentare le condoglianze alle vittime delle famiglie, assicura un''indagine a tutto campo, bla bla bla..'' per capire cosa sia accaduto. E informa che il Pentagono e' al lavoro per assicurarsi che tutte le basi siano ''allerta e vigili'' mentre si cerca di far luce sui particolari dell'incidente. A guidare le indagini e' l'Fbi, affiancata dalle autorita' locali. A caldo il procuratore Bill Killian ha definito l'incidente un atto di ''terrorismo domestico''. [Tennessee, killer andò in Giordania] Io credo che il Califfo OBAMA debba essere fucilato per alto tradimento!

==================

a Salman dell'Arabia Saudita ] circa la mia millantata posizione sul Trono di Dio JHWH, questo è qualcosa che nessun uomo sano di mente dovrebbe mai poter credere, e che anche io, non dovrei mai osare di credere: "LA INFINITA UMILTà DI DIO HOLY JHWHW" che lui ha reso possibile, una cosa del genere così vertiginosa, soltanto perché, io non mi ritengo migliore di nessuno, soprattutto non mi ritengo migliore di un pigmeo.. e che cosa straordinaria io non do nessun orgoglio: o vanto, e non pretendo privilegi, a questo essere Unius REI, come, può essere il bere un solo bicchiere di acqua quando si ha sete, cioè, io valuto non un onore, ma soltanto come una responsabilità, questo grande potere che Dio mi ha dato nel Regno di Dio. Così, un bambino di 9 anni, nella sua semplicità, può dimostrare di avere ragione contro di me, ed io sarei felice di ubbidire a lui! Quindi, io non sono un profeta, che sarebbe incompatibile con la funzione politica.. io ho i poteri sovrani legislativi così come in Cielo, nel Regno di Dio, così come, anche in Terra. Quello che io decido di fare? Dio lo accredita, se, non esiste ancora lo crea per me, e il mio Regno Celeste lo realizzerà, perché non c'è ombra di razzismo, faziosità, o qualche forma di predominio ideologico o religioso, nella mia dottrina metafisica. Certo non avrei difeso il cristianesimo se non erano gli assassini che lo stavano attaccando! Infatti, è molto umiliante per il tuo Dio demonio Allah, pensare che lui è così frocio impotente, da avere bisogno di essere difeso dalla tua scimitarra! Questa è la verità: tu non hai nessuna fede in Dio, infatti tu sei soltanto, un assassino seriale che vuole conquistare il mondo!

==================

a Salman dell'Arabia Saudita ] ma, voi siete troppo criminali e TROPPO satanisti per poter capire ME, e cosa più difficile, PUR CAPENDO ME, COME poter prendere decisioni adeguatamente politiche? ... ma, che fretta c'è? all'inferno voi sbattere in una disperazione, quasi infinita, che, è un dolore che oggi vi potrebbe uccidere 1000 volte in un solo minuto! IO SONO QUALCOSA CHE VOI NON POTETE AFFRONTARE! infatti, IO SONO L'AMORE, il vostro nemico!




=====================

Merkel troika e Regina Elisabetta GB: usurai strozzini, ma voi a quale culto di: satana microchip, Bohemian Grove gufo Baal voi ci state portando? ] [ le bestie di satana: 1. satanisti farisei massoni SpA Fmi, e: 2. satanisti islamici LEGA ARABA: sharia califfato, loro faranno è vero tra di loro "mezzo giorno di fuoco", ma, prima sono alleati tra di loro per complottare contro Europa e contro Israele, e per soffocare tutto il genere umano: facendoci uccidere tra di noi e mettendoci l'uno contro l'altro! se, voi non volete vedere inghilterra e germania trasformate in un cimitero radioattivo, Roma trasformata in un califfato, Gerusalemme trasformata in califfato, ecc.. noi dobbiamo unirci subito a CINA e Russia, e dobbiamo, spezzare la NATO. NOI dobbiamo costringere il Talmud 322 USA, e il Corano Saudita Allah demonio genocidio akbar, a fare tra di loro, questo mezzo giorno di fuoco, prima che ci abbiano fatto distruggere tra di noi! Infatti, il nostro destino di sopravvivenza e lo steso destino di CINA e Russia.. Voglio da voi subito atti politici concreti in questa direzione!

=======================

TALMUD 666 CORANO ]] i vostri libri di teologia sono la merda di Satana [[ BRUCIATE TUTTO! ]] Dio è infinita umiltà, e lui non pretende di essere Dio, di comandare su tutto e tutti.. perché l'amore si fa uguaglianza, si fa paritario con le sue creature! Se, il Padrone si innamorasse della sua operaia, poi, costei diventando sua moglie, non diventerebbe a sua volta, la sua Padrona e la Sua signora, ugualmente? Così, l'amore in Dio non prevede gerarchie forzose, perché l'amore suo è perfetto! e quindi,Dio JHWH, lui non pretende od impone alle sue santificate creature, un obbligo di culto di lode e di adorazione! NON ESISTE UNA COSTRIZIONE IN PARADISO! SOLTANTO CHE: il livello di verità, giustizia e amore che Dio può fare è un livello infinito: oggettivamente lui è il migliore. non riuscirai mai a vincere la sua umiltà, o a vincere la sua tenerezza, e le sue premure per te: sono infinite anche oggi. quindi anche se Lucifero non capiva (perché Dio ha condiviso la natura divina con i cristiani: effusionati, nati di nuovo, ma, non con gli angeli), lui non avrebbe dovuto mettere in dubbio la santità di Dio, quindi anche noi in Adamo ed Eva abbiamo messo in dubbio la santità di Dio, rompendo il sacramento di amore che ci legava a lui, quindi abbiamo fatto la esperienza del peccato, morte, ecc. CHE SE CI PENSATE è SOLTANTO UNA CONDIZIONE DI SEPARAZIONE DA DIO. quindi quando ritorniamo in Paradiso in uno stato di Grazia E DI COMUNIONE, anche maggiore del Paradiso Terrestre e poi vediamo: Obama E GENDER, di urlare all'inferno? poi, il minimo che noi possiamo fare è amare e lodare Dio che è una cosa che è una gioia giubilo, di spontanea necessità perché altrimenti l'amore che Dio ci ha dato, che è un amore infinito, se non esce fuori da noi ci farebbe scoppiare! INFATTI ANCHE LA FELICITà PUò UCCIDERE!




TALMUD 666 CORANO ]] MA voi siete razzisti, criminali, assassini seriali, ladri, bugiardi, usurai, ipocriti, però la vostra religione di satana vi ha detto che, voi andrete in Paradiso.. OK, allora, noi MANDIAMO I SANTI INNOCENTI MARTIRI CRISTIANI ALL'INFERNO AL POSTO VOSTRO ALLORA!




Benjamin Netanyahu ] di che cosa tu ti meravigli? [ non è la prima volta che io vedo quì nel Governo Massonico mondiale di youtube, i sacerdoti di satana e i farisei, soccorrere e consolare gli islamici sharia.. ] è UNA SCENA RIVOLTANTE! Qui in: https://www.youtube.com/user/youtube/discussion c'è stato un islamico "Abu Antar" agente segreto di Siria e Iran (187AudioHostem lo ha detto), che lui faceva l'amico con i sacerdoti di satana i cannibali della CIA, ma, ovviamente lui non faceva l'amico con me! Eppure dopo anni che lui si spacciava per cristiano? io lo smascherai.. lui era un musulmano!




#youtube SpA 666 ] [ io non so adesso il mio grande maestro yitzhak kaduri cioè come lui potrebbe prenderla! ] [ Questo account è stato sospeso a causa di molteplici o gravi violazioni delle norme di YouTube riguardanti spam, gioco d'azzardo, contenuti ambigui o di altre violazioni dei Termini di servizio. ] youtube allert YOUTUBE WARNING [ ma, non avevi deciso di salvarmi i commenti? https://www.youtube.com/user/yitzhak1kaduri

yitzhak kaduri 3 giorni fa




ERDOGAN HA GIURATO DI FORMARE UN ESERCITO DI VENTI MILIONI DI SOLDATI (perché a suo dire, altre 8 nazioni appartengono alla Turchia), Tutti i Greci e tutti gli Israeliani moriranno per voi contro questo esercito di islamici [[ Grecia: misure austerity in Parlamento. Manovra da oltre 3 miliardi tra tasse e tagli di spesa ]] NON SIATE AVARI E PAGATE BENE LA VOSTRA CARNE DA CANNONE, QUELLA CARNE DA MACELLO CHE I FARISEI ANGLO AMERICANI, HANNO PREPARATO PER FORTIFICARE IL NWO FMI SPA, COME CONQUISTA GLOBALE! perché è SATANA IL VERO DIO DEL TALMUD.

==================

I sauditi hanno riesumato l'ISLAM medioevale dei salafiti, quindi, hanno trasformato l'ISLAM, in una questione di vita o di morte, per tutto il genere umano! ora, noi siamo costretti ad uccidere gli islamici ad uno ad uno. e quello che io dico (il futuro) è già stato scritto nei libri di storia dei vostri figli (il passato)! Quando un islamico non si vede uccidere? è proprio lui il primo a sentirsi meravigliato! Così ha fatto l'ITALIA, ha preso un reclutatore dello ISIS sharia, ed invece di ucciderlo, lo ha estradato! Sono i sauditi i veri responsabili della galassia jihadista nel mondo, mentre gli USA dei satanisti massoni, sono stati i suoi complici facilitatori.. la attuale agenda dei farisei anglo americani è quella di uccidere la civiltà cristiana, ecco perché, Russia, Israele e Europa sono state condannate alla disintegrazione!




======================

la storia del mio Maestro il Rabbino yitzhak kaduri è una storia più importante della mia ] Prima di morire, Kaduri aveva asserito che si aspettava che il "Mashiach", il messia ebreo, dovesse arrivare presto e che l'aveva incontrato un anno prima. : “Egli solleverà il popolo e dimostrerà che la sua parola e la sua legge sono valide.” Nel testo originale in ebraico le prime lettere delle parole che compongono questa frase formano il nome Yehoshua. Ovvero, Gesù. [ lui fece pubblicare dal suo "discepolo notaio" un anno dopo la sua morte, che il Messia vero degli ebrei era Gesù! Ovviamente, il suo obiettivo era quello di scendere all'Inferno, per prendere a calci nelle palle tutti gli scribi e i farisei, i morti e gli stramorti di Rothschild e di tutti gli Illuminati, quindi con un bastone li ha picchiati tutti senza pietà! Perché loro hanno ingannato, rovinato il popolo degli ebrei: distrutto le benedizioni di Mosé e Abramo! e mentre tutte le anime maledette, ridevano sghignazzavano e si rallegravano per essere riuscite a ingannarlo e rovinarlo, precipitato all'inferno anche lui.. poi, come il notaio discepolo ha letto la sua dichiarazione, Gesù di Betlemme è sceso all'inferno e se lo è portato in Paradiso.. a quella scena, tutti i demoni e tutti i farisei Illuminati salafiti massoni, hanno incominciato ad urlare così forte che le fiamme sono arrivate a livello del calore sole

====================

Yitzhak Kaduri predisse la guerra in Afganistan e lo tsunami, ADESSO TUTTI SI ATTENDONO CON CERTEZZA IL COMPIMENTO DI QUEST'ULTIMA SUA PROFEZIA! Ecco infatti la descrizione spirituale del Messia, pubblicata dal nipote Yosef, anch’egli rabbino. "È difficile, per molte Nazioni, accettare la leadership di un Messia in carne ed ossa. Come capo, Egli non avrà alcun incarico, ma sarà tra la gente e parlerà tramite i media. Il suo regno sarà puro e privo di interessi personali o politici. Durante il suo dominio, regneranno solo la giustizia e la verità. Crederemo tutti in Lui? No, all’inizio alcuni lo faranno ed altri no. Sarà più facile seguire il Messia per i non credenti che per gli ortodossi. La sua rivelazione avverrà in due fasi: prima, confermerà la sua posizione senza sapere lui stesso che è il Messia. Poi si rivelerà ad alcuni Ebrei, non necessariamente ai saggi esperti di Torah. Magari saranno persone comuni. Solo allora si paleserà all’intera nazione. La gente si stupirà e si chiederà:”Cosa, è lui il Messia?”. Molti ne hanno conosciuto il nome, ma non gli hanno creduto". LOL. QUESTI RABBINI SONO SORPRENDENTI, ma nessuno si aspetta da loro una perfezione interpretativa al 100%.




=========================

Benjamin Netanyahu ] questo è vero, quì i sacerdoti di satana lo possono testimoniare, quando con il mio primo canale, lorenzoJHWH 30 mar 2008, io mi sono proclamato il Re degli ebrei, è vero che, io non pensavo di essere il Messia degli ebrei.. e la coscienza di essere anche Unius REi il Governatore Procuratore del Genere Umano, su tutte la Nazioni del mondo, questo è avvenuto in seguito. Questo deve essere detto, senza l'aiuto dei satanisti? io non avrei capito molto: della mia identità, era la mia immagine così come rimbalzava e si rifletteva attraverso il loro terrore, che, mi ha fatto capire la universalità e la potenza di questo ministero politico metafisico. Poi è proprio vero che io sono sempre stato proprio così: "Il suo regno sarà puro e privo di interessi personali o politici. Durante il suo dominio, regneranno solo la giustizia e la verità. "

====================

Rothschild scimmia di satana ] quale è il tuo problema? con i soldi che io deciderò di lasciarti tu farai diventare metà della Arabia Saudita come il giardino del Signore!




=======================

Benjamin Netanyahu ] Bari (26 febbraio 1984) [ quando il nostro compianto maestro Yitzhak Kaduri mi ha potuto vedere? alla televisione ovviamente, io era l'Accolito e chierico che manteneva il bastone PASTORALE, nella principale celebrazione liturgica di Piazza Ferrarese, quel bastone, che poi, diventerà anche il bastone pastorale di Benedetto XVI, ovviamente nel 1984 io avevo 24 anni, e mai è poi mai io avrei potuto pensare che non sarei più diventato un presbitero, e che sarei diventato il messia degli ebrei: lorenzoJHWH, e il Mahdì lorenzoAllah di tutti i musulmani! ma, lui il nostro compianto maestro Yitzhak Kaduri? LUI GIà SAPEVA TUTTO! due sono le ipotesi: 1. la più probabile è che lo Spirito Santo ha parlato al suo spirito; 2. è evidente lui è riuscito a decompilare il codice "W", cioè, quello che lo scienziato Newton non era riuscito a fare, se non in modo parziale!

==========================

Benjamin Netanyahu ] non è che io mi sento migliore o più intelligente di qualcuno: NO! io credo di essere inadeguato, rispetto a tutti, in questo mondo! ED io ho bisogno del parere di tutti, perché non mi posso assumere la responsabilità di un giudizio errato! MA QUESTO è quello che PIù FORTE DI ME, la mia caratteristica principale! Se, io vedo qualcuno, ipocrita o bugiardo, che, lui vuole fare il furbo per derubare, o per danneggiare qualcun'altro? IO DIVENTO VIOLENTO COME UNA BESTIA! perché l'unica categoria che io conosco sono quella di uomini donne (tutti con uguali diritti ed uguali doveri in tutto il mondo), e le persone che hanno dei gravi problemi di salute e si chiamano: GENDER

=================

Benjamin Netanyahu ] SE, tutto il sistema massonico occidentale, alto tradimento signoraggio bancario, SpA Rothschild FMI, FED, ecc.. Banche Centrali, non era fondato, sui sacerdoti di satana della CIA, che fanno 200000 sacrifici umani sull'altare di satana, ogni anno, poi, non sarebbe mai esistito nessun Messia: Mahdì, lorenzoJHWH, lorenzoAllah, ed Unius REI. ] [ perché non avrei mai potuto esistere come Unius REI senza i sacerdoti di satana? io ho scritto per mesi, Dombass, invece di scrivere Donbass, e su quanti ministri di Dio falliti ipocriti, codardi, esistono in tutto il mondo: delle religioni del cazzo JabullOn inciucio massonico il modernismo.. ecc.. bene, nessuno di loro è venuto a correggere il mio errore, tranne che un sacerdote di satana che è venuto ad insultarmi per questo motivo!

=========================

POI, LO STATUTO SE LO METTONO NEL CULO! ] [ è giusto finanziare i partiti ed obbligarli ad aprire, sedi territoriali di rappresentanza politica, in ogni Comune di Italia.. Anche la democrazia ha il suo prezzo! Quei poveretti di FdI sono dei pezzenti e miserabili morti di fame, che non riescono a fare a Bari neanche una sede regionale! POI, LO STATUTO SE LO METTONO NEL CULO!

"Abracadabra! ECCOVI LA NORMA AMMAZZA BLOG ] tra un poco faranno la norma ammazza massoni Illuminati [ QUESTI FARISEI MASSONI BILDENBERG ADESSO HANNO INCOMINCIATO A ROMPERE I COGLIONI! [ Sono ora in Commissione a lavorare sulla proposta di legge del Pd che ha il fine di sbloccare velocemente i finanziamenti pubblici ai soliti partiti sanguisuga (pdl Boccadutri). Non noi ovviamente che li abbiamo rifiutati tutti. Guardate un po' cosa scopro: un bell'emendamento che vieta la pubblicità nei blog riconducibili ai movimenti politici. Vogliono farci fuori!

VIDEO Che fastidio che dà l’informazione quando è libera La norma #AmmazzaBlog beppegrillo.it Significa che stiamo andando alla grande e che Pd & Co. temono ogni giorno di più una nostra vittoria alle prossime elezioni. Inutile il dire che non gli conviene approvarla. Non farebbero che accelerare la nostra vittoria." 16 Lug 2015, 16:25 http://www.beppegrillo.it/2015/07/la_norma_ammazzablog.html




========================

Benjamin Netanyahu ] questi assassini seriali, commercianti di schiavi goyim, usurai rothschild, satanisti cannibali della CIA, NATO, agenda: guerra mondiale, farisei talmud culto Illuminati, parassiti, alto tradimento massonico, hanno cambiato il termine: "Troika", in termine: "Creditori", ma, tutti diranno il termine: "RODITORI" [ PAX ] TUTTI COSTORO? FARANNO DISINTEGRARE ISRAELE, SE ARABIA SAUDITA NON TI DA LA TERRA CHE IO HO CHIESTO IN 15 GIORNI, TU DISINTEGRALI!

==================

chi è Harry Louis, United States Military Academy (USMA)

e perché i sacerdoti di satana: CIA DATAGATE, hanno modificato le mie impostazioni privacy sul suo post, che loro mi hanno portato questo uomo? perché hanno così tanta paura di lui?

Questo è evidente lui sarà un altro esorcista cristiano cattolico, pentecostale, nato di nuovo ed effusionato come me. cioè, una BESTIA di DIO JHWH, come me, che neanche la morte può fermare!

ma, chissà che fine hanno fatto tutte le sue mogli, e tutti i suoi figli! ???

Comunque, io non sono un razzista, che non sa accogliere sulla via del pentimento chiunque!

ciao, Harry Louis, tu hai scelto di entrare nella mia vita, ed io non ti ho escluso dal mio amore!

https://plus.google.com/u/0/110102833254689193616/posts

================

Harry non è su Hangouts. Vedrà i tuoi messaggi più tardi.

chi è Harry Louis, United States Military Academy (USMA)

e perché i sacerdoti di satana: CIA DATAGATE, hanno modificato le mie impostazioni privacy sul suo post, che è loro, che, mi hanno portato questo uomo!!

ma, perché hanno così tanta paura di lui?

Questo è evidente lui sarà un altro esorcista cristiano cattolico, pentecostale, nato di nuovo ed effusionato come me. cioè, una specia di BESTIA di DIO JHWH, come me, che neanche la morte può fermare!

ma, chissa che fine hanno fatto tutte le sue mogli, e tutti i suoi figli! ???

Comunque, io non sono un razzista, che non sa accogliere sulla via del pentimento chiunque!

ciao, Harry Louis, tu hai scelto di entrare nella mia vita ed io non ti ho escluso dal mio amore!

i am king Israel

ie, political proiect, for kingdom of Israel

this is my Master yitzhak kaduri

this is my Messiah in Jeusus's name, amen alleluia!

really i love you, you are all my life

i live for you.

questa è la verità, io non temo nessuna sfida, perché agli occhi di Davide, sembrava troppo piccolo il Gigante Golia, ecco perché, non c'è un futuro per il tuo Spa NWO, contro di me lui non una speranza di sopravvivere, io sono il generale supremo di tutto l'esercito del Signore! Gli arcangeli obbediscono al cenno della mia mano!

that's the truth, I do not fear any challenge, because in the eyes of David, seemed too small the Giant Goliath, why, there is no more a future for your Spa NWO, against me, none did not hope to survive, I are the supreme general Governor into Kingdom of JHWH, all the army of the Lord be with me! Archangels obey the nod of my hand!

===============

Harry Louis, United States Military Academy (USMA) tu lo sai, io ho preso le coordinate della tua anima, ed ora io ti seguirò fino al tuo esito finale! ma, io combatterò, affinché, dove io sono anche tu possa essere!

==============

un altra mia amica, in youtube, di cui io non ho saputo più niente è Yeevooihon, io ignoro, non conosco la sua sorte, ma, certamente il suo canale è stato acherato, da soggetti squallidi, all'inizio c'era un tipo che si dichiarava il re di youtube, una gang di gente pericolosa! adesso il sito ha preso una piega pornografica!

ma, forse il mio amico Harry Louis, United States Military Academy USMA, lui potrebbe vendicare, le mie due amiche, che sono sparite in youtube

====================

Harry Louis ] AMICO: i farisei salafiti uccideranno: Israele, Europa, Cina, Russia, ecc.. poi, faranno 5 miliardi di morti ] ed a te QUESTO NON LO HANNO DETTO [ io odio la violenza, ecco perché quando sarò diventato io, il padrone del mondo, io smetterò di essere violento! MA, è QUESTA LA VERITà IL SISTEMA MASSONICO DELLA BANCHE CENTRALI SPA? SI TROVA NEL POSTO SBAGLIATO, E AL MOMENTO SBAGLIATO, PERCHé, questo è alto tradimento contro di me. ecco perché, pur essendo di indole pacifica, IO UCCIDERò LORO CON TUTTI I LORO COMPLICI!

Sotto terra in USA ci sono città METROPOLITANE, INGEGNERIA GENETICA E BIOLOGIA SINTETICA, tutte piene di mutanti, satanisti ed alieni, che Obama, sa soltanto di essere un GENDER, lui non conosce, di questo lui non sa nulla.. che, anche tu non conosci un cazzo! i Bush 322 i Rothschild hanno così rovinato gli USA, che il satanismo ha preso il controllo, ad un livello di tecnologia parallela, che Dio prima o poi vi disintegrerà tutti quanti con un asteroide gigante spugnoso, reso incandescente dall'attrito con il sole!

===============

a Salman dell'Arabia Saudita ] per me Satana il GENDER, lui vale meno di una zanzara! Infatti, le zanzare stanno rallentando il mio lavoro (ne ho uccise circa 30 in meno di 20 minuti, che è una cosa, che potrebbe insospettire), ma, Satana, lui non si può avvicinare, perché rischia di essere mutilato, e ridotto allo stato larvale. lol. proprio che, se Satana pensa di salvare l'Impero di Nwo, 322 Bush Rothschild, con le zanzare? lol. allora vuol dire che lui è proprio arrivato alla feccia!




a Salman dell'Arabia Saudita ] chi pensa in se stesso: "io voglio fare di me stesso il nemico di Unius REI" lui ha deciso di andare incontro a tribolazioni, di una tale entità e dimensione, di cui lui non può conoscere la vastità! Perché soltanto un ignorante del soprannaturale, può pensare in questo modo, infatti nessun satanista lo pensa! .. è rimasta proverbiale, quella sfida mortale che, un sacerdote di satana spagnolo, ha accettato di fare contro di me: ShalomGerusalemme channel, ma,... lui adesso va in chiesa tutti i giorni!

====================






















HellxDesPairTruction
India criminal [use of Slavery: Against: The Untouchables


India criminal [use of Slavery: Against: The Untouchables!] Mumbai (AsiaNews) 16.09.2008 00:33 The anti-Christian violence: Orissa started: 3 weeks ago has still not died down, instead, it is spreading: in Kerala. The situation remains tense in Karnataka. In Orissa, after weeks: the first violence: and after days of curfew and was an emergency last night: in the district of Kandhamal, the epicenter of anti-Christian violence, a crowd: over: 500 Hindus Attacked in Station: police and Several vehicles burned. A policeman was killed. Seems To Be The attack in reprisal against: the police, who in recent days: Krutamgarh fired: The Hindu Militants: Trying to Stop Them: to burn the houses of some Christians. But: Violence Against: The Faithful continuous. P. Dibyasingh Parichha, spokesman for the diocese of Cuttack-Bhubaneshwar,

India criminal [use of Slavery: Against: The Untouchables!] Told: AsiaNews that: 14 September: in the village of Makabali, 12 houses burned Christians Were one in Debari: and: a Murudikupuda. Yesterday, near Raikia: shot: a Christian. The wave of anti-Christian: it spreads to other parts of India. The Catholic Jaya Mata school was Attacked: from strangers in the night Between 14 and 15 September. The incident occurred: in the district of Kasargode (Kerala, southeast India). A room is Temporarily asylum: used as a chapel, as the parish church: it is Being Restored. Yesterday morning, Fr ​​Antony Punnoor: destroyed found the sign for the entrance, stained glass windows and asylum, to statues of Our Lady was, scarred with stones. Opened an investigation and the police tightened security around churches, fearing attacks like in Orissa and Karnataka.

India criminal [use of Slavery: Against: The Untouchables!] Even today in Mangalore (Karnataka) voltage. On Sunday, September 14, ransacked Were 20: Christian churches by radical Hindu Sangh Parivar. Christians have Demonstrated Against the Police who did nothing to Prevent attacks. The Hindu fundamentalists justify: Their violence by accusing the Christians of proselytizing and conversion: forced. The chief minister of Karnataka examination, BS Yeddyurappa, instead of condemning the violence, has on the Christian Missionaries Called to stop: the forced conversions: In a democracy, he said there space for forced conversions. Should no one use them. Yeddyurappa is connected to the BJP (Bharatiya Janata Party), which: says: Nationalism: Hindus and covers the actions of many fanatical groups.

India criminal [use of Slavery: Against: The Untouchables!] The GCIC (Global Council of Indian Christians), based in Bangalore (Karnataka), has the Police Accused of Beating the Christians (see photo) and desecrating churches Mangalore. They charge the government of Yeddyurappa (in office for 100 days), to aggressively Pursuing the ideas of Mahatma Gandhi Those Who Killed. Gandhi was a radical Hindu nationalist Killed by. Because of this inertia (or connivance) with militancy: Hindu, president of the GCIC, Sajan George: Also He asked for the Resignation of Interior Minister: Karnataka: and the suspension of service of All Those Responsible for the districts Attacked.



@IsraelNationalTV - has no sense for me: to belong: to a group or to participate: a "social network"! it is impossible for me to be: of part: that is to be absorbed: by a single religion: or being member of a political party (ie: be an ideology) because: my purity interior: put me in conflict: with the particular item! God is jealous of me: in Psalm 110: He said to me: "you sit on my right." and I'm already sitting! and I'm not afraid of being: one man only: with his God! Yes! I love men, but, my spirit is far from all of them! But, I'm been done: so: by God at the time of my conception!






@ IsraelNationalTV - n'a aucun sens pour moi: d'appartenir: à un groupe ou à participer: un "réseau social"! il est impossible pour moi d'être: d'une partie: qui doit être absorbée: en une seule religion: ou d'être membre d'un parti politique (à savoir: être une idéologie) parce que: mon intérieur pureté: me mettre en conflit: lesparticuliers point! Dieu est jaloux de moi: dans le Psaume 110: Il m'a dit: «. Vous êtes assis à ma droite" et je suis déjà assis! et je n'ai pas peur d'être: un seul homme: avec son Dieu! Oui! J'aime les hommes, mais, mon esprit est loin d'êtretous les deux! Mais, je suis fait: oui: par Dieu au moment de ma conception!






@ IsraelNationalTV - אין תחושה: בשבילי: להיות שייך: לקבוצה: או: כדי להשתתף:: "הרשת החברתית"! זה בלתי אפשרי: לי להיות: חלק: כלומר להיספג: על ידי: דת אחת: או להיות חבר: של מפלגה פוליטית (כלומר: להיות אידיאולוגיה) כי: פנים טוהר שלי: הכניסו אותי: בסכסוך : עם: הפריטהמסוים! אלוהים הוא מקנא: של לי: ב תהלים 110: הוא אמר לי: "אתה יושב על:. זכותי" ואני כבריושב! וגם: אני לא פוחד: להיות: אדם אחד בלבד: עם אלוהיו! כן! אני אוהבת גברים, אבל הרוח שלי:רחוק: כולם! אבל, אני נעשה: כך: על ידי אלוהים בזמן: התפיסה שלי!






@ IsraelNationalTV - het geen sin vir my om te behoort aan 'n groep: of: om deel te neem:' n: "sosiale netwerk!" dit onmoontlik is om vir my te wees: van die deel: watgeabsorbeer word: deur 'n: enkele godsdiens of wat lid van' n politieke party (dws:'n ideologie), want: My suiwerheid binneland: sit my in konflik : met die spesifieke item! God is jaloers: my: in Psalm 110: "Hy het vir my gesê:" jy sit op: my reg "en ek is reeds sit! en: Ek is nie bang dat hulle slegs een man met sy God! Ja! Ek is lief virmense, maar my gees is ver van almal van hulle! Maar, ek is gedoen: so: deur Godaan die tyd van my bevrugting!






@ IsraelNationalTV - nuk ka kuptim: për mua: të bëjë pjesë: në një grup: ose: të marrin pjesë: një: "rrjet social"! është e pamundur: për mua të jetë: e pjesë: që do tëabsorbohet: nga një: feja e vetme: ose anëtar janë: të një partie politike (p.sh.: të jetë një ideologji), sepse: e brendshme e mia pastërtisë: vënë mua: në konflikt :me: çështje të veçantë! Perëndia është xheloz: me mua: në Psalmin 110: Ai më tha: "ju të ulem në:. Drejtën time" dhe unë tashmë jam i ulur! dhe: Unë nuk kam frikë: për të qenë: një njeri i vetëm: me Zotin e tij! Po! I love burra, por, shpirti im:është larg: të gjithë ata! Por, unë jam bërë: kështu: nga Zoti në atë kohë: e konceptimit tim!






@ IsraelNationalTV -- لا معنى له : بالنسبة لي : أن تنتمي : إلى مجموعة : أو : للمشاركة : أ : "شبكة اجتماعية"!فمن المستحيل : بالنسبة لي أن يكون : جزء : هذا هو لاستيعابها : من : الدين واحد : أو عضو هي : حزب سياسي (أي : أن يكون أيديولوجية) لأن : النقاء الداخلي بلدي : وضعني : في الصراع : مع : البند بالذات! إله غيور هو : من لي : في مزمور110 : وقال لي : "كنت أجلس في : حقي" وأنا أجلس بالفعل! و: أنا لست خائفا من ذلك : هي : رجل واحد فقط : مع الله! نعم!أحب الرجال، ولكن روحي : أبعد ما يكون عن : كل منهم! ولكن، أنا قد فعلت : بذلك : من قبل الله في ذلك الوقت : منمفهومي!






@ IsraelNationalTV - չունի իմաստ: Ինձ համար: պատկանում: մի խումբ: կամ: մասնակցելու համար `ա" սոցիալական ցանց "!անհնար է: Ինձ համար պետք է: - րդ մաս, որ պետք է կլանված: ըստ:մեկ կրոն: կամ անդամ: մի քաղաքական կուսակցություն (այսինքն`պետք է գաղափարախոսությունը), քանի որ, իմ ներսի մաքրության:դրեց ինձ. հակամարտությունների : ինչպես, որ հատուկ կետ.Աստված նախանձ: ինձ: Psalm 110 է: Նա ինձ ասաց. «Դուք նստել: իմ իրավունքը»: եւ ես արդեն նստած. եւ ես չեմ վախենում: լինելու: Միմարդ միայն իր Աստծուն. Yes! Ես սիրում եմ տղամարդկանց, բայց,իմ Հոգին: հեռու է: Բոլոր նրանց. Բայց, ես արվել: Այսպես: Աստծո կողմից պահին `իմ հայեցակարգի.






"Sosial şəbəkə" Mənim üçün: məxsusdur üçün: bir qrup: Və ya: iştirak etmək üçün: a - @ IsraelNationalTV heç bir məna var! bu mümkün deyil: Mənim üçün üçün:hissəsi: ki dalmaq üçün: Subay Din:: və ya olan üzvü tərəfindən bir siyasi partiyanın (yəni: bir ideologiya olsun), çünki: mənim təmiz daxili: Beni qoyun:münaqişə : ilə: konkret maddə! Allah qısqanc edir: mənə: Zəbur 110: O, mənə dedi: "olmaq. My hüququ" mən artıq oturma oldum! və: I Qorxma alıram: olan: yalnız birkişi: onun Allah! Bəli! Mən ruh kişilər seviyorum, ancaq, uzaqdan edilir: onların hamısı! Amma mən görülmüşdür alıram: so: Allahın vaxt: my konsepsiyası!






For me: dagozkio: talde bat: edo: parte hartzeko:: - @ IsraelNationalTV zentzua ezdu "sare sozial"! ezinezkoa da: niretzat izango: parte: da xurgatu behar: erlijioabakarra: edo kide: Alderdi politiko bat (hau da: ideologia bat) delako batek: nireGarbitasun interior: jarri me: gatazketan :: item jakin! Jainkoaren jeloskor da: nire:Salmoa 110: esan me zuen: "eseri duzu: nire eskubidea" eta dagoeneko naizeserita! eta: ez dut beldurrik: ari: gizon batek bakarrik: bere Jainkoarekin! Bai!Gizon maite ditut, baina, nire espiritua: urrun from: horiek guztiak! Baina, egin dut:beraz: Jainkoak garai hartan: nire kontzepzioa!






আমার জন্য: থেকে অন্তর্গত: একটি গ্রুপ: বা: অংশগ্রহণ: একটি: - @ IsraelNationalTV কোন অনুভূতি হয়েছে "সামাজিকনেটওয়ার্ক!" এটা অসম্ভব: আমাকে হবে: অংশ: যে হবে শোষিত থেকে: একক ধর্ম: বা হচ্ছে সদস্য: একটি একটি রাজনৈতিক দল(অর্থাত্: একটি মতাদর্শ হতে পারে) কারণ: আমার শুচিতা অভ্যন্তর: আমাকে করা: সংঘাত : সাথে: নির্দিষ্ট আইটেম! ঈশ্বর কুচুটে:আমাকে: সাম 110 সালে: তিনি আমাকে বলেন: "আপনার উপর বসতে. আমার ডান" এবং ইতিমধ্যেই আমি বসা করছি! এবং আমিভয় না: হচ্ছে: তার ঈশ্বরের সঙ্গে: এক মাত্র মানুষ! হ্যাঁ! আমি পুরুষদের ভালবাসে, কিন্তু, আমার আত্মা: হয় দূর থেকে: তাদের সব!কিন্তু, আমি হয়: সুতরাং: দ্বারা ঈশ্বরের সময়: আমার ধারণা!






@ IsraelNationalTV - не мае сэнсу: для мяне: належаць: у групу: альбо: да ўдзелу:: "Сацыяльная сетка"! нельга: для мяне быць: часткі: гэта значыць, каб быць паглынутым: па: адзіная рэлігія: ці ўдзел: ад палітычнай партыі (гэта значыць: быць ідэалогія), таму што: мой чысціні інтэр'ер: пакладзеце мне: уканфлікце : з: канкрэтны пункт! Бог раўнівы: пра мяне: у псальме 110: ёнсказаў мне: "Вы сядзіце на:. Маё права" і я ўжо сядзеў! і: я не баюся: быцця: адзін чалавек толькі: з Богам! Так! Я люблю мужчын, але, мой дух: далёка: усез іх! Але, я было зроблена: так: Бог у той час: па маіх паданнях!






@ IsraelNationalTV - няма смисъл: за мен: да принадлежат към групата: илида участват:: "социална мрежа"! че е невъзможно за мен да бъда на част: да се абсорбира от:-единствена религия, или да е член на политическа партия(т.е.: да бъде идеология), защото ми чистота интериор: ме сложи: в конфликт ::конкретна позиция! Бог ревнува от мен: в Псалм 110: "Той ми каза:" седнетена: мое право "и аз съм вече седи! и: Не ме е страх: на битието: само един човек със своя Бог! Да! Обичам мъже, но духът ми е далеч от всички тях! Но, аз съм е направено така: от Бог по време на моята концепция!






@ IsraelNationalTV - no té sentit: per a mi: que pertanyen: a un grup: o: de participació: una "xarxa social"! és impossible: per a mi: d'una banda, és a dir perser absorbit: d'una: la religió única: o membre de ser: d'un partit polític (és a dir:una ideologia), perquè: el meu interior la puresa: em va posar: en conflicte : amb:l'article en particular! Déu és gelós de mi: en el Salm 110: Ell em va dir: "vostè se senti a:. El meu dret" i ja estic assegut! i: No tinc por: de ser: un sol home: amb el seu Déu! Sí! Estimo els homes, però el meu esperit està lluny de ser: tots ells! No obstant això, estic fet: així: per Déu en el temps: de la meva concepció! per uniusREI, rei d'Israel Palestina final: la fraternitat universal: shalom salam +: =benediccions també a tots els









@ IsraelNationalTV - nemá smysl: pro mě patřit: do skupiny: a: o účast:: "sociální sítě"! to je nemožné: pro mě je: části: to je být zaujatý podle: jediné náboženství:nebo je členem: politické strany (tj. být ideologie), protože: My čistota interiéru: mě:v konfliktu : S: konkrétní položky! Bůh je žárlivý: o mně: V Žalmu 110: Řekl mi:"sedíte na:. Mé pravici" a už jsem seděl! a: Já se nebojím: bytí: pouze jeden muž:se svým Bohem! Ano! Mám rád lidi, ale můj duch: je daleko od: všechny! Ale, já jsem byla provedena: Takže: Bůh v době: mé pojetí! od Unius REI, král Palestinykonce Izraele: pro všeobecné bratrství: Shalom + Salam: = požehnání i pro všechny



@ IsraelNationalTV - 对我来说没有意义::属于:一组:或:参加:A:“社交网络”!在冲突是不可能的:我是:部分被吸收::单一的宗教:成员:一个政党(即:是一种意识形 态),因为:我的纯度室内:把我: ::特定项目!神:我是嫉妒:在诗篇110:他说,对我说:“你坐下:我的权利”和我已经坐!和:我不害怕:被:只有一个人与他的神!没错!我爱男人,但 我的精神是远远:所有!但是,我已经完成:由神的时间:我的概念! Unius瑞;巴勒斯坦结束以色列的国王:世界大同:沙洛姆+萨拉姆:=祝福太给所有












" 소셜 네트워크"나를 위해 : : 소속 : 그룹 : 또는 : 참가하기 : - @ IsraelNationalTV는의미가 없습니다! 그것은 불가능합니다 : 나를 위해 수 : 부분 : 그 흡수하는 것입니다: 단일 종교 : : 아니면중인 회원 :에 의해 정당 (예 : 이데올로기 수) 때문 : 제 순도 인테리어 : 내 이름을 써 넣는 : 충돌 :와 : 특정 항목! 하나님은 질투입니다 절 : 시편110에서 : 그는 내게 말하길 : "당신이 앉아 :. 내 오른쪽" 그리고 난 이미 앉아있어! 과: 난 두렵지 않아 :되는 단 한 사람은 그의 하나님과 함께! 예! 내 영혼을 남자를 사랑하지만, : 멀리에서이다 : 모두! 그러나, 내가 해본 적이 있어요 : 그래서 : 하나님이시간에 : 내가 수태! 유니버설여 : 샬롬 + 살람 : 너무하는 = 은혜 모든 팔레스타인 끝에 이스라엘의 왕, Unius 레이로






@ IsraelNationalTV - pa gen okenn sans: pou m ': fè pati yon gwoup: a yon gwoup:oswa: yo patisipe: yon: "sosyal rezo"! li enposib: pou m 'yo dwe: nan pati: ke yo pral absòbe: pa yon: relijyon sèl: oswa yon manm ke yo te: nan yon pati politik (sa vle di: gen yon ideoloji) paske: enteryè pite m': mete m ': nan konfli : ak: atik la an patikilye! , Se Bondye ki fè jalouzi: nan m ': nan Sòm 110: Li di m': "ou pral chita sou:. Dwat mwen" epi mwen deja chita! ak: Mwen pa bezwen pè: pou yo te: yon sèl moun sèlman: ak Bondye li! Wi! Mwen renmen men moun, men, lespri mwen:se byen lwen nan: tout nan yo! Men, mwen te fèt: se konsa: pa Bondye nan moman an: KONSEPSYON AN FÈT mwen! pa Unius Rei; wa nan Palestin fen pèp Izrayèl la: pou Inivèsèl fwatènite: shalom + Salam: = benediksyon twò nan tout









@IsraelNationalTV - has no sense: for me: to belong: to a group: or: to participate: a: "social network"! it is impossible: for me to be: of part: that is to be absorbed: by a: single religion: or being member: of a political party (ie: be an ideology) because: my purity interior: put me: in conflict: with: the particular item! God is jealous: of me: in Psalm 110: He said to me: "you sit on: my right." and I'm already sitting! and: I'm not afraid: of being: one man only: with his God! Yes! I love men, but, my spirit: is far from: all of them! But, I'm been done: so: by God at the time: of my conception! by Unius REI; King of Palestine end Israel: for Universal brotherhood: shalom + salam: = blessings too to all






che cosa qualcuno pensa di ottenere dai maniaci religiosi NAZISTI SHARIA, della LEGA ARABA? LORO POSSONO SOLTANTO UCCIDERE O ESSERE UCCISI! ED IL GIONO DELLA LORO ESECUZIONE, NESSUNO DEI FARISEI MASSONI BILDENBERG, SPA TROIKA, FMI, 322 NWO, POTRà DIRE: "IO NON NE SAPEVO NIENTE!".. VOI LEGGETE I LIBRI DI STORIA E DAL GIORNO DEL LORO FALSO E MALEDETTO PROFETA, è CHE LORO SONO SEMPRE STATI COSì.. QUESTO è EVIDENTE: GLI USA OBAMA GENDER NATO, CIA, HANNO DECISO DI ROVINARE IL GENERE UMANO! ] [ Netanyahu, Khamenei resta aggressivo, Prima reazione premier Israele dopo intesa storica ] TEL AVIV, 19 luglio 2015 [ In una prima reazione al discorso del leader supremo iraniano Ali Khamenei, Benyamin Netanyahu ha affermato: "Se qualcuno pensava che le grandi concessioni fatte all'Iran avrebbero cambiato la sua politica, ha ricevuto ora la risposta con le sue parole aggressive e di sfida". "Gli iraniani - ha aggiunto il premier - non si sforzano nemmeno di nascondere che utilizzeranno centinaia di miliardi di dollari ricevuti in virtù dell'accordo per rafforzare il loro apparato terroristico".




a Salman dell'Arabia Saudita ] come puoi dire il sono la vera religione (e questo andrebbe dimostrato attraverso, amore, bontà, la giustizia di non fare violenza a persone pacifiche ed oneste, e di rispettare libertà di religione e di coscienza), per affermare proprio tu, invece, che il tuo Allah è il demonio! tu dici: " quindi io sono anche la teologia della sostituzione, ed io ho il diritto con varie tecniche subdole, di fare il genocidio di tutte le altre religioni, perché, con il nazismo della sharia, io vi devo tutti soffocare ed uccidere.. e questo io lo posso fare perché i froci, scimmie evolute, di OBAMA GENDER, i sacerdoti di satana 322 Bush kerry: SpA Fmi NWO, 666 Rothschild il talmud, tutto loro me lo hanno permesso!




a Salman dell'Arabia Saudita ] non posso dire ai rotti di culo, club Obama GENDER, ai sacerdoti di satana 666 Rothschild Talmud, Bush 322 NWO, Califfato sharia, Corano di merda apostasia blasfemia, teologia sostituzione genocidio ideologico e pratico, OIC: sistema massonico Bildenderg SpA, tutte le religioni ipocrite del mondo (proprio tutte), egoisti, lussuriosi, corrotti, pervertiti, ipocriti, cinici, comunisti, farisei, massoni, salafiti, evoluzionisti, relativisti, femministe, materialisti, parassiti, ribelli e negatori dei valori naturali e fondamentali, ecc.. : "voi votatemi, perché io sono la democrazia!". NO! non funziona in questo modo: io dirò a tutti coloro che hanno tradito il regno di Dio JHWH: "voi non mi dovete desiderare, perché io vi voglio vedere morire, anzi, sarò proprio io ad uccidervi!" ed ecco perché, io non ho nessun rispetto delle persone di questo pianeta che fanno i leader in modo abusivo (calpestando la legge naturale e la legge universale dell'Universo), ed io non ho attenzioni per compiacere queste merde criminali di persone, che, sono piene di demoni. Ecco perché, io sono sincero, quindi questo è il mio potere politico, che è uno standard universale, con il quale, io ho sempre vinto ogni tipo di scontro il youtube e nel mondo: in questi 7 anni, dove io ho dimostrato di essere invincibile, perché, io possiedo una logica razionale ed una coerenza intima, che non esiste confronto su questo pianeta, quindi, proprio tutto quello che io penso, anche, proprio è tutto quello che io dico (ormai l'ultima risorsa politica prima della guerra mondiale nucleare dove vi vedrò morire tutti, o quasi). Quindi, questo è il mio potere politico universale: 1. la lealtà, 2. la verità, 3. la giustizia, 4. la imparzialità, 5. la uguaglianza, 6. la fratellanza universale.. POI, CIRCA LA MIA MILLANTATA E PRESUNTA ESPERIENZA DI FEDE, LA MIA SUBLIME TEOLOGIA, ECC.. CHI PUò DIMOSTRARE QUESTE COSE, SE, PRIMA NON HO POTUTO FARE DI TUTTI VOI UNA SOLA MARMELLATA DI SANGUE?

============

è INUTILE continuare a FAR FINTA DI ESSERE STUPIDI ] la Lega ARABA sta attaccando l'Occidente ed il mondo intero, con la sua maledetta e corrotta religione, con il suo nazismo sharia, e con i suoi servizi segreti, ONU OCI, Ummah MECCA; il Nazismo sharia. ORMAI LA GUERRA MONDIALE CONTRO nazismo sharia LEGA ARABA è UN ATTO INEVITABILE! ] Siria: Ong, 5mila uccisi in Ramadan [ Spari basi Tennessee, uccisi 4 marines. Morto anche aggressore, 24/enne americano originario del Kuwait. Una combo con Mohammod Youssuf Abdulazeez e i fiori sul luogo della strage. WASHINGTON, 17 luglio 2015. Quattro marines uccisi in due basi militari, una poco distante dall'altra, a Chattanooga in Tennessee. L'autore e' un cittadino americano, originario del Kuwait, Mohammed Youssef Abdulazeez, 24 anni, morto a sua volta. Il presidente americano Barack Obama, nel presentare le condoglianze alle vittime delle famiglie, assicura un''indagine a tutto campo, bla bla bla..'' per capire cosa sia accaduto. E informa che il Pentagono e' al lavoro per assicurarsi che tutte le basi siano ''allerta e vigili'' mentre si cerca di far luce sui particolari dell'incidente. A guidare le indagini e' l'Fbi, affiancata dalle autorita' locali. A caldo il procuratore Bill Killian ha definito l'incidente un atto di ''terrorismo domestico''. [Tennessee, killer andò in Giordania] Io credo che il Califfo OBAMA debba essere fucilato per alto tradimento!

==================

a Salman dell'Arabia Saudita ] circa la mia millantata posizione sul Trono di Dio JHWH, questo è qualcosa che nessun uomo sano di mente dovrebbe mai poter credere, e che anche io, non dovrei mai osare di credere: "LA INFINITA UMILTà DI DIO HOLY JHWHW" che lui ha reso possibile, una cosa del genere così vertiginosa, soltanto perché, io non mi ritengo migliore di nessuno, soprattutto non mi ritengo migliore di un pigmeo.. e che cosa straordinaria io non do nessun orgoglio: o vanto, e non pretendo privilegi, a questo essere Unius REI, come, può essere il bere un solo bicchiere di acqua quando si ha sete, cioè, io valuto non un onore, ma soltanto come una responsabilità, questo grande potere che Dio mi ha dato nel Regno di Dio. Così, un bambino di 9 anni, nella sua semplicità, può dimostrare di avere ragione contro di me, ed io sarei felice di ubbidire a lui! Quindi, io non sono un profeta, che sarebbe incompatibile con la funzione politica.. io ho i poteri sovrani legislativi così come in Cielo, nel Regno di Dio, così come, anche in Terra. Quello che io decido di fare? Dio lo accredita, se, non esiste ancora lo crea per me, e il mio Regno Celeste lo realizzerà, perché non c'è ombra di razzismo, faziosità, o qualche forma di predominio ideologico o religioso, nella mia dottrina metafisica. Certo non avrei difeso il cristianesimo se non erano gli assassini che lo stavano attaccando! Infatti, è molto umiliante per il tuo Dio demonio Allah, pensare che lui è così frocio impotente, da avere bisogno di essere difeso dalla tua scimitarra! Questa è la verità: tu non hai nessuna fede in Dio, infatti tu sei soltanto, un assassino seriale che vuole conquistare il mondo!

==================

a Salman dell'Arabia Saudita ] ma, voi siete troppo criminali e TROPPO satanisti per poter capire ME, e cosa più difficile, PUR CAPENDO ME, COME poter prendere decisioni adeguatamente politiche? ... ma, che fretta c'è? all'inferno voi sbattere in una disperazione, quasi infinita, che, è un dolore che oggi vi potrebbe uccidere 1000 volte in un solo minuto! IO SONO QUALCOSA CHE VOI NON POTETE AFFRONTARE! infatti, IO SONO L'AMORE, il vostro nemico!




=====================

Merkel troika e Regina Elisabetta GB: usurai strozzini, ma voi a quale culto di: satana microchip, Bohemian Grove gufo Baal voi ci state portando? ] [ le bestie di satana: 1. satanisti farisei massoni SpA Fmi, e: 2. satanisti islamici LEGA ARABA: sharia califfato, loro faranno è vero tra di loro "mezzo giorno di fuoco", ma, prima sono alleati tra di loro per complottare contro Europa e contro Israele, e per soffocare tutto il genere umano: facendoci uccidere tra di noi e mettendoci l'uno contro l'altro! se, voi non volete vedere inghilterra e germania trasformate in un cimitero radioattivo, Roma trasformata in un califfato, Gerusalemme trasformata in califfato, ecc.. noi dobbiamo unirci subito a CINA e Russia, e dobbiamo, spezzare la NATO. NOI dobbiamo costringere il Talmud 322 USA, e il Corano Saudita Allah demonio genocidio akbar, a fare tra di loro, questo mezzo giorno di fuoco, prima che ci abbiano fatto distruggere tra di noi! Infatti, il nostro destino di sopravvivenza e lo steso destino di CINA e Russia.. Voglio da voi subito atti politici concreti in questa direzione!

=======================

TALMUD 666 CORANO ]] i vostri libri di teologia sono la merda di Satana [[ BRUCIATE TUTTO! ]] Dio è infinita umiltà, e lui non pretende di essere Dio, di comandare su tutto e tutti.. perché l'amore si fa uguaglianza, si fa paritario con le sue creature! Se, il Padrone si innamorasse della sua operaia, poi, costei diventando sua moglie, non diventerebbe a sua volta, la sua Padrona e la Sua signora, ugualmente? Così, l'amore in Dio non prevede gerarchie forzose, perché l'amore suo è perfetto! e quindi,Dio JHWH, lui non pretende od impone alle sue santificate creature, un obbligo di culto di lode e di adorazione! NON ESISTE UNA COSTRIZIONE IN PARADISO! SOLTANTO CHE: il livello di verità, giustizia e amore che Dio può fare è un livello infinito: oggettivamente lui è il migliore. non riuscirai mai a vincere la sua umiltà, o a vincere la sua tenerezza, e le sue premure per te: sono infinite anche oggi. quindi anche se Lucifero non capiva (perché Dio ha condiviso la natura divina con i cristiani: effusionati, nati di nuovo, ma, non con gli angeli), lui non avrebbe dovuto mettere in dubbio la santità di Dio, quindi anche noi in Adamo ed Eva abbiamo messo in dubbio la santità di Dio, rompendo il sacramento di amore che ci legava a lui, quindi abbiamo fatto la esperienza del peccato, morte, ecc. CHE SE CI PENSATE è SOLTANTO UNA CONDIZIONE DI SEPARAZIONE DA DIO. quindi quando ritorniamo in Paradiso in uno stato di Grazia E DI COMUNIONE, anche maggiore del Paradiso Terrestre e poi vediamo: Obama E GENDER, di urlare all'inferno? poi, il minimo che noi possiamo fare è amare e lodare Dio che è una cosa che è una gioia giubilo, di spontanea necessità perché altrimenti l'amore che Dio ci ha dato, che è un amore infinito, se non esce fuori da noi ci farebbe scoppiare! INFATTI ANCHE LA FELICITà PUò UCCIDERE!




TALMUD 666 CORANO ]] MA voi siete razzisti, criminali, assassini seriali, ladri, bugiardi, usurai, ipocriti, però la vostra religione di satana vi ha detto che, voi andrete in Paradiso.. OK, allora, noi MANDIAMO I SANTI INNOCENTI MARTIRI CRISTIANI ALL'INFERNO AL POSTO VOSTRO ALLORA!




Benjamin Netanyahu ] di che cosa tu ti meravigli? [ non è la prima volta che io vedo quì nel Governo Massonico mondiale di youtube, i sacerdoti di satana e i farisei, soccorrere e consolare gli islamici sharia.. ] è UNA SCENA RIVOLTANTE! Qui in: https://www.youtube.com/user/youtube/discussion c'è stato un islamico "Abu Antar" agente segreto di Siria e Iran (187AudioHostem lo ha detto), che lui faceva l'amico con i sacerdoti di satana i cannibali della CIA, ma, ovviamente lui non faceva l'amico con me! Eppure dopo anni che lui si spacciava per cristiano? io lo smascherai.. lui era un musulmano!




#youtube SpA 666 ] [ io non so adesso il mio grande maestro yitzhak kaduri cioè come lui potrebbe prenderla! ] [ Questo account è stato sospeso a causa di molteplici o gravi violazioni delle norme di YouTube riguardanti spam, gioco d'azzardo, contenuti ambigui o di altre violazioni dei Termini di servizio. ] youtube allert YOUTUBE WARNING [ ma, non avevi deciso di salvarmi i commenti? https://www.youtube.com/user/yitzhak1kaduri

yitzhak kaduri 3 giorni fa




ERDOGAN HA GIURATO DI FORMARE UN ESERCITO DI VENTI MILIONI DI SOLDATI (perché a suo dire, altre 8 nazioni appartengono alla Turchia), Tutti i Greci e tutti gli Israeliani moriranno per voi contro questo esercito di islamici [[ Grecia: misure austerity in Parlamento. Manovra da oltre 3 miliardi tra tasse e tagli di spesa ]] NON SIATE AVARI E PAGATE BENE LA VOSTRA CARNE DA CANNONE, QUELLA CARNE DA MACELLO CHE I FARISEI ANGLO AMERICANI, HANNO PREPARATO PER FORTIFICARE IL NWO FMI SPA, COME CONQUISTA GLOBALE! perché è SATANA IL VERO DIO DEL TALMUD.

==================

I sauditi hanno riesumato l'ISLAM medioevale dei salafiti, quindi, hanno trasformato l'ISLAM, in una questione di vita o di morte, per tutto il genere umano! ora, noi siamo costretti ad uccidere gli islamici ad uno ad uno. e quello che io dico (il futuro) è già stato scritto nei libri di storia dei vostri figli (il passato)! Quando un islamico non si vede uccidere? è proprio lui il primo a sentirsi meravigliato! Così ha fatto l'ITALIA, ha preso un reclutatore dello ISIS sharia, ed invece di ucciderlo, lo ha estradato! Sono i sauditi i veri responsabili della galassia jihadista nel mondo, mentre gli USA dei satanisti massoni, sono stati i suoi complici facilitatori.. la attuale agenda dei farisei anglo americani è quella di uccidere la civiltà cristiana, ecco perché, Russia, Israele e Europa sono state condannate alla disintegrazione!




======================

la storia del mio Maestro il Rabbino yitzhak kaduri è una storia più importante della mia ] Prima di morire, Kaduri aveva asserito che si aspettava che il "Mashiach", il messia ebreo, dovesse arrivare presto e che l'aveva incontrato un anno prima. : “Egli solleverà il popolo e dimostrerà che la sua parola e la sua legge sono valide.” Nel testo originale in ebraico le prime lettere delle parole che compongono questa frase formano il nome Yehoshua. Ovvero, Gesù. [ lui fece pubblicare dal suo "discepolo notaio" un anno dopo la sua morte, che il Messia vero degli ebrei era Gesù! Ovviamente, il suo obiettivo era quello di scendere all'Inferno, per prendere a calci nelle palle tutti gli scribi e i farisei, i morti e gli stramorti di Rothschild e di tutti gli Illuminati, quindi con un bastone li ha picchiati tutti senza pietà! Perché loro hanno ingannato, rovinato il popolo degli ebrei: distrutto le benedizioni di Mosé e Abramo! e mentre tutte le anime maledette, ridevano sghignazzavano e si rallegravano per essere riuscite a ingannarlo e rovinarlo, precipitato all'inferno anche lui.. poi, come il notaio discepolo ha letto la sua dichiarazione, Gesù di Betlemme è sceso all'inferno e se lo è portato in Paradiso.. a quella scena, tutti i demoni e tutti i farisei Illuminati salafiti massoni, hanno incominciato ad urlare così forte che le fiamme sono arrivate a livello del calore sole

====================

Yitzhak Kaduri predisse la guerra in Afganistan e lo tsunami, ADESSO TUTTI SI ATTENDONO CON CERTEZZA IL COMPIMENTO DI QUEST'ULTIMA SUA PROFEZIA! Ecco infatti la descrizione spirituale del Messia, pubblicata dal nipote Yosef, anch’egli rabbino. "È difficile, per molte Nazioni, accettare la leadership di un Messia in carne ed ossa. Come capo, Egli non avrà alcun incarico, ma sarà tra la gente e parlerà tramite i media. Il suo regno sarà puro e privo di interessi personali o politici. Durante il suo dominio, regneranno solo la giustizia e la verità. Crederemo tutti in Lui? No, all’inizio alcuni lo faranno ed altri no. Sarà più facile seguire il Messia per i non credenti che per gli ortodossi. La sua rivelazione avverrà in due fasi: prima, confermerà la sua posizione senza sapere lui stesso che è il Messia. Poi si rivelerà ad alcuni Ebrei, non necessariamente ai saggi esperti di Torah. Magari saranno persone comuni. Solo allora si paleserà all’intera nazione. La gente si stupirà e si chiederà:”Cosa, è lui il Messia?”. Molti ne hanno conosciuto il nome, ma non gli hanno creduto". LOL. QUESTI RABBINI SONO SORPRENDENTI, ma nessuno si aspetta da loro una perfezione interpretativa al 100%.




=========================

Benjamin Netanyahu ] questo è vero, quì i sacerdoti di satana lo possono testimoniare, quando con il mio primo canale, lorenzoJHWH 30 mar 2008, io mi sono proclamato il Re degli ebrei, è vero che, io non pensavo di essere il Messia degli ebrei.. e la coscienza di essere anche Unius REi il Governatore Procuratore del Genere Umano, su tutte la Nazioni del mondo, questo è avvenuto in seguito. Questo deve essere detto, senza l'aiuto dei satanisti? io non avrei capito molto: della mia identità, era la mia immagine così come rimbalzava e si rifletteva attraverso il loro terrore, che, mi ha fatto capire la universalità e la potenza di questo ministero politico metafisico. Poi è proprio vero che io sono sempre stato proprio così: "Il suo regno sarà puro e privo di interessi personali o politici. Durante il suo dominio, regneranno solo la giustizia e la verità. "

====================

Rothschild scimmia di satana ] quale è il tuo problema? con i soldi che io deciderò di lasciarti tu farai diventare metà della Arabia Saudita come il giardino del Signore!




=======================

Benjamin Netanyahu ] Bari (26 febbraio 1984) [ quando il nostro compianto maestro Yitzhak Kaduri mi ha potuto vedere? alla televisione ovviamente, io era l'Accolito e chierico che manteneva il bastone PASTORALE, nella principale celebrazione liturgica di Piazza Ferrarese, quel bastone, che poi, diventerà anche il bastone pastorale di Benedetto XVI, ovviamente nel 1984 io avevo 24 anni, e mai è poi mai io avrei potuto pensare che non sarei più diventato un presbitero, e che sarei diventato il messia degli ebrei: lorenzoJHWH, e il Mahdì lorenzoAllah di tutti i musulmani! ma, lui il nostro compianto maestro Yitzhak Kaduri? LUI GIà SAPEVA TUTTO! due sono le ipotesi: 1. la più probabile è che lo Spirito Santo ha parlato al suo spirito; 2. è evidente lui è riuscito a decompilare il codice "W", cioè, quello che lo scienziato Newton non era riuscito a fare, se non in modo parziale!

==========================

Benjamin Netanyahu ] non è che io mi sento migliore o più intelligente di qualcuno: NO! io credo di essere inadeguato, rispetto a tutti, in questo mondo! ED io ho bisogno del parere di tutti, perché non mi posso assumere la responsabilità di un giudizio errato! MA QUESTO è quello che PIù FORTE DI ME, la mia caratteristica principale! Se, io vedo qualcuno, ipocrita o bugiardo, che, lui vuole fare il furbo per derubare, o per danneggiare qualcun'altro? IO DIVENTO VIOLENTO COME UNA BESTIA! perché l'unica categoria che io conosco sono quella di uomini donne (tutti con uguali diritti ed uguali doveri in tutto il mondo), e le persone che hanno dei gravi problemi di salute e si chiamano: GENDER

=================

Benjamin Netanyahu ] SE, tutto il sistema massonico occidentale, alto tradimento signoraggio bancario, SpA Rothschild FMI, FED, ecc.. Banche Centrali, non era fondato, sui sacerdoti di satana della CIA, che fanno 200000 sacrifici umani sull'altare di satana, ogni anno, poi, non sarebbe mai esistito nessun Messia: Mahdì, lorenzoJHWH, lorenzoAllah, ed Unius REI. ] [ perché non avrei mai potuto esistere come Unius REI senza i sacerdoti di satana? io ho scritto per mesi, Dombass, invece di scrivere Donbass, e su quanti ministri di Dio falliti ipocriti, codardi, esistono in tutto il mondo: delle religioni del cazzo JabullOn inciucio massonico il modernismo.. ecc.. bene, nessuno di loro è venuto a correggere il mio errore, tranne che un sacerdote di satana che è venuto ad insultarmi per questo motivo!

=========================

POI, LO STATUTO SE LO METTONO NEL CULO! ] [ è giusto finanziare i partiti ed obbligarli ad aprire, sedi territoriali di rappresentanza politica, in ogni Comune di Italia.. Anche la democrazia ha il suo prezzo! Quei poveretti di FdI sono dei pezzenti e miserabili morti di fame, che non riescono a fare a Bari neanche una sede regionale! POI, LO STATUTO SE LO METTONO NEL CULO!

"Abracadabra! ECCOVI LA NORMA AMMAZZA BLOG ] tra un poco faranno la norma ammazza massoni Illuminati [ QUESTI FARISEI MASSONI BILDENBERG ADESSO HANNO INCOMINCIATO A ROMPERE I COGLIONI! [ Sono ora in Commissione a lavorare sulla proposta di legge del Pd che ha il fine di sbloccare velocemente i finanziamenti pubblici ai soliti partiti sanguisuga (pdl Boccadutri). Non noi ovviamente che li abbiamo rifiutati tutti. Guardate un po' cosa scopro: un bell'emendamento che vieta la pubblicità nei blog riconducibili ai movimenti politici. Vogliono farci fuori!

VIDEO Che fastidio che dà l’informazione quando è libera La norma #AmmazzaBlog beppegrillo.it Significa che stiamo andando alla grande e che Pd & Co. temono ogni giorno di più una nostra vittoria alle prossime elezioni. Inutile il dire che non gli conviene approvarla. Non farebbero che accelerare la nostra vittoria." 16 Lug 2015, 16:25 http://www.beppegrillo.it/2015/07/la_norma_ammazzablog.html




========================

Benjamin Netanyahu ] questi assassini seriali, commercianti di schiavi goyim, usurai rothschild, satanisti cannibali della CIA, NATO, agenda: guerra mondiale, farisei talmud culto Illuminati, parassiti, alto tradimento massonico, hanno cambiato il termine: "Troika", in termine: "Creditori", ma, tutti diranno il termine: "RODITORI" [ PAX ] TUTTI COSTORO? FARANNO DISINTEGRARE ISRAELE, SE ARABIA SAUDITA NON TI DA LA TERRA CHE IO HO CHIESTO IN 15 GIORNI, TU DISINTEGRALI!

==================

chi è Harry Louis, United States Military Academy (USMA)

e perché i sacerdoti di satana: CIA DATAGATE, hanno modificato le mie impostazioni privacy sul suo post, che loro mi hanno portato questo uomo? perché hanno così tanta paura di lui?

Questo è evidente lui sarà un altro esorcista cristiano cattolico, pentecostale, nato di nuovo ed effusionato come me. cioè, una BESTIA di DIO JHWH, come me, che neanche la morte può fermare!

ma, chissà che fine hanno fatto tutte le sue mogli, e tutti i suoi figli! ???

Comunque, io non sono un razzista, che non sa accogliere sulla via del pentimento chiunque!

ciao, Harry Louis, tu hai scelto di entrare nella mia vita, ed io non ti ho escluso dal mio amore!

https://plus.google.com/u/0/110102833254689193616/posts

================

Harry non è su Hangouts. Vedrà i tuoi messaggi più tardi.

chi è Harry Louis, United States Military Academy (USMA)

e perché i sacerdoti di satana: CIA DATAGATE, hanno modificato le mie impostazioni privacy sul suo post, che è loro, che, mi hanno portato questo uomo!!

ma, perché hanno così tanta paura di lui?

Questo è evidente lui sarà un altro esorcista cristiano cattolico, pentecostale, nato di nuovo ed effusionato come me. cioè, una specia di BESTIA di DIO JHWH, come me, che neanche la morte può fermare!

ma, chissa che fine hanno fatto tutte le sue mogli, e tutti i suoi figli! ???

Comunque, io non sono un razzista, che non sa accogliere sulla via del pentimento chiunque!

ciao, Harry Louis, tu hai scelto di entrare nella mia vita ed io non ti ho escluso dal mio amore!

i am king Israel

ie, political proiect, for kingdom of Israel

this is my Master yitzhak kaduri

this is my Messiah in Jeusus's name, amen alleluia!

really i love you, you are all my life

i live for you.

questa è la verità, io non temo nessuna sfida, perché agli occhi di Davide, sembrava troppo piccolo il Gigante Golia, ecco perché, non c'è un futuro per il tuo Spa NWO, contro di me lui non una speranza di sopravvivere, io sono il generale supremo di tutto l'esercito del Signore! Gli arcangeli obbediscono al cenno della mia mano!

that's the truth, I do not fear any challenge, because in the eyes of David, seemed too small the Giant Goliath, why, there is no more a future for your Spa NWO, against me, none did not hope to survive, I are the supreme general Governor into Kingdom of JHWH, all the army of the Lord be with me! Archangels obey the nod of my hand!

===============

Harry Louis, United States Military Academy (USMA) tu lo sai, io ho preso le coordinate della tua anima, ed ora io ti seguirò fino al tuo esito finale! ma, io combatterò, affinché, dove io sono anche tu possa essere!

==============

un altra mia amica, in youtube, di cui io non ho saputo più niente è Yeevooihon, io ignoro, non conosco la sua sorte, ma, certamente il suo canale è stato acherato, da soggetti squallidi, all'inizio c'era un tipo che si dichiarava il re di youtube, una gang di gente pericolosa! adesso il sito ha preso una piega pornografica!

ma, forse il mio amico Harry Louis, United States Military Academy USMA, lui potrebbe vendicare, le mie due amiche, che sono sparite in youtube

====================

Harry Louis ] AMICO: i farisei salafiti uccideranno: Israele, Europa, Cina, Russia, ecc.. poi, faranno 5 miliardi di morti ] ed a te QUESTO NON LO HANNO DETTO [ io odio la violenza, ecco perché quando sarò diventato io, il padrone del mondo, io smetterò di essere violento! MA, è QUESTA LA VERITà IL SISTEMA MASSONICO DELLA BANCHE CENTRALI SPA? SI TROVA NEL POSTO SBAGLIATO, E AL MOMENTO SBAGLIATO, PERCHé, questo è alto tradimento contro di me. ecco perché, pur essendo di indole pacifica, IO UCCIDERò LORO CON TUTTI I LORO COMPLICI!

Sotto terra in USA ci sono città METROPOLITANE, INGEGNERIA GENETICA E BIOLOGIA SINTETICA, tutte piene di mutanti, satanisti ed alieni, che Obama, sa soltanto di essere un GENDER, lui non conosce, di questo lui non sa nulla.. che, anche tu non conosci un cazzo! i Bush 322 i Rothschild hanno così rovinato gli USA, che il satanismo ha preso il controllo, ad un livello di tecnologia parallela, che Dio prima o poi vi disintegrerà tutti quanti con un asteroide gigante spugnoso, reso incandescente dall'attrito con il sole!

===============

a Salman dell'Arabia Saudita ] per me Satana il GENDER, lui vale meno di una zanzara! Infatti, le zanzare stanno rallentando il mio lavoro (ne ho uccise circa 30 in meno di 20 minuti, che è una cosa, che potrebbe insospettire), ma, Satana, lui non si può avvicinare, perché rischia di essere mutilato, e ridotto allo stato larvale. lol. proprio che, se Satana pensa di salvare l'Impero di Nwo, 322 Bush Rothschild, con le zanzare? lol. allora vuol dire che lui è proprio arrivato alla feccia!




a Salman dell'Arabia Saudita ] chi pensa in se stesso: "io voglio fare di me stesso il nemico di Unius REI" lui ha deciso di andare incontro a tribolazioni, di una tale entità e dimensione, di cui lui non può conoscere la vastità! Perché soltanto un ignorante del soprannaturale, può pensare in questo modo, infatti nessun satanista lo pensa! .. è rimasta proverbiale, quella sfida mortale che, un sacerdote di satana spagnolo, ha accettato di fare contro di me: ShalomGerusalemme channel, ma,... lui adesso va in chiesa tutti i giorni!

====================



















@IsraelNationalTV - has no sense: for me: to belong: to a group: or: to participate: a: "social network"! it is impossible: for me to be: of part: that is to be absorbed: by a: single religion: or being member: of a political party (ie: be an ideology) because: my purity interior: put me: in conflict: with: the particular item! God is jealous: of me: in Psalm 110: He said to me: "you sit on: my right." and I'm already sitting! and: I'm not afraid: of being: one man only: with his God! Yes! I love men, but, my spirit: is far from: all of them! But, I'm been done: so: by God at the time: of my conception! by Unius REI; King of Palestine end Israel: for Universal brotherhood: shalom + salam: = blessings too to all




@ IsraelNationalTV - nema smisla: za mene: da pripadaju: u grupu: ili: za sudjelovanje:: "društvene mreže"! to je nemoguće: za mene biti: dijela: to je da se apsorbira: od: jedne religije: ili da član: političke stranke (npr.: biti ideologija), jer:moje čistoće interijera: me: u sukobu : s: pojedinu stavku! Bog je ljubomoran: od mene: u Psalmu 110: On mi reče: "Ti sjedi na:. Moje pravo" i ja već sjedim! i: ne bojim: da: samo jedan čovjek: s Bogom! Da! Volim muškarce, ali, moj duh: dalekood: sve o njima! Ali, ja sam učinjeno: tako: Bog u vrijeme: moje začeća! po UniusREI, kralj Izraela Palestine kraj: za univerzalnog bratstva: Shalom + Salam: =blagoslov previše za sve




@ IsraelNationalTV - har ingen mening: for mig: at tilhøre: til en gruppe: eller: om deltagelse: a: "socialt netværk"! det ikke er muligt for mig at være: en del:, der skalabsorberes: en: enkelt religion eller være medlem: af et politisk parti (dvs.: være enideologi), fordi: min renhed interiør: sætte mig: i konflikt : med: dette punkt! Gud erjaloux: for mig: i Salme 110: Han sagde til mig: "Du sidder på:. Min højre" og jeg erallerede sidder! og: Jeg er ikke bange for: at være: en mand kun: med sin Gud! Ja!Jeg elsker mænd, men, min ånd: er langt fra: dem alle! Men, jeg er blevet gjort: så:af Gud på det tidspunkt: min opfattelse! ved Unius REI, konge af Palæstinaslutningen Israel: for Universal Brotherhood: shalom + salam: = velsignelser foralle




@ IsraelNationalTV - אין תחושה: בשבילי: להיות שייך: לקבוצה: או: כדי להשתתף:: "הרשת החברתית"! זה בלתי אפשרי: לי להיות: חלק: כלומר להיספג: על ידי: דת אחת: או להיות חבר: של מפלגה פוליטית (כלומר: להיות אידיאולוגיה) כי: פנים טוהר שלי: הכניסו אותי: בסכסוך : עם: הפריטהמסוים! אלוהים הוא מקנא: של לי: ב תהלים 110: הוא אמר לי: "אתה יושב על:. זכותי" ואני כבריושב! וגם: אני לא פוחד: להיות: אדם אחד בלבד: עם אלוהיו! כן! אני אוהבת גברים, אבל הרוח שלי:רחוק: כולם! אבל, אני נעשה: כך: על ידי אלוהים בזמן: התפיסה שלי! על ידי Unius rei; מלךפלסטין סוף בישראל: לאחוות אוניברסלי: שלום + סלאם: = ברכות גם לכל




@ IsraelNationalTV - ei ole mõtet: minu jaoks: kuuluda: rühma: või: osalema:"sotsiaalne võrgustik"! see on võimatu: minu jaoks on: osa: see imendub: poolt: ühe religiooni: või olla liige: erakonna (st olla ideoloogia), sest: mu puhtuseinterjöör: panna mind: konfliktide : kus: konkreetse päevakorrapunkti! Jumal onarmukade: minu: ka Psalm 110: Ta ütles mulle: "sa istuda: minu õigus." ja ma olenjuba istub! ja: ma ei karda: olla: üks mees ainult: oma Jumalaga! Jah! Ma armastanmehi, kuid mu vaim: pole kaugeltki: need kõik! Aga ma olen tehtud: nii: Jumal ajal:minu arusaam! poolt Unius REI; King of Palestine lõpuks Iisraeli Universalvendluse: shalom + salam: = õnnistusi ka kõigile




@ IsraelNationalTV - ay walang kahulugan: para sa akin: sumapi: sa isang grupo: o: upang lumahok sa: a: "social network"! ito ay imposible: para sa akin na: ngbahagi: na ay buyo: sa pamamagitan ng isang: iisang relihiyon: o pagigingmiyembro ng isang pampulitika partido (ie: isang ideolohiya) dahil: ang akingkadalisayan loob: ilagay sa akin: sa kontrahan : sa: ang partikular na item! Diyos ay naninibugho: ko: sa Awit 110: Sinabi niya sa akin: "umupo ka sa: akingkarapatan" at ako upo! at: hindi ako natatakot: ng pagiging: isang tao lamang: sa kanyang Diyos! Oo! Pag-ibig ko mga tao, ngunit, ang aking espiritu: ay malayo mula sa: lahat ng mga ito! Ngunit, ako ay tapos na: ito: sa pamamagitan ng Diyossa panahon: ng aking mga kuru-kuro! ng Unius Rei; Hari ng Palestine end Israel:para sa Universal kapatiran: shalom + Salam: = bendisyon masyadong sa lahat




@ IsraelNationalTV - ei ole järkeä: minulle: kuulua: ryhmään: tai: osallistua::"sosiaalinen verkosto"! on mahdotonta: minulle on: osa: että on otettava vastaan​​:by: yksi uskonto: tai on jäsenenä: poliittisen puolueen (eli olla ideologia), koska:my puhtaus sisustus: laittoi minut: konfliktialueilla : kanssa: erityisesti kohde!Jumala on kateellinen: minua: Psalmi 110: Hän sanoi minulle: "istut: minun oikea."ja olen jo istuu! ja: en pelkää: olemisen: yksi mies vain: hänen Jumala! Kyllä!Rakastan miehiä, mutta minun henkeni: on kaukana: kaikki! Mutta olen tehty: niin:Jumala aikaan: minun käsitys! by Unius REI; kuningas Palestiina loppuun Israel:Universal Brotherhood: Shalom + Salam: = siunauksia liian kaikille




@ IsraelNationalTV - non ten sentido: para min: a pertencer: a un grupo: ou: a participar: a "rede social"! é imposible: para que eu sexa: dunha parte: é dicir, paraser absorbido: por unha: a relixión única: ou membro sendo: dun partido político(ou sexa: ser unha ideoloxía) porque: a miña pureza interior: póñao me: en conflito: con: o elemento en particular! Deus é celoso: de min: o Salmo 110: El me dixo: "se senta en:. A miña dereita" e eu xa estou sentado! e: Eu non teño medo: de ser: un home só: co seu Deus! Si! Eu amo os homes, pero, o meu espírito: está lonxe de ser: todos eles! Pero, eu son feito: así: por Deus á hora: a miña concepción! porunius REI; rei de Palestina fin Israel: pola fraternidade universal: Shalom salam +: = bendicións a todos os demais




@ IsraelNationalTV - nid oes synnwyr: i mi: i berthyn: i grŵp: neu: i gymryd rhan: a:"rhwydwaith cymdeithasol"! ei bod yn amhosibl: i mi i fod yn: y rhan: a gaiff eiamsugno: gan: grefydd sengl: neu aelod bod: o blaid wleidyddol (hy: fod ynideoleg) oherwydd: fy tu mewn purdeb: fy rhoi: yn gwrthdaro : gyda: yr eitem arbennig! Duw yn genfigennus: o fi: yn Salm 110: Dywedodd wrthyf: "ydych yn eistedd ar:. Gennyf hawl" ac rwy'n eistedd yn barod! a: Nid wyf yn ofni: o fod yn: un dyn yn unig: gyda ei Dduw! Ie! Rwyf wrth fy modd o ddynion, ond, fy ysbryd: yn bell o fod: pob un ohonynt! Ond, dw i'n ei wneud: fel: gan Dduw ar y pryd: fy cenhedlu!gan Unius rei; Brenin diwedd Mhalestina Israel: am frawdgarwch Universal:Shalom + Salam: = bendithion rhy i bob




@ IsraelNationalTV - არ აქვს აზრი: ჩემთვის: შესასვლელად: ჯგუფს: ან:მონაწილეობის:: "სოციალური ქსელი"! შეუძლებელია: ჩემთვის უნდა იყოს:ნაწილი: რომ უნდა შეიწოვება: მიერ: ერთი რელიგიის: ან წევრობის:პოლიტიკური პარტიის (ანუ: იქნება იდეოლოგია), რადგან: ჩემი სიწმინდესინტერიერი: დააყენა მე: კონფლიქტის : ერთად: კონკრეტული ნივთი! ღმერთიეჭვიანობს: მე: ამ ფსალმუნი 110: მან მითხრა: "თქვენ ზის: ჩემი უფლება". და მეუკვე ზის! და: მე არ ეშინია: მათ შორის: ერთი კაცის: მისი ღმერთი! დიახ! მე მიყვარს მამაკაცი, მაგრამ, ჩემი სული: შორს არის: ყველა მათგანი! მაგრამ, რაგაკეთდა: ასე: ღვთის მიერ დროს: ჩემი კონცეფცია! მიერ Unius REI; მეფეპალესტინის ბოლოს ისრაელის: ამისთვის უნივერსალური ძმობის: შალომ +salam: = კურთხევის ძალიან ყველა




"ソーシャルネットワーク": 私のために::所属する:グループへ:または:参加して: - @ IsraelNationalTVは意味がありません!それは不可能です:私のためになるために:部分の:それは吸収されるようです:単一の宗教::また はされてメンバー:によって政党(例:イデオロギーとなる)のため:私の純度のインテリア:私を置く:紛争の:付:特定のアイテム!神は嫉妬です:私の: 詩篇110に:彼は私に言った:"あなたは上に座る。。私の右に"と私はすでに座っている!と:私は恐れていないよ:であることの:たった一人:彼の神 と!はい!私は私の精神を男性を愛しているが、:遠くからです:それらのすべて!しかし、私が行われています:そう:神の時:私の概念の!ユニバーサル同 胞のための::シャローム+サラム:あまりにへ=祝福のすべてのパレスチナエンドイスラエルの王、Unius REIで




@ IsraelNationalTV - δεν έχει κανένα νόημα: για μένα: να ανήκει: σε μία ομάδα: ή:να συμμετάσχουν: α: "κοινωνικό δίκτυο"! είναι αδύνατο: για μένα είναι: τουτμήματος: ότι πρέπει να απορροφάται από τα εξής: ενιαία θρησκεία: ή να είναι μέλος: ενός πολιτικού κόμματος (δηλαδή: να είναι μια ιδεολογία), επειδή: εσωτερικήκαθαρότητα μου: με έβαλε: σε σύγκρουση : με: το συγκεκριμένο θέμα! Ο Θεός είναιζηλότυπος: από μένα: στον Ψαλμό 110: Μου είπε: «κάθεστε στις:. Δικαίωμά μου"και είμαι ήδη κάθεται! και: Δεν είμαι φοβισμένος: να είναι: ένας άνθρωπος μόνο: με το Θεό του! Ναι! Λατρεύω τους άνδρες, αλλά, το πνεύμα μου: είναι μακριά από: όλοι τους! Αλλά, είμαι γίνει: έτσι: από το Θεό κατά το χρόνο: από τη σύλληψη μου! απόUnius REI? Βασιλιάς της Παλαιστίνης τέλος Ισραήλ: για την καθολική αδελφοσύνη:Shalom + Salam: = ευλογίες πάρα πολύ σε όλα τα




મારા માટે: અનુસરે છે: જૂથ: અથવા: ભાગ છે:: - @ IsraelNationalTV કોઈ અર્થમાં છે "સામાજિક નેટવર્ક!" તેઅશક્ય છે: મારા માટે કરવા માટે: ભાગ: કે શોષણ કરી શકાય છે: એક ધર્મ: અથવા રહી સભ્ય: દ્વારા એક રાજકીય પક્ષ (એટલે કે: એક વિચારધારા છે) સંખ્યા: મારા શુદ્ધતા આંતરિક: કારણ કે મને મૂકી: સંઘર્ષ : સાથે ચોક્કસ વસ્તુ! ભગવાનઈર્ષાળ છે: મને સંખ્યા: 110 સાલમ તેમણે મને કહ્યું હતું: "તમે બેસવાનો. મારા અધિકાર" અને હું પહેલેથી જ બેઠક છું!અને: જાય: હું ભયભીત નથી તેની ઈશ્વર સાથે માત્ર એક જ માણસ! હા! હું પુરુષો પ્રેમ છે, પરંતુ, મારા આત્મા: દૂર છે: તે બધા! પરંતુ, હું કરવામાં આવ્યું છું: જેથી: ભગવાન દ્વારા સમયે: મારા ખ્યાલ! યુનિવર્સલ બ્રધર્સ માટે: shalom + +salam: બધા = માટે ખૂબ આશીર્વાદ પેલેસ્ટાઇન અંતે ઇઝરાયેલ રાજા; Unius REI દ્વારા




मेरे लिए: से संबंधित: एक समूह या भाग लेने के: एक: - @ IsraelNationalTV कोई मतलब नहीं है "सामाजिक नेटवर्क"! यह असंभव है मेरे लिए हो सकता है: का हिस्सा: कि अवशोषित किया जा रहा है: एकल धर्म: या सदस्य किया जा रहा है: एक राजनीतिक पार्टी (यानी: एक विचारधारा हो) के द्वारा: मेरे शुद्धता इंटीरियर: क्योंकि मुझे लगा: संघर्ष में ::विशेष आइटम के साथ! भगवान जलन हो रही है: मुझे: 110 भजन में: उसने मुझे कहा: "आप पर बैठ: मेरा अधिकार"और मैं पहले से ही बैठा हूँ! और होने का: मुझे डर नहीं रहा हूँ अपने परमेश्वर के साथ: एक ही आदमी! हाँ! मैं पुरुषों प्यार है, लेकिन मेरी आत्मा से दूर है: उन सभी! लेकिन, मैंने किया गया हूँ: इतनी: परमेश्वर की ओर से समय पर: मेरे गर्भाधान के! Unius REI द्वारा यूनिवर्सल बंधुत्व के लिए: एसएचएलओएम + सलाम: सभी = भी आशीर्वाद फिलीस्तीनी अंतइसराइल के राजा;




@ IsraelNationalTV - tidak memiliki akal: bagi saya: milik: untuk grup: atau: untuk berpartisipasi: a: "jaringan sosial"! tidak mungkin: bagi saya untuk menjadi: dari bagian: yang akan diserap: oleh: agama tunggal: atau anggota menjadi: sebuah partai politik (yaitu: menjadi ideologi) karena: interior kemurnian saya:menempatkan saya: dalam konflik : dengan: item tertentu! Allah cemburu: dari saya: dalam Mazmur 110: Ia mengatakan kepada saya: "Anda duduk di:. Kanan saya" dan aku sudah duduk! dan: aku tidak takut: menjadi: satu orang saja:dengan Tuhan-Nya! Ya! Saya menyukai pria, tapi, semangat saya: jauh dari: semua dari mereka! Tapi, aku telah dilakukan: sehingga: oleh Allah pada waktu itu: konsepsi saya! oleh Unius REI, Raja Israel, Palestina akhir: untukpersaudaraan Universal: syalom + salam: = berkat juga untuk semua




@ IsraelNationalTV - has no sense: for me: to belong: to a group: or: to Participate: a: "social network"! it is impossible: for me to be: of part: That is to be absorbed: bya: single religion: or being a member: of a political party (ie: be an ideology)Because: my interior purity: put me: in conflict : with: the particular item! God isjealous: of me: in Psalm 110: He said to me: "you sit on: my right." and I'm alreadysitting! and: I'm Not Afraid: of being: one man only: with his God! Yes! I love men,but, my spirit: is far from: all of them! But, I'm been done: so: by God at the time: of my conception! by Unius REI; King of Palestine end of Israel: for the UniversalBrotherhood: shalom salam +: = Blessings too to all




@ IsraelNationalTV - nach bhfuil aon chiall: dom a mbaineann: le grúpa: nó: páirt a ghlacadh ar: "líonrú sóisialta"! go bhfuil sé dodhéanta: dom a bheith: Cuid de: Gobhfuil Chun a shú: ag: Creideamh amháin: Bheith nó ball: de pháirtí polaitíochta(ie: bheith ina idé-eolaíocht) Toisc go: mo íonachta istigh: chuir mé i gcoimhlint :Oibríonn sé le: na nithe ar leith! Dia Tá éad: de dom i Salm 110: Dúirt sé liom: "suí tú ar:. Mo ceart" agus tá mé ag suí cheana féin! agus: Níl mé eagla: de Bheith: achfear amháin: le A Dhia! Yes! Mé fir grá, ach, mo spiorad: ó a bhfuil: ar fad iad! Ach,Tá mé ag Been déanta, tá a fhios agam: ag Dia ag an am: mo gcoimpeart! unius agRei, Rí Iosrael deireadh na Palaistíne: do Bhráithreachas Uilíoch: Shalom Dar +: =blessings ró do gach




@ IsraelNationalTV - hefur ekkert vit: fyrir mig að tilheyra: í hóp: eða: að taka þátt í:"félagslegur net"! það er ómögulegt: fyrir mig að vera: Hluti af: Það er að veraniðursokkinn: af: einn Trúarbrögð: Að vera eða félagi: í stjórnmálaflokki (þ.e.: að vera hugmyndafræði) Vegna: innri hreinleiki mín: setja mig í átökum : með: tilteknaatriði! Guð er vandlátur: af mér í Sl 110: Hann sagði við mig: "þú situr á. Rétt minn"og ég er nú þegar að sitja! og: Ég er ekki hræddur: Being: einungis einn maður: hjá Guði hans! Já! Ég elska menn, en andi minn: úr til er: þær allar! En, ég er gert, það veit ég: Guð á þeim tíma: að getnaður minn! unius eftir REI, konungur ÍsraelsPalestínu enda, því að Universal Brotherhood: Shalom Salaam +: = of Blessun til allra




@ IsraelNationalTV - non ha senso: per me: fare parte: ad un gruppo: o: perpartecipare: una "Social Network"! è 'impossibile: per me: una parte: che è quello di essere assorbita da un: singola Religione: esistenza Essere o membro:: di un partito politico (essere cioè una ideologia): la mia Interni Purezza: Mettimi: in conflitto : con: la voce particolare! Dio è geloso: anch'io: nel Salmo 110: Egli mi ha detto: "ci si siede su:. Mia destra" e io sono già seduto! e: Io non ho paura: di essere: un solo uomo: con il suo Dio! Sì! Amo gli uomini, ma, il mio spirito:l'impressione è a partire da: Tutti! Ma, io sono stato fatto: così: da Dio al momento:del mio concepimento! unius da REI, re d'Israele, Palestina fine: per la Fratellanza Universale: shalom + VENDITE = troppo Benedizione a tutti




ನನಗೆ ಸೇರುವ: ಸಮೂಹಕ್ಕೆ: ಅಥವಾ: "ಸಾಮಾಜಿಕ ನೆಟ್ವರ್ಕಿಂಗ್": ಒಂದು ಭಾಗವಹಿಸಲು - @IsraelNationalTV ಯಾವುದೇ ಅರ್ಥದಲ್ಲಿ ಹೊಂದಿದೆ! ಅದು ಅಸಾಧ್ಯ: ನನಗೆ ಎಂದು: ಭಾಗ: ಆಹೀರಿಕೊಳ್ಳಲಾಗುವ: ಒಂದು ಜಯ: ಏಕ ಧರ್ಮ: ಬೀಯಿಂಗ್ ಅಥವಾ ಸದಸ್ಯ: ಒಂದು ರಾಜಕೀಯ ಪಕ್ಷ (ಅಂದರೆ:ಒಂದು ಸಿದ್ಧಾಂತ ಎಂದು) ಕಾರಣದಿಂದಾಗಿ: ನನ್ನ ಆಂತರಿಕ ಶುದ್ಧತೆ: ಸಂಘರ್ಷ ನನಗೆ ಪುಟ್ : ಜೊತೆಗೆ: ನಿರ್ದಿಷ್ಟಐಟಂಗಳನ್ನು! ದೇವರ ಅಸೂಯೆ ಇದೆ: ನನ್ನ ಪ್ಸಾಲ್ಮ್ 110: ಅವನು ನನಗೆ ಹೇಳಿದರು: "ನೀವು ಮೇಲೆ ಕುಳಿತು. ನನ್ನಬಲ" ನಾನು ಈಗಾಗಲೇ ಕುಳಿತು ಹಾಕಿರುತ್ತೇನೆ! ಮತ್ತು: ನಾನು ಹೆದರುವುದಿಲ್ಲ ಎಂಬುದನ್ನು ಹಾಕಿರುತ್ತೇನೆ: ಬೀಯಿಂಗ್ಸಂಖ್ಯೆ: ಕೇವಲ ಒಂದು ವ್ಯಕ್ತಿ: ಹಿಸ್ ದೇವರೊಂದಿಗೆ! ಹೌದು! ನನ್ನ ಆತ್ಮ ಪುರುಷರ ಪ್ರೀತಿ, ಆದರೆ ಇವರಿಗೆ ಬರುತ್ತದೆ: ಅವುಗಳ ಎಲ್ಲಾ! ಆದರೆ, ನಾನು ಮಾಡಿದ ಬೀನ್ ಮನುಷ್ಯ, ನನಗೆ ಗೊತ್ತು: ದೇವರು ಸಮಯದಲ್ಲಿ: ನನ್ನ ಕಲ್ಪನಾ!REI, ಇಸ್ರೇಲ್ ಪ್ಯಾಲೆಸ್ಟೈನ್ ಅಂತ್ಯದ ಕಿಂಗ್ unius: ಯೂನಿವರ್ಸಲ್ ಭ್ರಾತೃತ್ವ: ನಮಸ್ಕಾರ ಸಲಾಮ್ +: ಎಲ್ಲಾ= ತುಂಬಾ ಆಶೀರ್ವಾದ




@ IsraelNationalTV - non modo ad me pertinere ad coetus, sive ad participandumin "nulla"! Impossibile est enim mihi: Part of: Ut absorbeatur, per, unam religionem,aut socius sit: de politica partem (id quod ideologiae) Quia mihi interior sinceritas,mittat me in proelium : with: particularis items! Deus aemulator, et in Psalmo CX deme: et dixit ad me 'te sedere, meum est. "et sedentes blandit! et: Ego sum​​, nolite timere: ex hoc, unus homo, cum Deus Yes! Amo, sed spiritus meus a se est,omnes! Quod factum sum ego novi: a Deo in tempore conceptionis meae! perunius rei regem Israel Palestine finem pro universa fraternitate: pax + salaam: =etiam benedictio omnibus




@ IsraelNationalTV - nav nozīmes: par mani: piederēt: uz grupai: vai: piedalīties::"sociālais tīkls"! tas nav iespējams: man ir: daļu: tas ir, ko absorbē: pēc: vienareliģija: vai ir biedrs: no politisko partiju (ti, jābūt ideoloģija), jo: mans tīrībasinterjers: mani: konfliktu : ar: konkrētu jautājumu! Dievs ir greizsirdīgs: no manis:110 psalmā: Viņš man teica: "Jūs sēdēt uz:. Manu labo" un es esmu jau sēdēja!un: es nebaidos: būt: viens cilvēks tikai: ar savu Dievu! Jā! Man patīk vīrieši, bet,mans gars ir tālu no: visi no viņiem! Bet, es esmu darīts: tā: Dievs laikā: manakoncepcija! ar Unius REI; King Palestīnas nolūkam Izraēla: Universal brālība:Shalom + salam: = svētības pārāk visiem




@ IsraelNationalTV - man jokios prasmės:: priklauso grupei: arba dalyvauti::"socialinis tinklas"! neįmanoma: man reikia: dalis:, kuri turi būti absorbuota:: vienareligija: ar narys: politinės partijos (ty: ideologija), nes: mano grynumas interjero:padėkite man: prieštarauja :: konkretų daiktą! Dievas pavydi: man: 110 psalmėje:Jis sakė man: "tu sėdi: Mano teisė" ir aš jau sėdi! : aš nebijau: yra tik vienas žmogus: su savo Dievui! Taip! Man patinka vyrai, tačiau, mano dvasia: toli nuo:juos visus! Tačiau, aš tikiu, buvo padaryta: taip: Dievas tuo metu: mano koncepciją!Unius REI; Palestinos pabaigos Izraelio karalius: visuotinės brolybės: shalom +salam: = palaiminimus per




@ IsraelNationalTV - нема смисла: за мене: да припаѓа: на група: или: за учество: A: "социјалната мрежа"! не е возможно: за мене да биде: на дел: тоа е да се апсорбира: со: еден религија: или се член: на политичка партија (т.е.да биде идеологија), бидејќи: Мои чистота внатрешни работи: ме: во конфликт: со: конкретната ставка! Бог е љубоморен: од мене: во псалмот 110: Тој ми рече: "седиш на:. Моето право" и јас сум веќе седи! и: Јас не се плашам: да биде: еден човек само: со својот Бог! Да! Сакам мажи, но мојот дух: е далеку од: Сите од нив! Но, јас сум се направи: така: од Бога во времето: на мојата концепција! од Unius РЕИ, кралот на Палестина крајот Израел заУниверзално Братство: Шалом + Салам: = благослови премногу за сите



a Benjamin Netanyahu ] tutto il mondo è stato dato a Satana ed ai suoi demoni Allah: ecco perché il mondo si è riempito di vittime della usura bancaria: e di schiavi dhimmi dalit, goym [ non voglio sminuire il grave crimine razzista dell'antisemitismo, che, finché esisterà quel parassita usuraio SpA FMI, di Rothschild & Company Bush 322 NWO 666, non potrà mai essere un antisemitismo che potrebbe, mai essere vinto! Ma, cosa c'entrano i cristiani? Cristiani sono le persone più umili, buone, pacifiche, oneste, del pianeta, che, non interagiscono con i sistemi politici del Mondo, perché, il loro Regno non è di questo mondo, eppure, tutti sono li a fare del male ai cristiani, per realizzare quel copione che, lo scriba e fariseo regista Rothschild, Bildenberg, i più alti specialisti di ingegneria sociale della storia hanno scritto, che, loro hanno ucciso Gesù di Betlemme, proprio perché Gesù Cristo è l'amore. Ecco perché i farisei Illuminati SpA Banca Mondiale hanno dato il mondo a Satana, ed ecco perché, la sharia nazismo LEGA ARABA è diventata: non solo una minaccia per Israele, ma, è diventata anche un nazismo spietato contro tutto il genere umano! Questa storia islamica? per colpa della ARABIA SAUDITA, che ha goduto con i satanisti massoni anglo-americani del sangue di tanti innocenti martiri, certamente, questa criminale storia Ummah MECCA CABA: finirà in tragedia!
e perché i satanisti massoni, Bildenberg NATO USA UE, SpA Fmi, loro si preoccupano sempre della omofobia islamofobia, ma, non i preoccupano, mai della Christianophobia, di: nazismo LEGA ARABA, Abdulla, Bin Abdel Aziz Dracula, Saudi Arabia, Kuwait, Qatar, Bahrain, United Arab Emirates, ONU OIC sharia il nazismo?
Obama te lo dico io: "tu sei la troia di Satana!"
====================
Il Governo vuole regalare le case ai rom? 19 giugno 2015. Vogliamo sapere dal Governo e dall’ANCI che cosa significa che l’Esecutivo si farà carico di un fondo per riallocare le famiglie rom e superare i campi. ] [ Il Governo intende regalare case ai rom? E allora perché non ai cittadini italiani non rom che pagano le tasse e che da anni aspettano di poter accedere a una casa popolare? io credo che tutto il centro destra sia, ingessato bloccato dalla leadership di Berlusconi. Io non ho con lui qualcosa di personale! ma, Lui Berlusconi per me potrebbe anche fare il "Padre della Patria" ma, non ha più un ruolo da giocare, se lui non compatta tutto il Centro Destra: con regole chiare, primarie, e sedi di Partito in ogni comune di ITALIA, con questi comitati elettorali "fast food" estemporanei? La nostra proposizione politica di Centro Destra sembra tutta una truffa, agli occhi del popolo, che è il nostro elettorato che ci punisce con l'astensionismo!
=====================
open letter to SILVIO BERLUSCONI ] e perché Dio ti ha dato i soldi, se, tu non vuoi riscattare con essi la tua anima? "futuro del centrodestra deve partire dalle primarie" lo ha detto GIORGIA MELONI
===================
[21/6/2015: POVERO NOSTRO PARTITO di FdI di BARI!
[21/6/2015: ad un leader politico ] [ non ho un locale commerciale che può diventare una ipoteca sulla nostra amicizia! Ma, parlare tra di noi, scambiare opinioni, considerare divergenze, ricevere istruzioni, è una mia determinata necessaria, inderogabile esigenza umana di amicizia e collaborazione a cui tu non puoi sottrarti: ti sei preso l'onore di un compito rappresentativo e ne devi sentire le responsabilità del dialogo e del confronto! anche perché, tu non hai mediatori culturali ben istruiti che ti possono rappresentare adeguatamente: COME UN ALTRO TE STESSO! che è questo il tuo vero problema stressante! MA, SE TU AVESSI ALTRI TE STESSO? IO NON TI DISTURBEREI!
===================
Beppe Grillo non può portare la moralità nel popolo italiano facendolo rimanere nel sistema TRUFFA SIGNORAGGIO BANCARIO, massonico usurocratico BILDENBERG REGIME BANCHE SPA CENTRALI, è come portare una ragazza al boRdello e sperare che lei conservi la virtù! è chiaro anche questa circostanza rara può avvenire: INFATTI ESISTE QUESTA CHAT DI GRUPPO!
è un VERO peccato che Beppe GRILLO è a favore del matrimonio tra persone ed animali? (voci di corridoio: DATO DA RISCONTRARE E VERIFICARE), e che si sia rimangiato le sue originali convinzioni auritiane (scienziato Giacinto Auriti)! SE GRILLO NON FOSSE UNA TRUFFA TOTALE? IO SAREI STATO CON LUI. Tutti I NOSTRI LEADER? LORO NON MERITANO DI ESSERE TROPPO STIMATI!
====================
[20/6/2015: per quello che Nicolas Sarkozy, ha fatto contro la Libia e contro l'Italia? lui si dovrebbe suicidare 1000 volte al giorno!
e per quello che gli USA hanno fatto in IRAQ, Cosovo, Nigeria, ecc.. SIRiA, ecc.. con i loro satanisti sauditi? potrebbe scendere soltanto il fuoco dal cielo!
Nicolas Sarkozy, ecco perché nessun politico deve accettare soldi, cosa che tu hai fatto sempre! anche il divorzio te lo sei fatto pagare dagli islamici! un politico che accetta dei doni? deve essere fucilato!
Nicolas Sarkozy, ecco ladrone, tu restituisci tutti i doni che tu hai ricevuto perché sono del popolo!
[20/6/2015: le sinistre sono: 1. la usurocrazia, 2. la distruzione della economia, 3. della moralità, 4. della giustizia sociale.. eppure, vincono perché hanno lottizzato: 1. la pubblica amministrazione, 2. le banche, 3. le cooperative ed hanno: 4. una struttura permanente di par[20/6/2015, 10:14] +39 320 570 8054: [ questi versetti sotto riportati, sono a indicare la violenza e la crudeltà dello Antico Testamento (per persone dalla cattiva coscienza: come se ebrei o cristiani danno una interpretazione fondamentalista a questi versetti per fare morire delle persone), La operazione criminale che si tenta di fare e quella di volere giustificare il Corano, dei paranoici maniaci religosi islamici che è il sistema giuridico di tutta la LEGA ARABA shariah ONU OIC. Tanto per precisare, nessuno dice che la Bibbia è un libro increato, come si dice del Corano, che, non ammette di essere cristicato, e che, fa di ISIS sharia i veri interpreteti del Corano stesso, mentre, tutta la LEGA ARABA sharia, si associa nella sostanza nazista di violazione dei fondamentali diritti umani alla sua stessa galassia jihadista, di cui è responsabile ideologica giuridica e politica! ] [ questi versetti sono riportati per calunniare la Bibbia: ed ovviamente, noi siamo nel contesto dello Antico Testamento, mentre oggi, noi viviamo nel contesto del Nuovo testamento di Gesù (che non abolisce il Vecchio, ma che attraverso la legge dello Amore universale, che Gesù ha introdotto, ha dato di quei versetti violenti la giusta interpretazione), ma farisei talmud satanico segreto, e salafiti shari'a, per predare con il signoraggio bancario e con le loro pervertite religioni, in maniera più o meno ipocrita, ed occulta i popoli: riportano il Genere umano sempre nel Medio Evo, anzi ancora peggio sempre nel regime giuridico dello Antico Testamento. ] e nel caso dei farisei Illiminati, regime massonico Bildenberg, per gli anglo-americani Rothschild SpA, Fmi, c'è una terribile aggravante, loro spingono i popoli nella immorlità e trasgressione di cose che, loro non fanno (e se le fanno si autogiustificano: dando allo Ebreo una natura ontologica divina), proprio per essere autorizzati ad uccidere i popoli goym attraverso la guerra mondiale, ed attraverso la usura di Stato [ tuttavia, noi del Nuovo Testamento non riduciamo il valore teologico di questi versetti: che rimangono sempre il codice civile del Regno di Dio: del giudizio delle anime, e del giudizio univerale, ecco perché senza REDENZIONE di Cristo sulla Croce? Nessuno potebbe salvarsi! soltanto che, noi non diamo a questi versetti un valore politico giuridico e non mettiamo a morte nessuno, ma, proprio questa è la follia della LEGA ARABA che, ha fatto del suo Islam, il lato ipocrita del ISIS sharia, e loro mettono a morte i cristiani, realmente, che, gli inoocenti martiri cristiani: sono invece: proprio i veri santi di Dio!
[20/6/2015: GENTILE A*** ] il mio sogno rimane sempre la COALIZIONE, e non credo in un successo politico per vie individuali! [ in realtà concedere a 700 euro con tasse incluse, per me non è da ritenere un interesse economico, quanto come una dedizione.. mi dia confema gentile se ha girato il mio messaggio a Davide Bellomo [ a Marcello GEMMATO FdI Fratelli di Italia ] voi avete bisogno di una SEDE politica Regionale PERMANENTE e pensare differentemente sarebbe pura follia! Se, la prendete altrove questa sede, io non mi sentirò offeso? voi non vi sentirete danneggiati essendo io, gratuitamente, a disposizione 8 ore ogni giorno nel mio locale? Se, i 700 euro non si potessero raccogliere, forse che io vi potrei creare dei problemi? CERTO CHE NO! Comunque come concordato, troverai il tempo per venirmi a trovare?
[20/6/2015: il vero dramma è che tra il politico e il popolo in realtà non ci sono figure intermedie di contatto, che il popolo cercando in internet potrebbe trovare: poi, i nostri comitati elettorali estemporanei hanno il sapore della truffa! e questo è anche un motivo per lo abbandono del seggio etettorale, cioè, per il 50% di astensionismo, in questo modo è proprio il nostro elettorato quello che si astiene! Quindi in Internet noi dovremmo avere una visibilità istituzionale, delle funzioni visibili territorialmente, una consulenza legale, sportelli di assistenza, ecc.. una visibilità maggiore di quelle di una drogheria!
[20/6/2015: perché, Senza sovranità monetaria, non possono esistere popoli liberi! ] il satanismo ideologico e pratico del NWO 322 Bush, Kerry Obama GENDER ideologia, e suo SpA Fondo Moneraio Internazionale: sistema massonico, si comprende bene dal crimine anti Costituzionale bancario: della Riserva Frazionaria.. Perché le banche commerciali inventando, creando dal nulla: il denaro per noi, alla nostra richiesta di un Mutuo ipotecario, in questo modo: dimostrano di essere il nostro vero potere di GOVERNO e che noi siamo i loro schiavi! Senza sovranità monetaria, non esistono popoli liberi! Quindi tutti i politici sono costretti a commettere il peggiore crimine di alto tradimento Costituzionale: che, può essere un reato punibile con la pena di morte!
le sinistre sono: 1. la usurocrazia, 2. la distruzione della economia, 3. della moralità, 4. della giustizia sociale.. eppure, vincono perché hanno lottizzato: 1. la pubblica amministrazione, 2. le banche, 3. le cooperative ed hanno: 4. una struttura permanente di partito: 5. regole condivise, 6. primarie, 7. mass media, 8. ecc.. avranno sempre la priorità: contro: la nostra politica da fast food.. essa per fortuna: sarà soltanto un dissanguamento economico per i nostri leader, perché tutto il nostro elettorato finirà alla LEGA ed ai 5 stelle!
================
my JHWH ] farisei cannibali usurai strozzini, adesso in questo momento? è tutta invidia, sono soltanto 4 frustrati sessuali!
premier Benyamin Netanyahu ] non è che si può dire che lorenzoJHWH è un israeliano, per due motivi: 1). JHWH non potrebbe mai riconoscere una falsa democrazia massonica senza sovranità monetaria, con la 666 stella Rothschild sulla bandiera! 2). Unius REI appartiene a tutti i popoli! [ ma, questo può essere detto: il primo dono di Unius REI, la sua stessa vita: è principalmente un dono per tutto il popolo ebraico sparso per il mondo intero! ] se, ti può consolare si potrebbe anche dire che già oggi: io sono più israeliano che italiano!
my JHWH ] lol [ la colpa è tutta tua! TU MI HAI INTIMIDITO GLI UMANI!
==========================
Immigrazione. Serve una missione militare internazionale per controllare i porti e le coste della Libia e fermare le carrette della morte. 18 giugno 2015. Viviamo in questi giorni la prevedibile e prevista conseguenza della catastrofica politica sull’immigrazione del duo Renzi-Alfano. Oggi la tragicomica coppia urla e si indigna contro l’Europa, perché Francia, Germania, Spagna, Gran Bretagna, Polonia e la quasi totalità degli Stati Ue lasciano l’Italia sola davanti all’emergenza immigrazione. Ma non si può fingere di non sapere che questa situazione è la causa diretta delle scelte del Governo di sinistra, a partire dall’abolizione del reato di immigrazione clandestina, e non è una catastrofe naturale imprevista e che prescinde dalle decisioni prese. […]
======================
Turlupinati o turlupinatori? 23 aprile 2015, Matteo Renzi si recherà oggi al Consiglio Europeo straordinario convocato dal Presidente Donald Tusk per discutere dell’emergenza immigrazione e porterà con sé la risoluzione del suo Governo e approvata dal Parlamento dopo le ultime tragedie che si sono consumante nel Me​diterraneo. Tra i cinque punti del piano di azione di Renzi, oltre al rafforzamento dell’operazione Frontex-Triton, ​c’è anche: l’apertura direttamente nelle ​N​azioni da cui i migranti partono di centri di raccolta per valutare le richieste di asilo politico (Fratelli d’Italia lo ha proposto due anni fa e ci hanno dato dei razzisti) e la modifica del ​R​egolamento ​di ​Dublino 3 che prevede che un rifugiato richiedente asilo deve essere accolto dalla ​N​azione in cui si palesa ma non può circolare negli altri Stati dell’Ue (altra proposta di Fratelli d’Italia che avevamo posto all’attenzione di Renzi senza ottenere nessun riscontro anche il 3 dicembre scorso quando si presentò alla Camera per il question time). Ma Renzi evidentemente non si è accorto della riunione a Lussemburgo del Consiglio dei ministri Ue di Esteri e Interni alla presenza degli ineffabili Alfano e Gentiloni. Perché in quella sede, poche ore prima della sua “presa di posizione” è stata approvata un’altra risoluzione, sviluppata in 10 punti, che non prevede assolutamente nulla di quello che va a dire in giro Renzi​: ​non dice nulla sui centri per le richieste di asilo in Africa e men che meno sulla revisione degli accordi di Dublino. Ci sono invece scritte due cose importanti. Primo: l’ufficio europeo per i rifugiati potenzierà la sua attività in Italia e in Grecia, che tradotto significa che i richiedenti asilo rimangono tutti in Italia. Secondo: verrà potenziata l’attività di riconoscimento degli immigrati e di raccoglimento delle impronte digitali degli immigrati. In parole semplici: l’Unione europea verifica che questi rifugiati rimangano in Italia. Quindi le ipotesi a questo punto sono solo due: Alfano e Gentiloni sono andati in Europa come al solito a farsi turlupinare e quindi non hanno capito che cosa stavano approvando. L’altra spiegazione è che lo hanno capito e in questo caso Renzi è venuto alla Camera a turlupinare gli italiani. In ogni caso hanno fatto come al solito una cosa molto diversa da quello che vanno raccontando.
======================
Siediti, cammina, corri, ma non tentennare. (Proverbio zen)
=======================
L’Italia promuova lo status di Paese neutrale per l’Ucraina. Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale non condivide la scelta fatta dal Governo Renzi e dal ministro degli Esteri Mogherini riguardo la questione Ucraina. Constatiamo con grande rammarico che questo Governo, in continuità con i due precedenti, sia riuscito a far perdere all’Italia il ruolo di mediazione tra Russia e Occidente ottenuto negli anni passati grazie al Governo di centrodestra. Crediamo, infatti, che l’Italia e l’Unione Europea non dovrebbero accontentarsi di sposare in modo acritico le scelte prese a Washington, ma dovrebbero, piuttosto, agire per ricercare un rapporto di equilibrio duraturo anche con la vicina Russia.
========================
Francesco, Fatima e la fine del mondo Il Santo Padre sa qualcosa che noi ignoriamo? ] Alla fine di aprile è stato confermato che papa Francesco si recherà a Fatima per il 100° anniversario delle apparizioni mariane, e si è detto che approfitterà di quell'occasione per canonizzare i due veggenti più giovani, Jacinta e Francisco Marto.
Nei giorni scorsi, in occasione della festa di Nostra Signora di Fatima (il 13 maggio), l'immagine originale della Vergine è stata venerata dal Santo Padre in Vaticano. Qual è la comprensione di papa Francesco del messaggio di Fatima, e perché la Madonna di Fatima sembra tanto importante per lui, come del resto lo è stata per i suoi due predecessori?
I sorprendenti eventi avvenuti a Fatima nel maggio 1917 hanno avuto luogo mentre il mondo si immergeva nel XX secolo – un secolo che avrebbe visto due guerre mondiali, genocidi su vasta scala, l'invenzione della bomba atomica e la rapida affermazione di tecnologie che avrebbero trasformato il mondo e la razza umana.
La visita del papa a Fatima e la sua celebrazione dei giorni scorsi portano avanti il suo interesse e il suo coinvolgimento nei confronti degli eventi della località portoghese. Il suo pontificato è stato consacrato a Nostra Signora di Fatima il 13 maggio 2013 dal cardinale di Lisbona. Durante la cerimonia, il porporato ha pregato perché a papa Francesco fosse dato “il dono del discernimento su come identificare le vie di rinnovamento per la Chiesa”. Ha anche pregato che il Santo Padre fosse protetto “nelle difficili ore della sofferenza, in modo da poter superare, nella carità, le prove che il rinnovamento della Chiesa gli presenterà”. Ciò è stato seguito cinque mesi dopo dalla consacrazione da parte di papa Francesco del mondo a Nostra Signora di Fatima il 13 ottobre 2013.
La devozione del pontefice a Nostra Signora di Fatima indica un legame storico e significativo del pontificato con le profezie di Fatima. Giovanni Paolo II ha visitato Fatima tre volte, nel 2000 ha beatificato Jacinta e Francisco ed è stato anche responsabile dell'affidamento del Terzo Millennio al Cuore Immacolato di Maria di fronte alla statua della Madonna domenica 8 ottobre 2000, quando più di 1.400 vescovi erano presenti per la Messa del Giubileo.
Anche papa Benedetto XVI ha sostenuto con vigore Fatima e ha visitato il santuario nel maggio 2010, quando tra le altre cose ha detto: “Ci sbaglieremmo se pensassimo che la missione profetica di Fatima sia conclusa”.
Nella famosa visione di papa Leone XIII, Satana ha affermato che se avesse avuto cent'anni avrebbe distrutto la Chiesa. È interessante notare che la data era il 13 ottobre 1884. Emergono due “date di Fatima”. Il tentato omicidio di papa Giovanni Paolo II ha avuto luogo il 13 maggio 1981. Papa Francesco ha consacrato il mondo a Nostra Signora di Fatima il 13 ottobre 2013. Le apparizioni sono iniziate il 13 maggio 1917 e sono terminate con il miracolo del sole il 13 ottobre dello stesso anno. Questi memorabili segni del cielo indicano l'inizio del secolo in cui Satana cercava di distruggere la Chiesa? Se è così, ci stiamo avvicinando alla fine dei tempi? Questo rende la visita del papa a Fatima nel 2017 più importante di una semplice celebrazione per un centenario?
Quando ha celebrato la consacrazione a Nostra Signora di Fatima nell'ottobre 2013, papa Francesco ha affermato: “La sua statua, venuta da Fatima, ci aiuta a sentire la sua presenza in mezzo a noi. C'è una realtà: Maria sempre ci porta a Gesù... Alla misericordia di Dio, lo sappiamo, nulla è impossibile! Anche i nodi più intricati si sciolgono con la sua grazia. E Maria, che con il suo 'sì' ha aperto la porta a Dio per sciogliere il nodo dell'antica disobbedienza, è la madre che con pazienza e tenerezza ci porta a Dio perché Egli sciolga i nodi della nostra anima con la sua misericordia di Padre”.
Francesco, Fatima e la fine del mondo Il Santo Padre sa qualcosa che noi ignoriamo? ] Come i suoi due predecessori, questo papa sembra profondamente consapevole non solo della battaglia spirituale con Satana, ma anche della possibilità che il tempo sia breve. Contemplando “la fine del mondo”, dobbiamo chiederci cosa significhi.
Sicuramente non possiamo escludere qualche terribile catastrofe che potrebbe gettare il mondo nel caos, ma c'è un altro senso in cui la nostra razza umana sta raggiungendo un punto finale perché stiamo distruggendo noi stessi.
Stiamo distruggendo le nostre comunità attraverso guerra, violenza e terrorismo. Stiamo distruggendo le nostre famiglie attraverso la contraccezione, la sterilizzazione, l'aborto e il divorzio. Stiamo distruggendo la nostra purezza e il nostro potere attraverso pornografia, omosessualità, promiscuità, lussuria e rabbia.
Stiamo distruggendo la nostra società con avidità, materialismo, indifferenza nei confronti dei poveri, calpestando le vedove, gli orfani, i senzatetto e gli affamati. Stiamo distruggendo il nostro ambiente con il sovrasviluppo e l'inquinamento. In molti modi, stiamo provocando noi stessi la fine del nostro mondo, e la Beata Madre guarda tutto questo con il cuore spezzato di una madre.
In mezzo al caos assassino, la Beata Vergine Maria ci mostra il cuore compassionevole di suo Figlio. Ella ci porta alla Divina Misericordia. Guarda questa umanità spezzata e pazza – una razza che va verso la distruzione – e dice con il cuore di una madre “Tornate a casa!”
Questo spiega anche il messaggio e il metodo del papa. Egli guarda al mondo con pietà, non con biasimo. Vuole raggiungere chi ha il cuore spezzato, chi è amareggiato e chi è legato dal peccato e offrire il perdono e la misericordia di Dio – come il padre e la madre dal cuore spezzato guardano ai propri figli ribelli.
Il pontefice ha accolto la statua di Fatima in Vaticano qualche giorno fa, ha consacrato il mondo alla Madonna due anni fa e progetta una visita a Fatima nel 2017. Sa qualcosa che noi ignoriamo? C'è una crisi incombente che ci porterà in qualche modo a un punto di svolta? Ha chiesto alla Beata Vergine di pregare e di intercedere per la nostra razza povera, problematica, pazza e suicida con particolare urgenza?
Non vogliamo speculare sul futuro, ma metterci nelle mani di Dio con la massima fiducia. Il messaggio di Fatima è guardare, aspettare, pregare e fare riparazione per i peccati, e guardare sempre con speranza piena di aspettativa al buon futuro che Dio ha in serbo.
Padre Dwight Longenecker è parroco di Nostra Signora del Rosario a Greenville (South Carolina, Stati Uniti). Il suo sito web è dwightlongenecker.com.
========================
16.06.2015. Quando papa Benedetto XVI condannò la teoria del gender. Fu lui il primo Papa a parlare esplicitamente di questa “nuova filosofia della sessualità”. In questi giorni in cui si prepara la grande manifestazione nazionale del 20 giugno a favore della famiglia naturale, si parla molto di teoria gender e del tentativo dello stato di inserire questo insegnamento nei programmi scolastici.
Papa Francesco si è più volte pronunciato su questa tematica condannando l’ideologia del gender come “uno sbaglio della mente umana” una “colonizzazione ideologica” (…) “che crea tanta confusione” (frasi pronunciate a marzo del 2015 durante la Visita Pastorale a Pompei e Napoli). Rivolgendosi alla Conferenza Episcopale del Porto Rico, il Pontefice ha affermato che “la complementarità tra l’uomo e la donna (…) è oggi messa in discussione dalla cosiddetta ideologia di genere, in nome di una società più libera e più giusta”. Durante l’udienza generale del 15 aprile, riferendosi alla differenza sessuale tra uomo e donna, papa Francesco si è chiesto “se la cosiddetta teoria del gender non sia anche espressione di una frustrazione e di una rassegnazione, che mira a cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa”. Sono solo alcuni esempi tra i tanti pronunciamenti di papa Francesco sul tema delle teorie gender e della “colonizzazione ideologica” a cui sono sottoposti i bambini nelle scuole statali.
A partire dal dicembre del 2014, nelle sue consuete Udienze del mercoledì, Francesco ha dedicato diverse catechesi alla famiglia così come è presentata e vissuta dalla tradizione della Chiesa e della società occidentale: l’unione di un uomo e di una donna vissuta nell’amore e nel dono di sè, un’unione indissolubile, fedele e feconda – aperta alla vita – capace di accogliere, curare ed educare i figli che Dio vorrà donar loro. Queste catechesi sulla famiglia si collocano in linea temporale tra le due Assemblee Sinodali dedicate alla famiglia: il Sinodo Straordinario già concluso (5-19 ottobre 2014) e il Sinodo Generale ordinario previsto dal 4 al 19 ottobre di quest’anno sul tema “Gesù Cristo rivela il mistero e la vocazione della famiglia”.
Benché negli ultimi mesi, in modo particolare durante le riunioni sinodali, sia trapelata la paura di un cambiamento nella dottrina della Chiesa sulla dottrina della famiglia, si è calcolato che, dalla chiusura del Sinodo Straordinario fino a metà maggio, il Santo Padre ha effettuato più di 40 interventi sul tema della famiglia tutti in linea con la dottrina e la pratica tradizionale in materia familiare; a fare problema sono le notizie diffuse dai grandi organi di stampa internazionale, sempre pronti a sottolineare e a diffondere possibili e presunti cambiamenti nella prassi o nella dottrina della Chiesa, piuttosto che il contenuto essenziale dei pronunciamenti papali.
Ma Francesco non è il primo pontefice ad aver pubblicamente condannato le teorie del gender. E’ vero che Giovanni Paolo II dedicò buona parte del suo magistero alla morale sessuale e familiare (la cosiddetta “Teologia del corpo”) tanto da meritare il titolo di “papa della famiglia”, ma il primo papa a parlare esplicitamente delle teorie gender fu Benedetto XVI.
Era il 21 dicembre del 2012 quando il Santo Padre Benedetto XVI, rivolgendosi alla Curia Romana in occasione degli auguri natalizi, condannò fermamente la teoria gender. Nel suo discorso il papa Benedetto si volle soffermare su alcuni “momenti salienti” del suo ministero accaduti durante l’anno che stava per terminare. Tra i vari avvenimenti ricordò la sua visita pastorale all’arcidiocesi di Milano e la sua partecipazione alla “festa della famiglia” ossia l’VII Incontro Mondiale delle Famiglie, avvenuto nel mese di giugno. Parlando della famiglia, della crisi che la minaccia e delle sfide da affrontare, il papa citò il Gran Rabbino di Francia Gilles Bernheim e il suo libro “Quello che spesso si dimentica di dire. Matrimonio omosessuale, omogenitorialità, adozione” (ed. Belforte, € 10). Il testo del Rabbino Bernheim è stato definito da Benedetto “un trattato accuratamente documentato e profondamente toccante” che mostra l’attentato a cui oggi è sottoposta la famiglia. E’ qui che papa Benedetto parla della “nuova filosofia della sessualità” che minaccia, non solo la famiglia, ma il fondamento stesso di “ciò che significa l’essere uomini”.
Come al solito, Benedetto XVI riuscì a offrire in poche righe il significato più profondo del problema, senza che il contenuto venisse sacrificato in favore della sintesi. In poche parole l’attuale Papa Emerito ha sintetizzato il senso di questa particolare “filosofia della sessualità” definendola senza mezzi termini “profondamente erronea”:
La profonda erroneità di questa teoria e della rivoluzione antropologica in essa soggiacente è evidente. L’uomo contesta di avere una natura precostituita dalla sua corporeità, che caratterizza l’essere umano. Nega la propria natura e decide che essa non gli è data come fatto precostituito, ma che è lui stesso a crearsela. (…) Non è più valido ciò che si legge nel racconto della creazione: “Maschio e femmina Egli li creò” (Gen 1,27).
Vale però la pena, in questi tempi, soffermarsi a rileggere con attenzione il testo completo per cogliere tutta l’ampiezza della problematica e la profondità dell’argomentazione magistralmente sintetizzata dal pontefice tedesco:
“La grande gioia con cui a Milano si sono incontrate famiglie provenienti da tutto il mondo ha mostrato che, nonostante tutte le impressioni contrarie, la famiglia è forte e viva anche oggi. È incontestabile, però, anche la crisi che – particolarmente nel mondo occidentale – la minaccia fino nelle basi. Mi ha colpito che nel Sinodo si sia ripetutamente sottolineata l’importanza della famiglia per la trasmissione della fede come luogo autentico in cui si trasmettono le forme fondamentali dell’essere persona umana. Le si impara vivendole e anche soffrendole insieme. Così si è reso evidente che nella questione della famiglia non si tratta soltanto di una determinata forma sociale, ma della questione dell’uomo stesso – della questione di che cosa sia l’uomo e di che cosa occorra fare per essere uomini in modo giusto. Le sfide in questo contesto sono complesse. C’è anzitutto la questione della capacità dell’uomo di legarsi oppure della sua mancanza di legami. Può l’uomo legarsi per tutta una vita? Corrisponde alla sua natura? Non è forse in contrasto con la sua libertà e con l’ampiezza della sua autorealizzazione? L’uomo diventa se stesso rimanendo autonomo e entrando in contatto con l’altro solo mediante relazioni che può interrompere in ogni momento? Un legame per tutta la vita è in contrasto con la libertà? Il legame merita anche che se ne soffra? Il rifiuto del legame umano, che si diffonde sempre più a causa di un’errata comprensione della libertà e dell’autorealizzazione, come anche a motivo della fuga davanti alla paziente sopportazione della sofferenza, significa che l’uomo rimane chiuso in se stesso e, in ultima analisi, conserva il proprio “io” per se stesso, non lo supera veramente. Ma solo nel dono di sé l’uomo raggiunge se stesso, e solo aprendosi all’altro, agli altri, ai figli, alla famiglia, solo lasciandosi plasmare nella sofferenza, egli scopre l’ampiezza dell’essere persona umana. Con il rifiuto di questo legame scompaiono anche le figure fondamentali dell’esistenza umana: il padre, la madre, il figlio; cadono dimensioni essenziali dell’esperienza dell’essere persona umana". Il Gran Rabbino di Francia, Gilles Bernheim, in un trattato accuratamente documentato e profondamente toccante, ha mostrato che l’attentato, al quale oggi ci troviamo esposti, all’autentica forma della famiglia, costituita da padre, madre e figlio, giunge ad una dimensione ancora più profonda. Se finora avevamo visto come causa della crisi della famiglia un fraintendimento dell’essenza della libertà umana, ora diventa chiaro che qui è in gioco la visione dell’essere stesso, di ciò che in realtà significa l’essere uomini. Egli cita l’affermazione, diventata famosa, di Simone de Beauvoir: “Donna non si nasce, lo si diventa” (“On ne naît pas femme, on le devient”). In queste parole è dato il fondamento di ciò che oggi, sotto il lemma “gender”, viene presentato come nuova filosofia della sessualità. Il sesso, secondo tale filosofia, non è più un dato originario della natura che l’uomo deve accettare e riempire personalmente di senso, bensì un ruolo sociale del quale si decide autonomamente, mentre finora era la società a decidervi.La profonda erroneità di questa teoria e della rivoluzione antropologica in essa soggiacente è evidente. L’uomo contesta di avere una natura precostituita dalla sua corporeità, che caratterizza l’essere umano. Nega la propria natura e decide che essa non gli è data come fatto precostituito, ma che è lui stesso a crearsela. Secondo il racconto biblico della creazione, appartiene all’essenza della creatura umana di essere stata creata da Dio come maschio e come femmina. Questa dualità è essenziale per l’essere umano, così come Dio l’ha dato. Proprio questa dualità come dato di partenza viene contestata. Non è più valido ciò che si legge nel racconto della creazione: “Maschio e femmina Egli li creò” (Gen 1,27).
No, adesso vale che non è stato Lui a crearli maschio e femmina, ma finora è stata la società a determinarlo e adesso siamo noi stessi a decidere su questo. Maschio e femmina come realtà della creazione, come natura della persona umana non esistono più. L’uomo contesta la propria natura. Egli è ormai solo spirito e volontà. La manipolazione della natura, che oggi deploriamo per quanto riguarda l’ambiente, diventa qui la scelta di fondo dell’uomo nei confronti di se stesso. Esiste ormai solo l’uomo in astratto, che poi sceglie per sé autonomamente qualcosa come sua natura. Maschio e femmina vengono contestati nella loro esigenza creazionale di forme della persona umana che si integrano a vicenda. Se, però, non esiste la dualità di maschio e femmina come dato della creazione, allora non esiste neppure più la famiglia come realtà prestabilita dalla creazione. Ma in tal caso anche la prole ha perso il luogo che finora le spettava e la particolare dignità che le è propria. Bernheim mostra come essa, da soggetto giuridico a sé stante, diventi ora necessariamente un oggetto, a cui si ha diritto e che, come oggetto di un diritto, ci si può procurare. Dove la libertà del fare diventa libertà di farsi da sé, si giunge necessariamente a negare il Creatore stesso e con ciò, infine, anche l’uomo quale creatura di Dio, quale immagine di Dio viene avvilito nell’essenza del suo essere. Nella lotta per la famiglia è in gioco l’uomo stesso. E si rende evidente che là dove Dio viene negato, si dissolve anche la dignità dell’uomo. Chi difende Dio, difende l’uomo”.
=============================== 16.06.2015. La profezia di Suor Lucia: «Lo scontro finale tra Dio e Satana è su famiglia e vita». La veggente di Fatima lo ha scritto al cardinale Carlo Caffarra. «La Madonna gli ha già schiacciato la testa». Dio contro Satana: l'ultima battaglia, «lo scontro finale», sarà sulla famiglia e sulla vita. La profezia è di suor Lucia dos Santos, la veggente di Fatima di cui il 13 febbraio scorso è cominciato il processo di beatificazione.
LA LETTERA A LUCIA
A raccontarla è il cardinale Carlo Caffarra in un'intervista concessa a La Voce di Padre Pio (marzo 2015). Il porporato ebbe da Giovanni Paolo II l’incarico di ideare e fondare il Pontificio Istituto per Studi su Matrimonio e Famiglia, di cui oggi è professore emerito. «All’inizio di questo lavoro - spiega Caffarra - ho scritto a suor Lucia di Fatima, attraverso il vescovo perché direttamente non si poteva fare. Inspiegabilmente, benché non mi attendessi una risposta, perché chiedevo solo preghiere, mi arrivò dopo pochi giorni una lunghissima lettera autografa – ora negli archivi dell’Istituto».
LA RISPOSTA DELLA SUORA
In quella lettera di Suor Lucia è scritto che lo scontro finale tra il Signore e il regno di Satana sarà sulla famiglia e sul matrimonio. «Non abbia paura, aggiungeva, perché chiunque lavora per la santità del matrimonio e della famiglia sarà sempre combattuto e avversato in tutti modi, perché questo è il punto decisivo».
LA COLONNA PORTANTE DELLA CREAZIONE
La suora di Fatima sosteneva che la Madonna ha già «schiacciato» la testa a Satana. «Si avvertiva - prosegue il porporato - anche parlando con Giovanni Paolo II, che questo era il nodo, perché si toccava la colonna portante della creazione, la verità del rapporto fra l’uomo e la donna e fra le generazioni. Se si tocca la colonna portante crolla tutto l’edificio, e questo adesso noi lo vediamo, perché siamo a questo punto, e sappiamo».
===============================
Police Officer Manages to Kill Terrorist After Being Stabbed in the Kneck
One Critically Wounded in Jerusalem Stabbing Attack
jerusalem-stabbing-attack

Click here to watch: Police Officer Manages to Kill Terrorist After Being Stabbed in the Neck

A border policeman has been left seriously wounded after being stabbed by an Arab terrorist in Jerusalem, close to the Old City's Damascus Gate. Security forces and paramedics are already at the scene. The victim, aged 20, is in critical condition and fighting for his life, with stab wounds to his neck. Paramedics performed emergency first aid at the scene, and then transferred him to Jerusalem's Shaare Tzedek hospital for further treatment. The terrorist was transferred to Hadassah hospital in critical condition, and died of his wounds shortly afterwards. He has been identified as an 18-year-old resident of Judea and Samaria. Police say the victim managed to fire at the terrorist despite his severe injuries, "neutralizing" his attacker. According to paramedics the terrorist is in serious condition with at least one gunshot wound to his upper body. According to a statement by the Magen David Adom (MDA) emergency service, "At 10:36 MDA... received a report of two wounded... as a result of a stabbing close to Damascus Gate in Jerusalem." "MDA medics and paramedics are providing medical care at the scene," it added.

Watch Here

Police officers have flocked to the scene, along with Israel Security Agency (ISA or Shin Bet) agents, to investigate the incident. Initial estimates point to "nationalistic motivations" - i.e. a terror attack - but it is unknown whether the terrorist was a "lone wolf" or acting on behalf of an organization. Jerusalem District Commander Moshe Edri has also arrived at the scene. "We'll assess the situation in light of all possible scenarios," Edri said. "Police details to the area will be reinforced as needed." "Any incident where police officers or civilians are injured should end in the assassination of the terrorist," he added. The incident is the second terrorist attack in the past 48 hours. On Friday afternoon, two Israeli hikers were gunned down by an Arab terrorist near the town of Dolev in the Binyamin region north of Jerusalem. One of the victims, 25-year-old Danny Gonen of Lod, central Israel, died of his wounds shortly after. The second victim, a friend of Gonen's also from Lod, was hospitalized with light-to-moderate gunshot wounds to his limbs. In that attack, the two men had just left a natural spring in the area, and had driven around 300 meters before a Palestinian Arab man flagged them down, ostensibly asking for their assistance. As soon as they stopped, the terrorist shot them at point-blank range and escaped to a nearby Arab village. Source: Arutz Sheva
=========================
They Let the Truth Slip out on Live TV! https://www.youtube.com/watch?v=7XRCYlZ4XOQ
islam penalty for apostasy. The muslim extremists who have been attacking Israel for decades are now attacking their Christian neighbors. The Christians living in Israel are safe, but in every other country in the Middle East, they are under rigorous attack. If we don’t raise our voice, who will? The Deadliest Attack on Christians in History is Happening Right Now (Graphic) #RaiseYourVoice for persecuted Christians: An initiative of Christians United for Israel on Campus
https://www.youtube.com/watch?v=0qFkF1Rhr84
Pubblicato il 18 ott 2013 https://www.youtube.com/channel/UCxJQb3x_quDbkCFzclnB3mA
The extremists who have been attacking Israel for decades are now attacking their Christian neighbors. The Christians living in Israel are safe, but in every other country in the Middle East, they are under rigorous attack. Join us in prayer and advocacy on University campuses nationwide. #RaiseYourVoice
===================
The Third Temple Is Coming And This Is What It’s Going To Look Like. The Third Temple: A 3D Introduction to Ezekiel's Vision
https://www.youtube.com/watch?t=94&v=M58fM2ae7Zw
Pubblicato il 12 giu 2012
An introduction to the design and significance of the future "messianic" temple, as described in Ezekiel's prophecy.
http://www.messianic-temple.com/ The Coming Third Temple in Prophetic Babylon - Biblical Teaching
https://www.youtube.com/watch?v=957aWWA354g
Pubblicato il 02 ago 2014
This video will give the biblical interpretation of the prophetic Babylon according to Rev 18:10-13.This teaching will break down piece by piece how the merchandise in these verses as it relates to Babylon is referring to a Third Temple. One, two, or three items could be considered coincidental. However the fact that all the items listed in a specific manner happen to be undoubtedly Temple related becomes very revealing. The Coming Third Temple according to scripture ( as referenced in this teaching) will be located in Jerusalem, making Jerusalem "that great city Babylon".
Document "The Coming Third Temple in Prophetic Babylon" that goes along with this video:
http://www.martusministry.org/download/The-Final-Kingdom-in-bible-prophecy.pdf
Other documents to check out regarding biblical prophecy:
*The revealing of the Antichrist arising out of Jerusalem is covered in "The Final Kingdom" documenthttp://www.martusministry.org/download/The-Final-Kingdom-in-bible-prophecy.pdf
*For info on True Biblical Prophecy verses Deceptive Islamic Prophecy see document "Antichrist/Al-Mahdi in Jerusalem": http://martusministry.org/download/Al...
http://www.martusministry.org/download/The-Final-Kingdom-in-bible-prophecy.pdf
* "THE HARVEST" document on "Rapture", Resurrection and Day of the Lord: http://www.martusministry.org/downloa...
Our Radio Broadcast "Eye of the Storm" airs Tuesday nights from 7-8pm PST which can be found at http://tinyurl.com/ljjt73u Click blue "follow" button to get email reminders and links about broadcasts. Can't make it live? No problem! Archives for all broadcasts can be found at our website http://www.MartusMinistry.org
http://www.martusministry.org/download/The-Final-Kingdom-in-bible-prophecy.pdf
my JHWH ] e in base a cosa di razionale, qualcuno potrebbe pretendere, o supporre di pretendere, di poter vincere una sfida contro Unius REI? [ questa è la stessa storia della truffa di teoria della evoluzione ] so che ci hai creato con amore infinito, ma, tu sei patetico se, TU continui ad amarli ancora: BRUCIALI!
======================
Benjamin Netanyahu, i satanisti della CIA in google blogger mi hanno mescolato i tag completi: con i tag vuoti, per impedirmi di implemetare il lavoro, e crearmi dei ritardi ] lol. [ si, ma, tanto tu lo sai già!
Benjamin Netanyahu ] lol. [ su dai siamo concreti ] ma, tu chi vuoi che possa avere paura, del supremo GENERALE Unius REI, dell'Esercito Celeste dell'Eterno JHWH?
Benjamin Netanyahu ] quando questo pomeriggio, io sono andato a riposare, non appena adagiato sul letto, con la mia fantasia ONIRICA, io ho creato: immediatamente, un amico che ha poggiato involontariamente, il suo ginocchio sul mio letto, ignaro di schiacciare lateralmente la mia gamba. Ma, questa è la verità, io ho sentito il dolore di quel contatto realmente, quindi, in questo modo: io ho avuto conferma di avere una fede creativa! INFATTI, IO ERO ANCORA PERFETTAMENTE SVEGLIO! ] Quando tu hai fretta di addormertarti, poi, tu lasci volentieri alla tua parte onirica, il controllo della tua fantasia! Eppure la mia mente ha iniziato a sognare, mentre io ero lucido e consapevole ANCORA!
Benjamin Netanyahu ] satanisti sono patetici [ loro hanno lo spirito morto, e demoni sono divenati il loro spirito ] eppure, mi spiano sempre, nella speranza di poter carpire qualche mio segreto .. ma, tu lo puoi dire loro: "non esiste nessun segreto nella mia vita, che io non abbia il desiderio di dare a tutti"
Benjamin Netanyahu ] è vero: addesso, sono diventati in tanti, tutti coloro che si fanno la domanda: "ma, chi è che da tanta forza a Unius REI?" [ lol. e in effetti, anche io mi faccio questa domanda!
Benjamin Netanyahu ] tuoi assassini farisei anglo-americani, SpA, Fmi, usurai, hanno riscritto ai danni della Bibbia di JHWH, tutte le categorie di bene e di male, infatti hanno scritto la bibbia di satana [ hanno corrotto irreversibilmente il fondamento morale della società ] Qualcuno crede che, i nostri politici sono super eroi, che non hanno bisogno di preghiere e protezione! Ma, per venire fuori dal sistema massonico usurocratico, che è pur sempre una questione di vita o di morte? Quì, ci vuole un intervento di Dio Onnipotente... dopotutto lui ha già ucciso una volta tutti i primogeniti dell'Egitto


@ IsraelNationalTV - telah tidak masuk akal: untuk saya: milik: kumpulan: atau:untuk menyertai:: "rangkaian sosial"! ia adalah mustahil bagi saya untuk:bahagian: yang diserap oleh: agama tunggal: atau ahli yang: sebuah parti politik(iaitu: ideologi) kerana: kesucian pedalaman saya: meletakkan saya: dalam konflik:: item tertentu! Allah adalah cemburu: of me: dalam Mazmur 110: Beliau berkatakepada saya: "anda duduk pada: hak saya" dan saya sudah duduk! dan: Saya tidak takut: menjadi: seorang lelaki sahaja: dengan Tuhannya! Ya! Saya sukalelaki, tetapi, semangat saya: jauh dari mereka semua! Tetapi, saya telah dilakukan, maka: oleh Allah pada bila-bila masa: konsep saya! oleh Unius REI;Raja Palestin akhir Israel: untuk persaudaraan Universal: Shalom + salam: =rahmat juga kepada semua




@ IsraelNationalTV - m'għandha l-ebda sens: għalija: li jappartjenu: għal grupp:jew: biex jipparteċipaw: a: "netwerk soċjali"! huwa impossibbli: għalija li: ta 'parti: li għandu jiġi assorbit: minn: reliġjon waħda: jew membru li: ta' partit politiku (jiġifieri:tkun ideoloġija) minħabba: ġewwa purità tiegħi: mressqa lili: f'kunflitt : ma ': l-oġġett partikolari! Alla huwa jealous: ta 'lili: fl-Salm 110: Huwa qal lili: "inti tiltaqa' fuq:.Dritt tiegħi" u jien diġà seduta! u: Jien ma jibżgħux: li jkunu: wieħed mill-bniedembiss: ma 'Alla tiegħu! Iva! I imħabba l-irġiel, iżda, l-ispirtu tiegħi: hija 'l bogħod minn:kollha kemm huma! Imma, jien sar: hekk: minn Alla fil-ħin: tal-konċepiment tiegħi!mill Unius REI; Re tal-Palestina-għan Iżrael: għal fratellanza universali: shalom +salam: = tberik wisq għal kulħadd




@ IsraelNationalTV - har ingen mening: for meg: å tilhøre: til en gruppe: eller: for å delta: a: "sosialt nettverk"! det er umulig: for meg å være: i del: det er å bli absorbert: av: enkelt religion: eller bli medlem: i et politisk parti (dvs: være enideologi), fordi: min renhet interiør: satte meg: er i konflikt : med: det bestemt element! Gud er sjalu: av meg: i Salme 110: Han sa til meg: "du sitter på. Høyre for meg" og jeg allerede sitter! Og: Jeg er ikke redd for: å være: en mann bare: med sin Gud! Ja! Jeg elsker menn, men min ånd: er langt fra: alle av dem! Men, jeg er blitt gjort: so: av Gud på den tiden: unnfangelsen min! av Unius REI; konge Palestinaend Israel: for Universal Brotherhood: shalom + salam: = velsignelser for alle




@ IsraelNationalTV - heeft geen zin: voor mij: te behoren: een groep: of: om deel te nemen: a: "social network"! het is onmogelijk: voor mij zijn: van een deel: dat moet worden opgenomen: door een: single godsdienst: of wordt lid: van een politieke partij (dat wil zeggen: wees een ideologie), want: mijn zuiverheid interieur: zet me:in conflict : met: het bijzondere item! God is jaloers: van mij: in Psalm 110: Hij zei tegen mij: "je gaat zitten op:. Mijn rechter 'en ik ben al zit! en: Ik ben niet bang: van het zijn: een man alleen: met zijn God! Ja! Ik hou van mannen, maar, mijn geest: is verre van: ze allemaal! Maar, ik ben al klaar: zo: door God op het moment: van mijnconceptie! door Unius REI, Koning van Palestina eind Israël: voor de universele broederschap: shalom + salam: = zegeningen ook aan alle




@ IsraelNationalTV -- هیچ حس : برای من : به تعلق به یک گروه : : شرکت : : "شبکه اجتماعی"! آن را غیر ممکن است : برای من می شود : از بخش : است که به شود جذب می شود : توسط : مذهب واحد : یا که عضویک حزب سیاسی (یعنی : یک ایدئولوژی) به دلیل : داخلی خلوص من : من قرار دهید : در تضاد : : قلم دوم از اقلامخاص! خدا حسود است : از من : در مزمور 110 : او به من گفت : "شما را در نشستن : راست من" و من در حالحاضر نشسته! و : من می ترسم : که : یک مرد فقط با خدا خود را! بله! من دوست دارم مرد، اما، روح من است به دور از : همه آنها! اما ، من انجام شده : : توسط خدا در آن زمان : مفهوم من! توسط Unius REI، پادشاه فلسطینپایان اسرائیل : برای برادری جهانی : شالوم + سلام : = نعمت بیش از حد به همه




@ IsraelNationalTV - nie ma sensu: dla mnie należeć: do grupy: lub: uczestniczyć:: "sieć społeczną"! nie jest możliwe: dla mnie: części: to zostać wchłonięte: przez: religia jednego: lub członka jest: partii politycznych (np. być ideologią), ponieważ:moje wnętrze czystości: put mnie: w konflikcie : z: poszczególnych pozycji! Bóg jest zazdrosny: o mnie: w Psalmie 110: Powiedział do mnie: "siedzieć na:. Moje prawo" i jestem już siedzi! i: nie boję: bycia: jednego człowieka: z Bogiem! Tak!Kocham ludzi, ale, mój duch: daleki jest od: wszystkie z nich! Ale jestem zostało zrobione: tak: przez Boga w czasie: mojej koncepcji! przez Unius REI, król Izraela,Palestyny ​​koniec: do powszechnego braterstwa: shalom + salam: =błogosławieństwa też do wszystkich




@ IsraelNationalTV - não tem sentido: para mim: a pertencer: a um grupo: ou: para participar: a: "rede social"! é impossível: para que eu seja: de uma parte: isto épara ser absorvido: por um: a religião única: ou membro sendo: de um partido político (ou seja: ser uma ideologia) porque: a minha pureza interior: ponha-me:em conflito : com: o item em particular! Deus é zeloso: de mim: no Salmo 110: Ele me disse: "você se senta em:. Minha direita" e eu já estou sentado! e: Eu não tenho medo: de ser: um homem só: com seu Deus! Sim! Eu amo os homens, mas, meu espírito: está longe de ser: todos eles! Mas, eu sou feito: assim: por Deus no momento: da minha concepção! por unius REI; rei da Palestina fim Israel: pela fraternidade universal: shalom salam +: = bênçãos a todos os demais




@ IsraelNationalTV - nu are sens: pentru mine: să aparţină: la un grup: sau: pentru a participa: o: "reţea socială"! este imposibil: pentru mine să fiu: de o parte: care urmează să fie absorbită: printr-o: singură religie: membru sau fiind: al unui partid politic (şi anume: să fie o ideologie), deoarece: interior meu puritate: ma pus: în conflict : cu: element particular! Dumnezeu este gelos: de mine: în Psalmul 110: Elmi-a zis: "stai pe:. Dreapta mea" şi eu sunt deja şedinţei! şi: Nu mă tem: de a fi: un singur om numai: cu Dumnezeul său! Da! Iubesc oamenii, dar, spiritul meu: este departe de a: toate de ei! Dar, am fost făcut: astfel: de Dumnezeu în momentul: deconcepţia mea! de Unius REI; Regele a Palestinei sfârşitul lui Israel: pentrufraternitatea universală: shalom + Salam: = binecuvântări prea toate




@ IsraelNationalTV - не имеет смысла: для меня: принадлежать: в группу: или:к участию:: "Социальная сеть"! нельзя: для меня быть: части: то есть, чтобы быть поглощенными: по: единая религия: или участие: от политической партии (то есть: быть идеология), потому что: мой чистоты интерьер: положите мне: в конфликте : с: конкретный пункт! Бог ревнив: обо мне: в псалме 110: он сказал мне: "Вы сидите на:. Мое право" и я уже сидел! и: я не боюсь: бытия: один человек только: с Богом! Да! Я люблю мужчин, но, мой дух: далеко: все из них! Но, я было сделано: так: Бог в то время: по моим представлениям! по Unius REI; Король Палестине конца Израиля: длявсеобщего братства: шалом + салам: = благословения слишком для всех




@ ИсраелНатионалТВ - нема смисла: за мене: да припадају: да група: или: да учествују:: "друштвена мрежа"! то је немогуће: да будем: дела: да сеапсорбује: по: самац религија: или да буде члан: политичке странке (тј. да буде идеологија), јер: мој чистоће унутрашњост: ми да: у сукобу : са: одређениартикал! Бог је љубоморан: за мене: у Псалму 110: Рекао ми је: "седите на:.Моје право" и ја већ седим! а: не бојим: да буде: један човек само: са Богом!Да! Ја волим мушкарце, али је, мој дух: далеко од: их све! Али, ја сам урађено:тако: од Бога у то време: моје концепције! од РЕИ Униус; краљ Палестинекраја Израел: за универзално братство: Схалом + Салам: = благословапревише за све




@ IsraelNationalTV - nemá zmysel: pre mňa patriť: do skupiny: a: o účasť::"sociálne siete"! to je nemožné: pre mňa je: časti: to je byť zaujatý podľa: jedinénáboženstvo: alebo je členom: politické strany (tj byť ideológie), pretože: My čistotainteriéru: ma: v konflikte : S: konkrétne položky! Boh je žiarlivý: o mne: V Žalme110: Povedal mi: "sedíte na:. Moje pravici" a už som sedel! a: Ja sa nebojím: bytia:iba jeden muž: so svojím Bohom! Áno! Mám rád ľudí, ale môj duch: je ďaleko od: všetky! Ale, ja som bola vykonaná: Takže: Boh v čase: mojej poňatie! od UniusREI, kráľ Palestíny konca Izraela: pre všeobecné bratstvo: Shalom + Salam: =požehnanie i pre všetkých




@ IsraelNationalTV - nima smisla: za mene: da spadajo: v skupino: ali: za sodelovanje:: "socialna mreža"! je nemogoče: za mene, da se: dela: to je, da se absorbira: z: eno vero: ali so države: politične stranke (npr.: je ideologija), ker: moječistost notranjost: me dal: v nasprotju : s: posebno postavko! Bog je ljubosumen:od mene: v Psalm 110: Rekel mi je: "sedite na:. Moja pravica" in sem že sedel! in:Ni me strah: da so: en človek le: s svojega Boga! Yes! Rad imam ljudi, ampak, moj duh: še zdaleč: vse od njih! Ampak, mi je bilo storjeno I: tako: Bog v času: odmojega spočetja! z Unius REI, King of Palestine koncu Izrael: za Universalbratstvo: shalom + Salam: = blagoslov tudi za vse




@ IsraelNationalTV - no tiene sentido: para mí: que pertenecen: a un grupo: o: de participación: una "red social"! es imposible: para mí: de una parte, es decir para ser absorbido: por una: la religión única: o miembro de ser: de un partido político(es decir: una ideología), porque: mi interior la pureza: me puso: en conflicto : con:el artículo en particular! Dios es celoso de mí: en el Salmo 110: El me dijo: "usted se sienta en:. Mi derecho" y ya estoy sentado! y: No tengo miedo: de ser: un solo hombre: con su Dios! ¡Sí! Amo a los hombres, pero mi espíritu está lejos de ser:todos ellos! Sin embargo, estoy hecho: así: por Dios en el tiempo: de mi concepción! por unius REI, rey de Israel Palestina final: la fraternidad universal:shalom salam +: = bendiciones también a todos los




@ IsraelNationalTV - har ingen mening: för mig: att tillhöra: en grupp: eller: delta:en: "socialt nätverk"! det är omöjligt: för mig att vara en del: det är att absorberas:en: enda religion: eller vara medlem: i ett politiskt parti (dvs. vara en ideologi)eftersom: min renhet interiör: satte mig: i konflikt : med: visst objekt! Gud är svartsjuk: för mig: i Psalm 110: Han sade till mig: "du sitter på:. Min rätt" och jag ärredan sitter! och: Jag är inte rädd: för att vara: en man endast med sin Gud! Ja! Jag älskar män, men min ande är långt ifrån: alla! Men, jag har gjort: det: av Gud vid den tiden: i min uppfattning! av Unius REI, kung av Palestina slutet Israel: föruniversellt broderskap: Shalom + Salam: = välsignelser för alla




@ IsraelNationalTV - haina maana, kwa maana mimi: kwa ni: kwa kundi: au:kushiriki:: "mtandao jamii"! haiwezekani, kwa maana mimi kuwa; wa sehemu:kwamba ni kufyonzwa: na: dini moja tu, au mwanachama kuwa: wa chama cha siasa (yaani: kuwa itikadi) kwa sababu: usafi wangu mambo ya ndani: kuweka kwangu: katika migogoro : na: kitu fulani! Mungu ni wivu: mimi, katika Zaburi 110:Naye akaniambia: "wewe kukaa juu ya:. Haki yangu" na tayari nina kukaa! na:mimi nina hofu; ya kuwa: mtu mmoja tu: kwa Mungu wake! Ndiyo! Mimi upendowatu, lakini, roho yangu ni mbali na: wote! Lakini, mimi nina kufanyika: hivyo: na Mungu kwa wakati; wa mimba yangu! na Unius Rei, Mfalme wa Palestina mwishoIsraeli: kwa udugu Universal: shalom + salam: = baraka pia kwa wote




@ IsraelNationalTV -- มีความรู้สึกที่ไม่มีสำหรับฉัน : ที่อยู่ : ไปยังกลุ่ม : หรือ : การมีส่วนร่วม : :"เครือข่ายสังคม"! เป็นไปไม่ได้ : สำหรับผมที่จะได้รับ : จากส่วนที่จะถูกดูดซึม : โดย: โสดศาสนา : หรือสมาชิกที่ถูก : ของพรรคการเมือง (เช่น : เป็นอุดมการณ์) เพราะ : การตกแต่งภายในที่มีความบริสุทธิ์ของฉัน : ใส่ฉัน : ในความขัดแย้ง : กับ : รายการโดยเฉพาะอย่างยิ่ง! พระเจ้าทรงเป็นความอิจฉา : ของฉัน : ในสดุดี 110 : เขาพูดกับผม :"คุณนั่งเมื่อ :.ขวาของฉัน" และฉันนั่งอยู่แล้ว! และผมไม่กลัว : ของการเป็น : ชายคนหนึ่งเท่านั้น : กับพระเจ้าของเขา! ใช่! ฉันรักคน แต่จิตวิญญาณของฉัน : อยู่ไกลจาก : ทั้งหมดของพวกเขาแต่ผมเคยทำมา : : โดย : : โดยพระเจ้าเวลา : ของความคิดของฉัน! โดย Unius REI;กษัตริย์ของอิสราเอลปาเลสไตน์ท้าย : สำหรับพี่น้องสากล : Shalom + Salam : พร =เกินไปที่จะทั้งหมด




"சமூக வலையமைப்பு": எனக்கு:: சொந்தமாக: ஒரு குழு: அல்லது: பங்கு: ஒரு -@ IsraelNationalTV எந்த அர்த்தத்தில் கொண்டிருக்கிறது! அது முடியாமல்உள்ளது: எனக்கு வேண்டும்: பகுதி: அந்த உறிஞ்ச வேண்டும்: ஒற்றை மதம்::அல்லது இருப்பது உறுப்பினர்: ஒரு ஒரு அரசியல் கட்சி (அதாவது: ஒருகருத்தியல் இருக்கும்) காரணமாக: என் தூய்மை உள்துறை: என்னை:மோதலில் : மூலம்: குறிப்பிட்ட உருப்படியை! கடவுள் பொறாமையாக உள்ளது:என்னை: திருமுறையின் சாம் 110: அவர் என்னிடம் கூறினார்: "நீங்கள்உட்கார:. என் வலது" மற்றும் நான் ஏற்கனவே அமர்ந்து கொண்டு இருக்கிறேன்! மற்றும்: நான் பயப்படவில்லை: இருப்பதில்: ஒரே ஒரு மனிதர்:அவர் கடவுளே! ஆம்! நான் என் ஆவி ஆண்கள் நேசிக்கிறேன், ஆனால்,: தூரம்உள்ளது: இன்னும் அனைத்து! ஆனால், நான் செய்யப்பட்டுள்ளது நான்:ரொம்ப: கடவுள் நேரத்தில்: என் கருத்துருவின்! யுனிவர்சல் சகோதரத்துவ::ஷாலோம் + சலாம்: மிகவும் வரை = ஆசீர்வாதம் அனைத்து பாலஸ்தீனம்இறுதியில் இஸ்ரேல் கிங்; Unius rei முடிவு




@ IsraelNationalTV - hat keinen Sinn: für mich: zu gehören: zu einer Gruppe: oder:auf Teilnahme: a: "Soziales Netzwerk"! es ist unmöglich: für mich zu sein: der Teil, das ist zu absorbieren: Am: single Religion: oder als Mitglied: einer politischen Partei (dh: eine Ideologie), weil: meine Reinheit Innenraum: put me: in Konflikt :mit: das bestimmte Element! Gott ist eifersüchtig: von mir: in Psalm 110: Er sagte zu mir: "Sie sitzen auf:. Mein Recht" und ich bin schon sitzen! und: ich habe keine Angst: des Seins: ein Mann nur: mit seinem Gott! Ja! Ich liebe Männer, aber mein Geist: ist weit davon entfernt: sie alle! Aber, ich bin schon fertig: so: von Gott zu der Zeit: von meiner Vorstellung! von unius REI, König von Palästina Ende Israel: für Universal Brotherhood: shalom + salam: = Segen zu allen




"సామాజిక నెట్వర్క్": నాకు:: చెందినవి వరకు: ఒక గుంపుకు: లేదా: పాల్గొనేందుకు: ఒక - @IsraelNationalTV సంఖ్య భావం ఉంది! అది అసాధ్యం: నాకు ఉండాలి: భాగంగా యొక్క: ఆ గ్రహించినవుంటుంది: ఒకే మతం:: లేదా అనే అంశం: ఒక ద్వారా ఒక రాజకీయ పార్టీ (అంటే: ఒక సిద్ధాంతం ఉంటుంది)ఎందుకంటే: నా స్వచ్ఛత లోపలి: నాకు తెలుపుము: వివాదంలో : తో: ప్రత్యేక అంశం! దేవుడు ఈర్ష్య ఉంది: నా యొక్క:సామ్ 110 లో: అతను నాకు చెప్పాడు: "మీరు కూర్చుని:. నా కుడి" నేను ఇప్పటికే కూర్చొని రెడీ!! మరియు: నేనుభయపడ్డారు కాదు: అనే: ఒకే ఒక ద మ్యాచ్: తన గాడ్ తో! అవును! నా ఆత్మ పురుషులు ప్రేమ, కానీ,: చాలా ఉంది:వాటిని అన్ని! కానీ, నేను జరుపబడిన రెడీ!: కాబట్టి: దేవుని ద్వారా సమయంలో: నా భావన! యూనివర్సల్ సోదరకోసం:: shalom + సలాం: చాలా వరకు = దీవెనలు అన్ని పాలస్తీనా ముగింపు ఇస్రేల్ రాజు; Unius కాని రే అనగాద్వారా




: "Sosyal ağ" Benim için: ait: bir grup ya da katılmak için: - @ IsraelNationalTV bir anlamı yoktur! mümkün değildir: benim için: bölümünün absorbe edilmesi: tek din:veya üyesi olmak, çünkü bir siyasi parti (yani bir ideoloji): saflık iç beni koymak:çatışma :: öğeyle! Tanrı kıskanç: bana: Mezmur 110: Bana dedi ki: "Eğer oturmakbenim sağ" ve ben zaten oturuyorum! ve korkmuyorum: olmanın sadece tek bir adam onun Tanrı ile! Evet! Ben ruhumu erkek seviyorum, ama, uzak: hepsi! Ama ben yapılmış ediyorum:: Tanrı tarafından anda benim anlayışı! Evrensel kardeşlik için: shalom + salam: = nimetler çok için tüm Filistin sonunda İsrail Kralı; Unius REI




@ IsraelNationalTV - не має сенсу: для мене: належати: до групи: або: до участі:: "Соціальна мережа"! не можна: для мене бути: частини: тобто, щоб бути поглиненими: по: єдина релігія: або участь: від політичної партії (тобто: бути ідеологія), тому що: мій чистоти інтер'єр: покладіть мені: у конфлікті : з: конкретний пункт! Бог ревнивий: про мене: в псалмі 110: він сказав мені: "Висидите на:. Моє право" і я вже сидів! і: я не боюся: буття: одна людина тільки: зБогом! Так! Я люблю чоловіків, але, мій дух: далеко: всі з них! Але, я булозроблено: так: Бог у той час: за моїми уявленнями! по Unius REI; КорольПалестині кінця Ізраїлю: для загального братства: шалом + салам: =благословення занадто для всіх




@ IsraelNationalTV - nincs értelme: számomra: tartozni: egy csoportba: vagy:részt: a "szociális háló"! lehetetlen: nekem kell: a rész: ez kell felszívódik: egy: egyvallás: vagy hogy tagja: egy politikai párt (pl.: legyen egy olyan ideológia), mert: atisztaság belső: engem: a konfliktus : a: az adott elem! Isten féltékeny: rólam: aZsoltárok 110: Azt mondta nekem: "ülsz: a jobb oldalon." és én már ül! és: nem félek: az, hogy: egy ember csak: az ő Istene! Igen! Imádom a férfiak, de a lelkem:messze: mindet! De én került sor: így: Isten abban az időben: az én koncepció! aUnius REI; király Palesztina végén Izrael: az egyetemes testvériség: shalom +salam: = áldást is, hogy minden








میرے لئے : سے تعلق رکھتے ہیں : ایک گروپ : یا : شرکت : ایک : -- @ IsraelNationalTV کا کوئیاحساس نہیں ہے "سوشل نیٹ ورک"! یہ ناممکن ہے : میرے لئے : حصہ : کہ جذب ہے : واحد مذہب ہے : : یاجا رہا ہے رکن : ایک کی طرف سے ایک سیاسی پارٹی (یعنی : ایک نظریہ) کی وجہ سے : میری طہارتداخلہ : مجھے ڈال تنازعہ میں : کے ساتھ : خاص طور پر اشیاء! خدا جلتی ہے : مجھ سے : 110 زبور میںانہوں نے مجھ سے کہا : "تم پر بیٹھ : میرا حق" اور میں نے پہلے سے ہی بیٹھی ہوں! اور مجھے ڈر لگ رہا نہیں کیا جا رہا ہے کے : اپنے خدا کے ساتھ : ایک ہی شخص!جی ہاں! میں مردوں سے محبت کرتا ہوں ، ہے، لیکن میری روح : دور سے ہے : ان میں سے سب! لیکن، میں ہوں کیا : تو : اس وقت خدا کی طرف سے : اپنے کا مرکزی خیال کے! یونیورسل بھائی چارے کے لئے : شالوم + سلام : تمام = بھی مجزوبفلسطین کے آخر میں اسرائیل کے بادشاہ؛ Unius REI کی طرف سے









@ IsraelNationalTV - đã không có ý nghĩa cho tôi: thuộc về một nhóm hoặc tham gia: a: "mạng xã hội"! không thể cho tôi để được: một phần là để được hấp thụ bởimột tôn giáo duy nhất: hoặc thành viên là: một đảng chính trị (ví dụ: có một ý thức hệ) vì: nội thất tinh khiết của tôi: tôi: trong cuộc xung đột :: mục cụ thể! Thiên Chúalà ghen tị: tôi: trong Thánh Vịnh 110: Anh ấy nói với tôi: "bạn ngồi trên: phải của tôi" và tôi đã ngồi! và: Tôi không sợ bị: một người đàn ông duy nhất: với Thiên Chúa của mình! Có! Tôi yêu người đàn ông, nhưng, tinh thần của tôi: là xa tất cả chúng! Tuy nhiên, tôi đang được thực hiện như vậy: Thiên Chúa vào thời điểm thụ thai của tôi! Unius REI; của Palestine kết thúc Israel: tình huynh đệ phổ: Shalom +Salam: = phước lành quá








Testimoni della Carità








Mons. Munzihirwa:

il Romero del Congo








“Sia crocifisso!


Questo grido, moltiplicato dalla cieca passione della folla
-strana liturgia della morte –



risuona lungo la storia, risuona lungo il secolo che finisce:



ceneri di Auschwitz e ghiaccio del Gulag,



acqua e sangue delle risaie dell’Asia,
dei laghi dell’Africa, paradisi massacrati.”


(Giovanni Paolo II)







INDICE:














Chi era Mons. Munzihirwa? ...













Alcune lettere nel suo ultimo mese di vita ...













Il suo ultimo messaggio ...













29 ottobre 1996 ...













Un pò di Storia ...













Vocabolario: Hutu -Tutsi. Di chi si parla? ...













Intervista a P. Murhula, per capire ...













La Chiesa davanti alla sfida della violenza e dell'ipocrisia ...













Un appello dei religiosi congolesi ...













Ne parla Nigrizia ...













Ne parla anche Peacelink ...













Il grido del martire ...













Parola ai volontari ...













Parola a un rifugiato in Congo dei giorni nostri ...


















DIECI ANNI FA IL MARTIRIO DI MONS. MUNZIHIRWA




Il 29 Ottobre 1996 per Christophe Munzihirwa, arcivescovo di Bukavu (Repubblica Democratica del Congo), si è compiuto il martirio per l'Africa, attraverso le mani di un gruppo di militari rwandesi. Tre sono stati gli elementi che hanno contraddistinto la sua esistenza: laprofezia, lettura della situazione senza compromessi con il potere; la fraternità, vettore di un amore indistinto, senza pregiudizi; il martirio, volontà di rimanere a fianco delle vittime della guerra fino alle estreme conseguenze.



"Non c'è che un prezzo da pagare per la libertà - diceva - il prezzo del sangue".



La Chiesa grida ancora una volte forte che nessuna logica vale più della persona umana. E' per aver detto forte questa verità che Mons. Munzihirwa è stato ucciso. Al crepuscolo della sua vita, questo vescovo è "diventato popolo" e la sua voce ha smesso di formulare parole per tramutarsi in grido, il grido della gente.



E' ormai diventato coscienza e giudizio per ogni uomo e per ogni istituzione. Mons. Munzihirwa rimane un sicuro seme di speranza per la sua terra e la sua gente. Un giorno più o meno lontano, quando sulla terra del Kivu si saranno dissipate le tenebre del Calvario, quel popolo generoso e tanto amato potrà risorgere rigenerato dal suo esempio e dal suo sacrificio.


Mzee Christophe Munzihirwa Mwene Ngabo


BREVE BIOGRAFIA:



Nacque a Lukumbo, vicino a Walungu (Kivu, Congo) nel 1926 ed è morto settanta anni più tardi, nel 1996, assassinato. All’inizio degli anni ‘60 era già parroco della cattedrale di Bukavu e aveva una carriera sacerdotale brillante dinanzi a lui. Erano gli anni dell’indipendenza del Congo. Ma mons. Munzihirwa si considerava sempre un pellegrino, in cammino, alla ricerca costante di Cristo e del suo Regno. Nel 1963 chiede di far parte della Compagnia di Gesù. Quando nel 1967 Jean Scram, era a Bukavu seminando morte, Munzihirwa compiva i suoi studi di scienze sociali e economia in Belgio all’università di Lovanio. Nel 1969 fu richiamato in Congo e, fin da allora, è stato l’uomo delle situazioni difficili. Nel 1971, mentre era cappellano dell’Università di Kinshasa e formatore, avendo Mobutu obbligato gli universitari e i seminaristi a prestare il servizio militare per due anni, Munzihirwa insistette per farsi iscrivere anche lui e fu ammesso come sergente. Dal 1980 al 1986 fu provinciale dei gesuiti nell’Africa centrale (Rwanda, Congo e Burundi) e pubblicò molti articoli sulla rivista “Zaire Africa” (ora “Congo Africa”).


Bukavu: La piazzetta insanguinata, oggi. In queste pubblicazioni Munzihirwa mostrava la sua costante preoccupazione: aiutare l’uomo e la donna nel loro contesto a migliorarsi, a rispondere alla loro dignità inalienabile che Dio ha messo in ogni persona. Il 9 novembre 1986 fu nominato vescovo e inviato a Kasongo come coadiutore di mons. Pirigisha Timothée. Dall’inizio degli anni ’90 fu amministratore apostolico di Bukavu pur restando a Kasongo fino al giugno del 1994, quando divenne arcivescovo di Bukavu. Il 29 ottobre 1996 fu assassinato. Per saperne di più leggi anche "le radici" e "Chi era...?"



Il mattino del 29 ottobre 1996 era cominciato, come i giorni precedenti, con una serie di bombardamenti sulla città di Bukavu da parte del Rwanda. Eravamo abituati a quella musica che durava alcune ore e poi smetteva. Durante una pausa, mons. Munzihirwa era passato a Muhumba, nella casa dei saveriani; lo faceva regolarmente in quei giorni per chiedere una scatola di latte in polvere per qualche povero o solo per vederci. Quel giorno mi aveva ricordato anche che nel pomeriggio si teneva, come tutti i martedì, l’incontro in vescovado per l’esame della situazione che si viveva nella città. Erano invitati i membri di tutte le confessioni religiose e alcune personalità della città. Nella tarda mattinata la situazione cominciò a precipitare. Alcuni militari vennero a Muhumba e mi sequestrarono la Toyota per andare a... difendere la città. In realtà era solo per rubare e fuggire. Da Murhesa (a 20 chilometri da Bukavu) arrivarono notizie che le suore trappiste erano state attaccate dagli hutu ruandesi e chiedevano aiuto. Nel pomeriggio si era di nuovo messo a piovere e poi erano ricominciati i bombardamenti. Quel giorno, con tutti questi avvenimenti, dimenticai di andare alla riunione al vescovado, e questo ,forse, mi salvò la vita.



La sera, un abbé del vescovado mi telefonò per avere notizie del vescovo. Mi disse che si era tenuta la riunione e che, dopo aver aspettato la fine dei bombardamenti, tutti erano tornati a casa, mentre il vescovo forse era andato dai gesuiti. Ho chiamato i gesuiti: il vescovo non era a casa loro e pensavano fosse rimasto al vescovado. Forse era a casa di qualcuno dei tanti amici a causa dei bombardamenti. Quella notte si sentiva sparare da tutte le parti.



Al mattino ci rendemmo conto che c’era stata I’occupazione da parte delle Forze armate tutsi ruandesi e la città era già in mano loro. Le strade erano piene di cadaveri, soprattutto civili, donne e bambini. Infatti la sera precedente i soldati sparavano su chiunque passasse, facevano saltare le auto e poi uccidevano con un colpo di pistola alla testa tutti gli occupanti.



Fu p. Agostini, missionario saveriano, a informarmi che mons. Munzihirwa era morto. Il suo cadavere si trovava assieme a tanti altri nella piazzetta di Nyawera: i militari avevano ucciso tutti quelli che passavano di là, a piedi o in auto. Anch’io avrei dovuto passarvi assieme al vescovo. Solo alcuni di quelli che lo seguivano, abbandonando le auto e correndo tra le pallottole, si erano fortunosamente dileguati nelle viuzze mettendo in salvo la vita. P. Agostini si occupò di recuperare il cadavere prima che i militari lo facessero sparire come era loro abitudine. Con alcuni studenti lo lavò e sistemò dentro una cassa, fatta con i banchi della cappella, per portarlo subito dopo alla cattedrale. Il giorno successivo si svolsero i funerali con una ventina di persone. Era morto un uomo di grande statura morale, testimone della verità, simbolo della resistenza pacifica di un popolo che dice NO alla guerra.



P. Sebastiano Amato







"Ci sono cose che non si vedono bene se non con occhi che hannopianto" ripeteva spesso mons. Munzihirwa. Sono parole che esprimono bene il modo con cui ha vissuto il dramma della popolazione dei Grandi Laghi, con una com-passione e partecipazione totale: i suoi giudizi avevano perciò l’occhio penetrante di chi soffre e il coraggio di chi ama davvero. Per questo il messaggio della sua vita e della sua morte ci interpella con forza e con autorità.


CHI ERA MONS. MUNZIHIRWA?



"Era un uomo povero. Incontrandolo, è questa la prima cosa che colpiva. Per lui l’essere vescovo non è stato in alcun modo un mezzo per arricchire se stesso e la propria famiglia. È stato un servizio. Aveva due sole camicie, uguali, e due pantaloni, che lavava lui stesso e metteva ad asciugare. Iniziare con un’osservazione del genere potrebbe sembrare fuori posto, ma ha un grande valore perché si lega bene alle sue denunce… Tutto quello che mons. Munzihirwa ha fatto, l’ha fatto solo per i rifugiati, mai per interessi personali. Questa povertà si coniugava bene con la libertà di spirito di cui godeva, per cui non ha avuto paura di parlare perché non aveva niente da perdere. Legato al primo aspetto, si può mettere quest’altro: il culto della verità. Mons. Munzihirwa ha sempre detto forte le sue convinzioni, contro tutte le ipocrisie. Ha tempestato di lettere i responsabili di organismi internazionali e ha sempre detto quello che pensava, quello che vedeva stando sul posto. La sua prosa è scarna, non una parola di troppo: "Cristiani, anche se non possiamo impedire le violenze, dobbiamo sempre disapprovarle: bisogna saper dire No, un no assoluto. Anche se non arriviamo a sciogliere i nodi gordiani dell’ipocrisia, dobbiamo sempre denunciarli: bisogna saper dire No, un no altrettanto assoluto". La terza qualità che vorrei ricordare è la coerenza. Il non cercare niente per sé, il fatto di dover difendere solo le sue due camicie e nient’altro, oltre alla verità, ha fatto sì che fosse al suo posto al momento giusto. A certi appuntamenti con il martirio si arriva solo dopo un’abitudine alla coerenza. Altrimenti ci sono tante vie d’uscita, tante scuse per essere sempre altrove… magari per un bene superiore! Quando abbiamo incominciato a ricevere le ultime lettere che scriveva al suo popolo e alla radio vaticana, ci siamo detti: sta firmando la sua condanna a morte. Una persona mi ha riferito che, pochi giorni prima che fosse ucciso, gli aveva suggerito di mettersi in luogo più sicuro. Aveva rifiutato. D’altra parte, nel vuoto di potere che si era creato a Bukavu, mons. Munzihirwa era diventato un punto di riferimento anche per la società civile. Uno dei suoi ultimi appelli porta la sua firma come moderatore del Movimento per la difesa dei Kivu" (p. Rino Benzoni).




LA PARTECIPAZIONE AL DRAMMA DEI PROFUGHI RWANDESI Racconta p. Giovanni Querzani: "Non dimenticherò mai la visita inattesa e incoraggiante che mi fece a Goma quando, alla fine di luglio ’94,in piena emergenza umanitaria, me lo vidi arrivare tra le tende del campo di accoglienza che avevamo organizzato nel cortile davanti a casa nostra per i malati e abbandonati che trovavamo in tutti gli angoli della città. Erano in gran parte vedove, bambini, anziani. Guardava in silenzio il dramma di quella gente. Lo accompagnai a casa: rimase ancora in silenzio per un certo tempo, mentre intuivo che aveva il cuore attanagliato da pena e compassione profonde. Poi lasciò uscire queste parole, che non ho più dimenticato: sono i palestinesi dell’Africa!". Fin dall’inizio dell’arrivo dei profughi si è sentito pastore di tutti e fratello di tutti. Nell’omelia della Messa celebrata Bukavu il 24 luglio per i rifugiati e per invocare la pace, aveva esortato: "Accogliamo tutti i rifugiati, senza discriminazione. Ringraziamo i nostri compatrioti che, nonostante la loro povertà, accolgono i rifugiati nelle loro famiglie. Cerchiamo di vivere insieme, da veri cristiani, zairesi e rwandesi, questi avvenimenti che interpellano la nostra carità e la nostra crescita evangelica".


Nello stesso tempo, amareggiato dai numerosi abusi commessi a danno dei profughi soprattutto da militari e amministratori zairesi, non aveva esitato a fustigarli con parole di fuoco: "La coscienza cristiana si rivolta e condanna coloro che cercano di arricchirsi approfittando della miseria e disgrazia altrui. Coloro che hanno rubato o acquistato a prezzi fraudolenti cose rubate, devono restituirle se vogliono ridivenire fratelli di Gesù". Durante i due anni della presenza dei profughi (’94 – ’96) non ha cessato un solo istante di difendere i loro diritti più fondamentali: "Dall’arrivo massiccio dei profughi rwandesi a Bukavu, il 18 luglio, l’azione dell’ Alto Commissariato per i rifugiati è caratterizzata da un’inefficienza evidente, dovuta forse anche alla cattiva volontà di alcuni suoi agenti… Apprendiamo che le organizzazioni internazionali e le potenze occidentali vogliono rimpatriare con la forza i rifugiati o almeno vogliono forzare l’Alto Commissariato a non assisterli per obbligarli a rientrare nel loro Paese. A nome di tutta la comunità cattolica di Bukavu e delle organizzazioni di difesa dei diritti umani, denunciamo questo atto, che è un crimine contro l’umanità, se non si aiuta prima a stabilire in Rwanda una pace vera e la sicurezza per tutti i rifugiati che accetteranno di rientrare. È un dato di fatto che il Rwanda è distrutto da due estremismi antagonisti: perciò domandiamo alle grandi potenze di rendere possibile un incontro tra tutti i rwandesi, perché possano trovare una soluzione negoziata e equilibrata" (Lettera a Boutros Ghali, 3 agosto ’94).




LA DENUNCIA PER LA DIFESA DELLE VITTIME HUTU



La constatazione delle inadempienze e, ancora più, della cinica strategia che si delineava nel comportamento delle "Grandi potenze" nel confronto dei profughi hutu e di tutta la situazione dell’area dei Grandi Laghi, ha portato mons. Munzihirwa ad una denuncia sempre più lucida e ad una difesa sempre più appassionata delle vittime senza voce. Scrive nel messaggio dell’8 settempre ’94: "Arriva la stagione delle piogge e molti rifugiati non hanno né tende né coperte… ma in Rwanda non c’è per nulla un clima che possa facilitare il ritorno: ci sono esecuzioni clandestine e sommarie tra la popolazione hutu che tenta di rientrare. È il regno dell’arbitrio militare". Due settimane dopo, in una lettera al rappresentante di Misereor: "Il problema essenziale è il ritorno rapido dei profughi in Rwanda. Essi non aspettano che questo, ma nella dignità e nella giustizia. Rifiutano la condizione di soggezione che esisteva in Rwanda decenni fa. Vogliono rientrare, ma hanno paura dell’arbitrio militare. I militari, essendo la sola autorità in funzione, si prendono il diritto di uccidere, e di fatto uccidono. Oltre la loro presenza, non esiste alcuna istituzione civile o giudiziaria che possa prendere la difesa della popolazione. C’è ragione di credere che la situazione della popolazione hutu in Rwanda sia quella dei Palestinesi, costretti a subire per lunghi anni la legge dei più forte". Il 16 gennaio del ’95, nel tentativo di spingere le chiese dell’Europa a esercitare una pressione morale e politica per la soluzione dei problema dei rifugiati, scrive loro: "La stragrande maggioranza dei profughi vorrebbe rientrare, ma non può: non ci sono le condizioni per il ritorno. Hanno paura di essere imprigionati su semplice accusa per fatti non provati, o di venire ammazzati se pretendono di riprendere possesso dei loro beni. Secondo testimoni obiettivi che vivono in Rwanda,i massacri continuano e si intensificano. Si calcola siano assassinate 5-10 mila persone al mese in Rwanda". Il 15 maggio ’95, dopo l’orribile carneficina perpetrata dall’Armata patriottica rwandese (Apr) sulla massa degli sfollati del campo di Kibeho (Rwanda), scrive di nuovo a Boutros Ghali: "Nelle condizioni attuali, i rifugiati che desiderano ritornare in Rwanda considerano il loro ritorno impossibile… Gli atti di genocidio perpetrati in Rwanda dall’ala dura del potere, e in modo particolare la carneficina di Kibeho, hanno mostrato il vero volto del potere di Kigali, e c’è da temere un ulteriore indurimento degli estremisti al potere: la loro volontà di eliminare al massimo la popolazione hutu…".




CONTRO LA DISINFORMAZIONE DEI MASS MEDIA INTERNAZIONALI Anche nella già citata lettera a Carter del 30 gennaio ’96 ritorna sull’argomento: "I profughi si sentono disprezzati, e lo sono di fatto da parte di molti media, loro che nella grande maggioranza sono solo vittime degli estremisti, e non colpevoli".


Il 28 aprile ’95 lancia un appello a una delegazione di organizzazioni del mondo cattolico europeo: "Sappiamo che i media occidentalidiffondono sul dramma rwandese un’informazione partigiana che discredita i profughi. Cosa potete fare, sui vostri giornali, per far passare un’informazione obiettiva , che non snaturi la tragedia rwandese?".



Nella difesa appassionata dei diritti dei profughi rwandesi, mons. Munzihirwa ha spesso denunciato le responsabilità di tanti media occidentaliche, influenzati abilmente dal potere di Kigali, hanno costantemente mostrato la loro simpatia nel confronti del nuovo regime, sostenendo l’opera di "criminalizzazione globale" dell’etnia hutu e diffondendo un’informazione partigiana e molte volte menzognera. Già nel settembre del ’94 denunciava: "Certi ambienti europei sembrano essere influenzati e manipolati per condannare in blocco gli hutu. Allo stesso modo i media magnificano la disciplina quasi angelica dell’armata del Fronte patriottico rwandese (Fpr)! È ora che i veri promotori della democrazia facciano sentire il loro punto di vista sulla reale situazione dell’arbitrario che vige attualmente in Rwanda e che fa tremare i rifugiati".


CONTRO LE IPOCRISIE DEL POTERE


Come si vede, mons. Munzihirwa non si lascia illudere dallo sforzo umanitario messo in opera, ma si preoccupa per la mancanza di un reale impegno politico internazionale, bloccato da forze oscure. Insiste sulla cecità e malafede. Afferma nel messaggio dell’8 settembre ’94: "I modi di agire delle Nazioni Unite sono sconcertanti, quando permettono a degli avventurieri di prendere le armi, occupare il paese (Rwanda) e, una volta al potere, di sottomettere la popolazione nazionale. È il regno del’arbitrio e del terrore!" Qui il vescovo si riferisce di nuovo all’invasione armata del Rwanda a partire dall’ottobre ’90, fatto del tutto trascurato dall’opinione mondiale (cf. Missione Oggi, dossier giugno-luglio ’94). Invita con forza ad aprire gli occhi su quanto in realtà sta avvenendo: un nuovo, non meno grave, genocidio: "Prima siamo stati scioccati dal genocidio dei tutsi, ma oggi il mondo sembra tacere sul genocidio degli hutu. Sembra che si sia d’accordo che una minoranza armata, per mantenersi al potere, stermini una maggioranza non armata. Che logica!" (28 aprile ’95).




"In Burundi e Rwanda le guerre fratricide non accennano a calmarsi. Gli ambienti internazionali hanno dato l’impressione di "stare a vedere" lo scatenamento delle forze di morte. Ci chiediamo se non c’era un preciso progetto, nascosto da qualche parte in oscure stanze. In Burundi, dall’ottobre ’93, non si sa ancora chi è stato il cervello dell’assassinio del presidente Ndadaye ; dei militari hanno eseguito il piano, ma chi l’ha pensato? chi ha dato gli ordini, chi ha confuso le piste delle inchieste e per quali interessi? Dappertutto si piangono morti; più del 25% della popolazione è spostata o rifugiata e vive nella paura e nella miseria.




LA DENUNCIA DELL’AGGRESSIONE RWANDESE AL KIVU


Gli appelli di mons. Munzihirwa sono inascoltati. Anzi, gli Stati Uniti procedono in senso opposto: ottengono dal Consiglio di sicurezza dell’Onu che venga tolgo l’embargo delle armi al Rwanda, così il regime di Kigali può ulteriormente consolidare la sua forza militare. "Senza che nessuno potesse allora immaginarlo – notava p. Querzani nell’ottore ’97 – iniziava la fase di preparazione dell’ultimo atto programmato della tragedia che si sta svolgendo nello Zaire: quello che prevedeva anche la conquista del Kivu e la destabilizzazione del colosso zairese". Mons. Munzihirwa aveva intuito già da un anno la minaccia di nuovi conflitti armati che pesava sulla popolazione zairese e l’aveva scritto al segretario generale dell’Onu, Boutros Ghali, il 15 maggio ’95: "Mentre le grandi potenze sembrano avallare lo statu quo e accordarsi sul fatto che lo Zaire debba integrare questi profughi, sul posto noi constatiamo i segni premonitori di possibili conflitti armati e di destabilizzazione di tutta la regione". L’intuizione diverrà drammatica realtà agli inizi dell’ottobre ’96. In un vibrante messaggio del 13 ottobre, che porta il titolo significativo Il Sud Kivu oggi è aggredito dal Rwanda, mons. Munzihirwa denuncia: "Forse che i dirigenti di Kigali non hanno mire espansionistiche? e non sono in questo sostenuti da alcuni paesi della regione (Uganda e Burundi) e da alcune potenze occidentali? In effetti, queste potenze si servirebbero della posizione geografica del Rwanda e della minoranza che governa questo piccolo paese per assicurarsi il controllo sull’avvenire politico, economico, strategico di quel gigante che è lo Zaire, e forse anche di altri paesi della regione dei Grandi Laghi… Facciamo appello alla responsabilità delle nazioni amanti della giustizia e dei diritti dei popoli, affinché operino per la pace e la stabilità di questa regione, risparmiando ai suoi abitanti il disastro che li minaccia". P. Querzani ricostruisce la drammaticità degli ultimi giorni di mons. Munzihirwa: "Il tentativo da parte dei più impegnati esponenti della società civile di Bukavu, incoraggiati dall’arcivescovo, per salvaguardare la popolazione di Bukavu dal panico e organizzare un movimento di auto difesa, veniva giorno per giorno vanificato dalla presenza irresponsabile dei militari zairesi, ai quali l’arcivescovo si sforzava invano di rivolgere appelli alla ragionevolezza e al senso di dignità umana. Al coraggioso pastore, morso dall’amarezza ma sostenuto da una fede pacata e incrollabile, non restava che la forza della parola che proclama la verità davanti al mondo e la forza della testimonianza".


Nel messaggio del 22 ottobre denuncia apertamente: "Questa guerra, che i mass media chiamano dei Banyamulenge, è in realtà un’invasioneche ha preso avvio dall’Uganda. L’armata degli invasori è composta da soldati ugandesi, rwandesi e burundesi e da altri mercenari, di gran lunga più equipaggiati dell’esercito zairese. Come è già avvenuto per l’invasione del Rwanda (a partire dall’ottobre ‘90 ndr), la popolazione si rende conto che questa invasione è stata largamente e minuziosamente preparata per occupare una parte dello Zaire".Nel messaggio del 26 ottobre insiste: "Constatiamo che il Rwanda e il Burundi aggrediscono lo Zaire, dopo che il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha tolto l’embargo sulle armi destinate al Rwanda. Noi che apparteniamo alle diverse etnie che hanno sempre coabitato in pace e armonia nel Kivu, ci troviamo ora minacciati da una guerra che ci è imposta da stranieri, che hanno armato dei mercenari di ogni tipo per assicurarsi l’egemonia sulla nostra regione".La situazione precipita. Il pastore avverte imminente la burrasca finale. Il 28 ottobre rivolge un ultimo, brevissimo appello di fede e di speranza alla sua gente: "In questi giorni cosa possiamo ancora fare? Restiamo saldi nella fede… Abbiamo fiducia che Dio non ci abbandonerà e che da qualche parte sorgerà per noi un piccolo bagliore di speranza. Dio non ci abbandonerà se noi ci impegniamo a rispettare la vita dei nostri vicini, a qualsiasi etnia essi appartengano". Il giorno seguente verso l’imbrunire, gli verrà tolta la forza della parola profetica. Sarà assassinato là, sulla piazza della sua amata città. Facciamo notare che i drammatici messaggi di ottobre di mons. Munzihirwa erano stati da noi puntualmente trasmessi ai principali quotidiani italiani. Solo Avvenire ne aveva dato risonanza, con un articolo di Beppe del Colle in prima pagina. Negli altri giornali nessuna traccia, se non "dopo" la sua morte.




LE RADICI



L’ultimo appello del vescovo alla sua gente ci introduce nelle profondità a cui attingevano l’impegno e il coraggio di mons. Munzihirwa. È necessario tentare di esplicitarle, queste profondità, per cogliere lo spessore e il vero significato della sua testimonianza. Quando personalmente conobbi mons. Munzihirwa, era da pochi mesi vescovo di Kasongo. A prima vista, nulla in lui sembrava far trasparire le qualità che sarebbero poi emerse nella tragica realtà degli anni seguenti. La sua grande preoccupazione era la "formazione spirituale dei suoi futuri preti": nel seminario regionale, diceva, tutto mira solo ai loro studi, nessuno si preoccupa di aiutarli nel loro cammino personale di discepoli di Cristo. Chiedeva perciò un saveriano per poter avviare, nella sua diocesi, un anno specificamente rivolto a questa formazione, un po’ come avviene nell’anno di "noviziato" per i religiosi. Inoltre, vari sacerdoti locali, durante il periodo del ministero del suo predecessore, avevano lasciato la diocesi di Kasongo. Sua grande cura era di andare a cercarli uno per uno, ascoltarli e cercare di reinserirli in diocesi, oltretutto con forti carenze di personale. Chiedeva ai saveriani di una parrocchia della sua diocesi di accogliere uno di questi sacerdoti che si accingevano a rientrare, per un aiuto al suo inserimento spirituale-pastorale. La vita concreta in una piccola comunità pastorale gli sembrava il modo migliore per accogliere fraternamente e ridare fiducia a chi per tanti anni era rimasto separato dalla sua diocesi. Sono due piccoli fatti, ma indicativi delle vere radici di mons. Munzihirwa. Ci dicono che la sua successiva testimonianza non è stata un frutto improvviso, ma espressione logica di tutto un cammino di sequela di Cristo e di cura appassionata delle persone a lui affidate. Ci mostrano che dietro di lui non c’era semplicemente una "ideologia" o un "progetto" politico, ma la ricerca di un’ubbidienza al suo Signore, che lo apriva continuamente alla conversione, cioè al dono e all’accettazione di una progressiva conformazione a lui. Penso sia questa la radice profondadell’impegno di mons. Munzihirwa. È la fedeltà alla sequela che, nella situazione drammatica in cui si è venuto a trovare, gli ha richiesto la sua testimonianza, una testimonianza fino al dono della vita, come il suo Signore. Il martirio poteva anche non esserci, la vita lui l’aveva già donata prima, nella sua sequela radicale di Cristo, che lo muoveva fino al dono di sé per i fratelli. Ancora nel documento del 3 agosto ’94, possiamo trovare esplicitate alcune linee di fondo del suo spirito: "Cristiani, anche se non possiamo impedire la violenza, dobbiamo sempre disapprovarla: bisogna saper dire No, un No assoluto. Altrimenti la zizzania si confonde con il buon grano. Il buon grano esiste, in quantità e qualità sorprendenti. Ne abbiamo le prove dalle recenti affermazioni dei numerosi tutsi venuti a cercare rifugio al Kivu, dicendo che dovevano la loro salvezza a dei coraggiosi hutu, testimoni del rispetto della vita, del rispetto della fratellanza di tutti gli uomini in Cristo; confermano i segni di speranza percepiti tanto in Rwanda quanto in Burundi… Potremmo citare esempi analoghi di tutsi che proteggono degli hutu, di una mamma tutsi che ha preso sotto la sua protezione una ventina di scolari in fuga dal massacro. Il buon grano è Cristo, presente in mezzo alla zizzania anche nei momenti più scuri delle tragedie umane. Un atteggiamento controcorrente ditolleranza, uno sguardo sensibile alle forze dell’amore permettono di aprire la strada al disarmo e di ricostruire su delle basi veramente solide". Affiora netta la convinzione della testimonianza che il cristiano è chiamato a dare, anche dentro i conflitti e nelle tragedie umane più disperate: non esistono momenti in cui il Vangelo possa essere messo tra parentesi. Solo così la vita del cristiano diventa un pezzo di vita già nuova e, quindi, segno di speranza. Nella logica del dono della conformità a Cristo, il perdono è la massima espressione della condivisione della follia della pace: "In questi giorni in cui si continuano a scavare fosse comuni, in cui la miseria e la malattia si trascinano per migliaia di chilometri su strade, sentieri, campi, noi siamo particolarmente interpellati dal grido di Cristo sulla croce ‘Padre, perdona loro’. Questa misericordia di Dio che interrompe gli ingranaggi della vendetta dà fastidio ai militanti di tutte le sponde: ma in realtà, è lei sola che puòspezzare definitivamente il cerchio infernale delle vendette. Il Signore nostro Dio ha perdonato e ci invita a perdonare. Soltanto questo eroico perdono è nella logica della salvezza". La ricerca della pace coinvolge tutta la nostra responsabilità. Come credenti abbiamo alcuni punti fermi, ma non delle ricette precostituite: le vie della pace e della riconciliazione vanno perseguite in una faticosa ricerca comune, aiutando il sano ad emergere e prendere radici. Mons. Munzihirwa, che era stato chiesto come moderatore delle forze della società civile di Bukavu, in questo sforzo è stato una guida.




IL MARTIRIO DELLA CARITÀ



Il martirio dei nostri tempi è "martirio della carità", secondo la felice espressione di Paolo VI. È sequela conseguente di Gesù, il quale ha dato la vita per i fratelli. Quasi dovunque questa carità assume le due forme della "difesa dei poveri" e del "rimanere a fianco delle vittime" dei vari oppressori di turno: abbiamo visto come anche in mons. Munzihirwa sono evidenti queste due forme. Una terza modalità è presente nella sua testimonianza di carità: il suo amore è indistinto, senza pregiudizi di sorta. Di ciascuna etnia in questione, tutsi e hutu, ripetutamente richiama il fatto che solo una parte si era resa colpevole; in ciascuna c’erano state persone che deploravano questa follia e che anzi avevano rischiato la propria vita per salvare persone dell’altro gruppo; come, anche, in ciascuna c’erano state enormi colpe di violenza e di vendetta. Per tutti erano necessari non solo il perdono e la misericordia ma anche una sincera conversione: un futuro di riconciliazione doveva camminare su questa strada. A pochi giorni dall’arrivo in massa dei rifugiati rwandesi, è questo l’impegno che indicava ai suoi cristiani di Bukavu: "A guardare gli avvenimenti con occhio obiettivo, ci si accorge che se da una parte e dall’altra c’è violenza e vendetta, ci sono delle masse innocenti e tranquille che non sono che vittime. Ci si accorge che vi sono da una parte e dall’altra, delle persone che deplorano questa follia e che fanno quello che possono per salvare delle vite umane, a rischio di passare per traditori, e a volte di subire la stessa sorte. In Germania, è stato necessario distinguere un tedesco da un nazista; in Libano, un musulmano da un islamico; in Rwanda, bisognerebbe distinguere un hutu da un membro delle milizie della morte e distinguere un tutsi da certi membri del Fpr che vogliono eliminare ogni opposizione". La direttiva ai suoi cristiani era chiara: "I discepoli di Cristo non possono dire di essere di Cristo se non hanno il coraggio di essere servitori di tutti e sentirsi solidali con tutti i poveri. Se vi sono dei rifugiati alla nostra porta, dobbiamo saper creare un clima di compassione dove sboccia l’aiuto reciproco perseverante: dobbiamo saper accogliere a casa nostra dei fratelli e delle sorelle, senza distinzione di razza o di classe sociale. Se dei movimenti di rientro verso i paesi d’origine di profilano, noi dobbiamo essere servitori del vicendevole aiuto, del dialogo, della misericordia e della riconciliazione, a tutti i livelli. Se un nuovo futuro di convivenza nazionale comincia a costruirsi, i discepoli di Cristo hanno il dovere di essere come il lievito nella pasta: non i militanti di parti intolleranti, ma portatori dello Spirito". P. Querzani conclude la sua testimonianza su mons. Munzihirwa con queste parole: "Grazie, mons. Christophe, vescovo, padre e fratello della tua gente, congolesi, rwandesi e burundesi, e di tutti noi". Era davvero questo il senso della sua vita.



MEO ELIA ©MISSIONE OGGI






Riportiamo alcune lettere dell’ottobre ’96, l’ultimo mese di vita di mons. Munzihirwa.



PER LA RADIO VATICANA



Negli ultimi tempi, il Rwanda ha moltiplicato gli attacchi armati contro l’Est dello Zaire, provocando numerose vittime civili nel Kivu.


In un primo momento i bersagli sono stati i rifugiati. Richiamo i colpi con armi automatiche sul campo di Birava, nell’aprile del ’95, che hanno provocato 45 morti e oltre 100 feriti, in maggioranza donne e bambini. Richiamo, inoltre, le ripetute aggressioni di elementi dell’APRcontro i campi profughi dell’isola di Idjwi e di Panzi, vicino a Bukavu. Mine anti-persona o anti-carro sono state continuamente messe sulle strade della regione di Bukavu e di Goma. Il frequente scoppio di queste mine provoca danni alle persone, anche tra la popolazione zairese del Sud e Nord Kivu. Ora gli attacchi del Rwanda contro il Sud Kivu si stanno intensificando. Il 22, 23 e 24 settembre, la città di Bukavu è stata violentemente attaccata con colpi di armi pesanti provenienti dal Rwanda, causando morti e danni materiali. I mezzi di trasporto dei commercianti che percorrono la strada montagnosa di Nkomo sono oggetto di colpi di arma da fuoco da parte dei militari rwandesi appostati nell’altro versante del fiume Ruzizi. Questo provoca l’interruzione dei trasporti tra la città di Bukavu e la zona di Uvira. L’isola di Idjwi e i pescatori dei lago Kivu sono ogni giorno tormentati dalle pattuglie dell’APR, che sparano su tutto ciò che si muove. Le zone di Uvira, Mwenga, Fizi, Walungu sono attualmente teatro di combattimenti tra le bande armate tutsi provenienti dal Rwanda e l’esercito zairese. Alcuni sostengono (ma deve essere verificato) che elementi ugandesi combattano a fianco degli aggressori formati in Rwanda. Le bande armate di questi sono composte da persone vissute in Zaire come rifugiati o come trapiantati, che oggi si fanno chiamare "banyamulenge", "zairesi di lingua rwandese". Recentemente hanno aiutato il Fronte patriottico rwandese a conquistare il potere in Rwanda con le armi. Oggi uccidono zairesi e distruggono numerose infrastrutture nelle regioni dei combattimenti. Abbiamo appena saputo che il 6 ottobre hanno massacrato due preti locali della parrocchia di Kidote in diocesi di Uvira, dopo avere saccheggiato la casa parrocchiale. Sembra che abbiano anche saccheggiato e distrutto l’ospedale rurale di Lemera. Le autorità zairesi avevano in precedenza comunicato l’uccisione di almeno 35 abitanti delle montagne di Uvira e un numero ancora più grande in quelle di Fizi.



LE MIRE DEL GOVERNO RWANDESE



Che cosa vuole Kigali con questi attacchi dal suo territorio contro lo Zaire e con l’invio di elementi del suo esercito a fare la guerra allo Zaire?



1. Il governo di Kigali mira a bloccare per lungo tempo o forse anche per sempre il rimpatrio dei rifugiati?



Tutt’oggi c’è ancora più di un milione di rifugiati rwandesi in territorio zairese. Come abbiamo spesso mostrato, questi rifugiati sono indesiderati dal governo di Kigali. Difatti, ogni volta che c’è in ballo il loro ritorno, Kigali pone un segno contrario: arresti, espropriazioni, assassinii, siluramenti e tutta una politica di esclusione nei confronti dell’etnia maggioritaria.



Tutto questo non impedisce ai dirigenti di Kigali, grazie dell’audience di cui beneficiano presso certi media e organismi internazionali, di fare i loro discorsi menzogneri. Dichiarano di essere disposti ad accogliere tutti i rifugiati senza condizioni. Accusano i paesi che hanno accolto i rifugiati, in particolare lo Zaire, di frenare il loro ritorno in Rwanda, trattano tutti i rifugiati come colpevoli di genocidio… Questo non incoraggia certo i rifugiati a ritornare il Rwanda. Lo Zaire vuole che ad ogni costo i rifugiati rientrino a casa loro. Kigali conta di realizzare il suo scopo: opporre i rifugiati e i loro ospiti, fatto che provocherà scontri mortali, con grande gioia delle autorità rwandesi.



2. Kigali teme di un’eventuale guerra interna in Rwanda?



In questi giorni sono avvenute infiltrazioni di soldati dell’ex esercito governativo rwandese (Far) e si accusa lo Zaire di sostenere queste iniziative. Come si può evitare che questo si verifichi, se il governo di Kigali persiste nel suo rifiuto di ogni dialogo con i rifugiati?



3. I dirigenti di Kigali hanno mire espansionistiche?



Non sono in questo sostenuti da certi paesi della regione e da alcune potenze occidentali? In effetti, queste potenze, che dichiarano di volere incoraggiare la democrazia, si servirebbero della posizione geografica del Rwanda e della minoranza che governa questo piccolo paese per assicurarsi il controllo sul futuro politico, economico, strategico del gigante che è lo Zaire e forse anche di altri paesi della regione dei Grandi Laghi.



Questo atteggiamento del Rwanda e dei suoi alleati è estremamente pericoloso:



- provocherà tremendi danni umani nella nostra sotto-regione e lo stesso Rwanda non ne sarà esente; - non servirà che a isolare il Rwanda, attirandogli l’odio delle altre etnie della regione; - questo progetto espansionistico non ha a sua volta delle tendenze genocide?



Facciamo appello alla responsabilità delle nazioni amanti della giustizia e dei diritti dei popoli, affinché operino per la pace e la stabilità di questa regione, risparmiando ai suoi abitanti il disastro che li minaccia. Termino ricordando che la guerra è sempre qualcosa di odioso. Quanti amano questa regione, lavorino per costruirvi strutture di giustizia, di riconciliazione, di perdono e di pace.



Mgr. C. Munzihirwa Bukavu, 8 ottobre ‘96




ALLA CHIESA DI BUKAVU



(Questa lettera di invito all’unità è stata letta nelle chiese di tutta la diocesi di Bukavu il 13 ottobre ’96).



Un solo dito non può schiacciare i pidocchi. Una sola mano non può suonare bene il tamburo.



Cari fratelli, stiamo uniti e cerchiamo insieme come salvare il nostro paese.



1. La storia della nostra città ci mostra che è sempre stata l’unione a farci salvare Bukavu. Abbiamo visto i problemi sorti dall’arrivo dei soldati che parlano rwandese e di quelli che invece di difenderci si sono messi a rubare e depredare gli abitanti di Bukavu.



2. Ci congratuliamo con voi per la vostra unione e perché avete cercato di impedire i saccheggi e le violenze. Ci congratuliamo pure con i soldati che hanno assicurato l’ordine e la calma nella nostra città, impedendo ai soldati fuggiaschi di angariare la gente. Stupisce vederli assalire l’ospedale dove sono stati curati i loro compagni feriti. Chi sono questi soldati? Pare siano dei giovani sbandati che hanno abbandonato la scuola e poi sono stati arruolati nell’esercito. Invece di difendere la patria sono preoccupati di rubare e di procurarsi un bottino che sperano portare nei loro luoghi di origine…



3. Chiedo ai giovani di Bukavu di non vagabondare senza fare nulla. Chiedo pure loro di non continuare ad accusare il prossimo perché sia maltrattato dalla polizia segreta. Piuttosti si preoccupino di stare uniti per scacciare i ladri che, armati, assaltano la gente. C’è serio pericolo di guerra:



- non sapete che da quattro mesi l’Uganda, il Rwanda e il Burundi stanno radunando quasi 7000 militari con l’intenzione di venire a distruggere i campi dei profughi da Uvira fino a Goma?



- non sapete che in questi giorni nella valle della Ruzizi ci sono dei blindati pronti ad assalire la popolazione dello Zaire, anche se momentaneamente sono diretti verso l’aeroporto di Bujumbura per ingannare la gente?



- non sapete che il governo del Burundi sta istruendo alla guerra tutti i giovani che terminano la scuola superiore?



- non sapete che vari uomini sono passati qui nel ‘busch’ ieri l’altro, provenienti dall’Itombwe?




Noi, cosa facciamo per impedire questi attacchi? Vegliamo e rendiamoci conto dell’intenzione di massacro, per scongiurarlo con la nostra preghiera e la nostra concordia. Non ci capiti mai di fare violenza contro persone innocenti. Evitiamo discriminazioni e ogni progetto che mira ad uccidere dei fratelli, anche se di un’altra etnia. Ogni persona dev’essere considerata innocente finché non è dimostrata chiaramente la sua colpevolezza…



Mgr. C. Munzihirwa Bukavu, 13 ottobre ‘96 (Traduzione dalla lingua swahili). MEO ELIA



tratto da www.saveriani.bs.it/missioneoggi/


Leggi anche alcuni passi di lettere di Mons. Munzihirwa


“Speriamo che il Signore non ci abbandoni e che da qualche parte nel mondo possa venire una fiammella di speranza”. (Ultimo messaggio dell’arcivescovo di Bukavu Christophe Munzihirwa, lanciato il 28 ottobre 1996 a chiunque fosse in ascolto. L’indomani fu ucciso). "Il Profeta fa da sentinella: vede l'ingiustizia, la denuncia e richiama il progetto originario di Dio" (Ezechiele 3, 16-18)



L’altro titolo con cui lui stesso amava chiamarsi era zamu, sentinella, custode del popolo e della città. Vincent Masudi, bibliotecario del collegio Alfajiri, puntualizza: “Zamu è colui che fa la guardia alla casa, soprattutto di notte. Zamu analala macho wazi, una sentinella, quindi, dagli occhi aperti. Munzihirwa era la sentinella del suo gregge per tenere lontano predoni e nemici di ogni sorta con la sua voce potente di pastore e di padre”. Era anche custode della tradizione e dei valori autentici della cultura africana. Molti lo hanno paragonato aOscar Romero, vescovo e martire di San Salvador. Infatti, quando Munzihirwa era vescovo di Kasongo, una diocesi a 300 km a est di Bukavu negli anni ’90, e Mobutu aveva ordinato il saccheggio della città perché credeva vi si fossero rifugiati alcuni soldati ribelli, gridava: “Qui davanti a me vedo soldati, vedo il colonnello. Basta angariare la gente. Vi chiedo, vi ordino: basta! Fermatevi!” Il comandante voleva arrestarlo e lui: “Sono pronto, arrestatemi”. Altri vescovi presenti, tuttavia, intervennero e i soldati lo lasciarono libero. Dopo il genocidio del Rwanda nel 1994, mons. Munzihiwa divenne un autentico difensore dei rifugiati hutu, che a migliaia avevano inondato la sua diocesi. Era convinto che pochi avessero commesso atrocità contro i tutsi e la maggior parte fossero vittime innocenti. Qui la sua voce era veramente evangelica, domandando riconciliazione al di là di ogni elemento etnico. “In questi giorni in cui continuiamo a scavare fosse comuni, dove la miseria e la malattia sono presenti per migliaia di chilometri, sulle strade, lungo i sentieri e nei campi, siamo particolarmente messi in crisi dal grido di Cristo sulla croce: ‘Padre, perdona loro’. La misericordia di Dio, che spezza la catena della vendetta, chiama tutti, di qualunque fazione, a cambiare. È la sola cosa che può definitivamente spezzare la spirale infernale della vendetta”. Il suo martirio non fu una sorpresa, almeno per lui. In una meditazione di Pasqua aveva scritto: “Nonostante l’angoscia e la sofferenza, il cristiano che è perseguitato a causadella giustizia trova pace in un completo e profondo atto di fede in Dio, seguendo la propria vocazione che può portare alla morte”. P. Bordignon riferisce di un altro evento: “Una settimana esatta prima di essere assassinato, dopo una dichiarazione sullo stato reale della regione e sul tradimento delle autorità congolesi aveva detto: ‘Oggi mi sono giocato la vita: ho sottoscritto la mia condanna a morte’. Ha dato la sua vita per la gente. Poteva non uscire e rimanere nell’arcivescovado quando i bombardamenti erano diminuiti di intensità. Ha preferito correre il rischio e andare lui stesso incontro al martirio per poter salvare le centinaia di migliaia di persone che correvano come lui il rischio di morire nella violenza cieca che dominava il cuore di tanti. E lì, sugli spalti della sua città che amava, ha sparso il suo sangue”. Mons. Munzihirwa, benché avesse un dottorato in sociologia, non ha scritto molte lettere o documenti pastorali, ma la sua vita e la sua testimonianza di cristiano e africano formano una rara combinazione che incoraggia e dà fiducia a tanti in quel di Bukavu. A lui guardano sia la società civile sia le comunità cristiane in tutto il Congo. Si spera un futuro di pace e di serenità.



Con l’indipendenza politica dei Paesi colonizzati, la maggioranza dei missionari e delle missionarie capì l’errore di aver involontariamente servito i paesi colonizzatori ed ebbe il coraggio di porsi dalla parte delle vittime. Non pochi di loro aderirono alle lotte d’indipendenza e aiutarono i Paesi del Terzo mondo non solo a conquistarla, ma anche a munirsi di legislazioni adeguate ai tempi nuovi.



Nicola Colasuonno



BALCANI D'AFRICA Interviste per "capire"




INTERVISTA A P. TOUSSAINT KAFARIRE MURHULA A CURA DI FAMMY MIKINDO



Quale eredità spirituale ha lasciato mons. Munzihirwa alla Chiesa e alla città di Bukavu?



Credo che Munzihirwa avesse uno sguardo profetico sulla storia e sulla situazione della nostra regione. Aveva una visione che andava al di là delle frontiere. Già nel 1994, aveva conosciuto la tragedia del genocidio del Rwanda, col flusso delle migliaia di profughi nell’est del Congo, e, come uomo di Dio e della Chiesa, avvertiva la gente su un pericolo molto più vasto: l’onda di violenza che rischiava di decimare il popolo nella regione di Grandi Laghi. Infatti la tragedia del genocidio nascondeva un rischio molto grave: il tribalismo e le sue derive. Aveva anche chiesto alle comunità che, pur restando accoglienti verso i profughi, fossero vigilanti, difendendo i valori morali e cristiani, “che occorreva promuovere e salvaguardare a tutti i costi”. Così non ha esitato a scrivere a tutti i grandi del mondo, alle Nazioni Unite, al presidente della Francia, all’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter, per spiegare che il genocidio, i profughi esigevano una soluzione molto più ragionata e più umana. La voce di Munzihirwa, che era tutta dalla parte del Vangelo, della verità che libera dai timori, aveva disturbato molti politici nella regione. Credo che faccia parte della sorte dei martiri, ma era anche il frutto del suo impegno sociale e politico come uomo di Chiesa, come religioso. Ritengo che Munzihirwa ci lasci un’eredità importante: quella di denunciare le menzogne politiche, gli interessi dei capi che strumentalizzano la persona umana; l’uomo o la donna restano il valore fondamentale per il quale Cristo stesso è morto e ciascuno di noi deve potersi impegnare.



Alcuni hanno chiamato mons. Munzihirwa “la sentinella”. Ma sentinella di che cosa, di chi? È una similitudine ricca di significato. La sentinella è un custode notturno. Munzihirwa è stato il custode dei valori, della tradizione africana.Nella sua saggezza aveva saputo mettere insieme passato e presente della nostra società.



Quale è il vostro punto di vista su una sua eventuale canonizzazione? Sappiamo che questo richiede sempre molto tempo nella Chiesa. Ma non è impossibile e penso che il procedimento sarebbe dovuto già iniziare. Un santo è un modello nella Chiesa, cioè qualcuno che è dato alla comunità dei credenti come un esempio da seguire nella vita di fede e nella crescita umana. La canonizzazione di mons. Munzihirwa sarebbe un segno forte espresso dalla comunità ecclesiale, non soltanto nell’arcidiocesi di Bukavu, ma nella intera Chiesa del Congo. L’Africa ha conosciuto molti martiri, soprattutto per il loro impegno. Penso che la testimonianza di mons. Munzihirwa, i suoi scritti ed il suo lavoro gli diano quell’aureola di un esempio reale in un momento in cui in Africa cerchiamo modelli di responsabilità. Mons. Christophe Munzihirwa resta una voce molto autorevole per la Chiesa e per tutta la società congolese e africana. È un uomo che, nonostante le sue debolezze, si è lasciato raggiungere dalla grazia di Dio, per compiere le sue molteplici opere in piena responsabilità.



La gente che lo ha conosciuto parla di Munzihirwa come di uomo realmente rigoroso. Come spiegate quest’atteggiamento?



Viviamo in un momento in cui il lassismo o la perdita del senso morale è molto accentuato. Ciascuno pensa di fare ciò che vuole senza rendere conto a nessuno. Sembra che non ci siano più riferimenti. Ma in mons. Munzihirwa, c’era un grande senso di responsabilità, un senso della comunità; solo all’interno di una vita condivisa il destino individuale assume tutta la sua portata. Il valore della vita individuale è visto soltanto all’interno di un destino comune, di una storia vissuta insieme, di una comunità condivisa. Forse in questo senso mons. Munzihirwa doveva essere rigoroso. In primo luogo rigoroso con sé stesso. Coloro che lo conoscevano sanno che non era un uomo di grande pompa. Non esibiva la sua posizione di arcivescovo o prelato; era molto discreto, indossava vestiti comuni, poveri, e a volte gli stessi vestiti, tutti i giorni. Questo stile di vita voleva che diventasse un esempio e una sfida per noi. Guardando la società congolese di oggi c’è da chiedersi dove siano finiti quegli uomini di valori. Mons. Munzihirwa resta per noi questo modello, la voce che non sono riusciti a fare tacere, ma che continua a parlare anche in silenzio nella nostra coscienza, nella nostra notte di valori e ci mostra un cammino da seguire, il cammino della liberazione, della verità e dell’amore fraterno che Cristo è venuto ad annunciarci.



Intervista e biografia tratte da: "Missione Oggi" di Ottobre 2006;












Un' altra interessantissima intervista è quella di Damaso Maniscalco a padre Minani Bihuzo da "Narcomafie" n. 12, Dicembre 1996; vecchia di alcuni anni ma quanto mai attuale e preziosa per comprendere cosa sta succedendo a tutt'oggi nell'Africa Centrale. Qui si parla ancora di Zaire (oggi esistono sulle sue ceneri due Stati, Repubblica Democratica del Congo - terra invasa ancora oggi dagli stati confinanti - e Repubblica del Congo-Brazzaville), ma il succo, purtroppo, non cambia. Per chi vuole intendere …



Lo hanno ucciso a bastonate il 29 ottobre scorso (1996, ndr), il suo amico monsignor Munzihirwa, arcivescovo di Bukavu. Assassinato barbaramente "da ignoti" il giorno stesso dell'invasione dello Zaire. Si erano conosciuti ai tempi del seminario, avevano lavorato spesso insieme. L'ultima volta nel '94, come mediatori nel corso delle negoziazioni relative alla ricerca di una pace possibile in Ruanda e Burundi. Oggi Minani è borsista a Palermo al centro "Arrupe" di Padre Sorge e da lì, fra le altre cose, gestisce i rapporti delle Associazioni della società civile del Kivu con l'Unione Europea e gli altri organismi internazionali. Il padre gesuita Rigobert Minani Bihuzo, zairese, massimo esperto di geopolitica della regione dei Grandi Laghi nonché amico fraterno di Monsignor Munzihirwa svela a Narcomafie i retroscena che nessuno ha mai raccontato della morte dell'Arcivescovo di Bukavu e dei conflitti che dilaniano l'Africa Centrale.



Padre Minani, quali sono le ragioni storiche ed etniche dell'attuale conflitto nella regione del Grandi Laghi? Per comprendere fino in fondo bisogna fare un passo indietro e ritornare al periodo dei movimenti di indipendenza nazionale. In Ruanda la popolazione Hutu è stata per molti secoli dominata dall'etnia Tutsi che i missionari e i colonizzatori avevano scelto come interlocutore privilegiato anche per meglio controllare l'altra etnia prevalente nella regione, quella degli Hutu. Gli Hutu hanno cominciato a ribellarsi e a chiedere una maggiore democrazia nello stesso periodo in cui missionari e colonizzatori si sono resi conto di doversi sbarazzare dei Tutsi che reclamavano libere elezioni e l'indipendenza. Da un certo momento in poi, allora, gli occidentali promuovono la leadership Hutu. Nel 1959 gli Hutu fanno quella che loro stessi hanno definito "la rivoluzione sociale". Prendono il potere dopo una tornata elettorale che li vede vincitori fondamentalmente perché molto più numerosi dei Tutsi, scatenano la caccia ai dignitari di corte (il Ruanda fino ad allora era un regno) ed esiliano i Tutsi più influenti. Queste vicende segnano in Ruanda l'inizio della tragedia perché i rifugiati torneranno in patria solo dopo trent'anni, nel 1990. Il governo Hutu del Ruanda in questo periodo realizza di fatto un governo etnico, non permette il rientro dei Tutsi perché teme sussulti monarchici e anche perché le terre dei rifugiati Tutsi sono ormai occupate da Hutu fin dal 1959. I Tutsi esiliati si raggruppano per organizzare il rientro in Ruanda. Ce la faranno solamente nel '90.



L'arcivescovo di Bukavu aveva di recente denunciato la possibilità di un conflitto fomentato da interessi stranieri.



Lei crede che sia stata questa la causa di una così brutale esecuzione?



Sì. E per capirlo bisogna sapere chi era l'Arcivescovo di Bukavu. Si era formato in Ruanda e conosceva molto bene l'ambiente ruandese. Era tra le poche persone che all'Est parlano la lingua del luogo, perché ha vissuto a lungo nella provincia orientale dell'Africa Centrale. Aveva una visione globale dei problemi della regione dei Grandi Laghi. Da tempo monsignor Munzihirwa si era reso conto che le potenze occidentali anziché favorire la riconciliazione e un'equilibrata redistribuzione del potere tra i due popoli, giocano ad appoggiare di volta in volta i diversi gruppi etnici a seconda delle esigenze del momento e ha denunciato questa politica che mira unicamente al controllo dell'Africa Centrale. Si è così ritrovato ad avere numerosi nemici tra i Tutsi che ritenevano la sua attività a favore della conciliazione e della pace una minaccia. Gli Hutu invece non gli perdonavano la denuncia, forte e chiara, del genocidio del 1994 e di chi l'aveva materialmente eseguito. Ha avuto conflitti e dissapori con gli americani che hanno più volte mandato il loro ambasciatore per trovare punti di accordo. Monsignor Munzihirwa era l'unico a criticare l'ambasciatore americano. Si era collocato di fatto al centro dei conflitti ed era probabile che un giorno o l'altro avrebbe pagato con il martirio il suo appello per la pace, quella vera.



Il Sud-Kivu nell'ultimo quinquennio è stato il motore della rinascita della società civile zairese, lo testimoniano le numerose associazioni di base che hanno fatto da interlocutori alle Organizzazioni non governative di cooperazione allo sviluppo. Da qui è cresciuta la rivolta anti-Mobutu e da qui sono partite le iniziative di negoziazione in Ruanda e Burundi, anche alla luce delle conseguenze sullo Zaire. […]



Chi ha cominciato? All'inizio tutti dicevano che era colpa dei ribelli Tutsi presenti nella zona degli scontri e nel Kivu. Ma qual è la realtà dei fatti?



I giornalisti hanno scelto di parlare di ribelli Tutsi, chi è più informato parla di Banyamulenge. I Banayamulenge sono in maggior parte ruandesi di origine Tutsi che a cavallo tra il 1800 e il 1900 sono scappati alla morsa del regime particolarmente crudele di un re Tutsi e hanno chiesto asilo alla tribù dei Bavira e a quella dei Bafulero che vivevano presso la collina di Mulenge dalla quale i rifugiati hanno poi preso il nome. Quindi l'etnia Banyamulenge non esiste nello Zaire. Si tratta di Tutsi che hanno preso un nome diverso per testimoniare il fatto che sono stati accolti dalla popolazione di Mulenge. Il gruppo di Banyamulenge è molto piccolo, ma a seguito dei conflitti in Ruanda altri Tutsi si sono aggiunti a quelli che vivevano sulla collina di Mulenge e nell'altipiano di Itombwe. Il problema è sorto quando tutti gli altri Tutsi arrivati nel corso delle ondate successive hanno reclamato la nazionalità zairese. Ciò ha innervosito non solo la popolazione locale che li aveva accolti ma anche le autorità locali anche perché di fatto questi rifugiati hanno sempre proclamato di essere ruandesi pur esigendo la nazionalità zairese. Ciò fa capire come "la guerra dei Banyamulenge" sia solo un pretesto, loro non hanno né la forza né la capacita di promuovere una guerra nello Zaire. Quali le cause degli scontri, allora?



Il conflitto in corso altro non è che il secondo episodio di ciò che è iniziato nel 1994. Quando in Ruanda si scatena la guerra e si consuma il genocidio i rifugiati ruandesi attraversano la frontiera ed entrano nello Zaire. I gruppi ribelli Tutsi, protagonisti della lotta armata già dal 1990, prendono poi il potere in Ruanda e chiedono di processare i responsabili del genocidio compiuto dagli Hutu, ma allo stesso tempo dichiarano d'ufficio responsabili tutti gli Hutu e ne arrestano gli intellettuali. Dal luglio 1994 il governo ruandese chiede alla comunità internazionale di aiutarlo nella ricerca dei responsabili del genocidio rifugiati nello Zaire. La comunità internazionale non l'ha aiutato e il governo zairese non aveva né ha i mezzi per controllare il milione di profughi e i 40.000 militari ruandesi sul suo territorio. Nello stesso periodo si intensifica il conflitto etnico nel Burundi. Dopo l'assassinio da parte dei Tutsi del presidente N'Dadayé nell'ottobre 1993, gli Hutu hanno cominciato la guerriglia e in un certo numero si sono rifugiati in Zaire. I Tutsi, sia in Ruanda sia in Burundi, non hanno mai fatto mistero di voler restare permanentemente al potere, ma poiché la loro popolazione è inferiore sul piano numerico a quella Hutu devono fare in modo di garantirsi la sicurezza. Questo è il loro principale problema: proteggere i propri confini dalle incursioni degli Hutu rifugiati nello Zaire. Certo il Ruanda non poteva attaccare lo Zaire senza una ragione. Ha quindi preso come pretesto i problemi di nazionalità all'interno della popolazione Banyamulenge e ha utilizzato i giovani Banyamulenge arruolatisi nel Fpr (Fronte Patriottico Ruandese) che sono stati prima istruiti e poi sostenuti da militari ruandesi, burundesi e ugandesi nell'invasione della regione orientale dello Zaire. I Banyamulenge sono solo un pretesto, tirarli in mezzo è cosa molto ipocrita: quello che succede oggi è il tentativo di Ruanda e Burundi di risolvere i propri problemi di sicurezza attraverso il disordine nello Zaire. Poiché finché ci sarà caos e guerra nell'Est del paese, non ci saranno più incursioni oltre i loro confini. Questa è la chiave di lettura dell'attuale conflitto. E' chiaro comunque che la questione Banyamulenge dovrà essere in futuro risolta, ma non è certo il casus belli, tanto più che sono in molti a riconoscere che è l'esercito ruandese ad aver invaso lo Zaire. […]



Chi finanzia questa guerra? Chi invia le armi?



Qui entriamo nella questione più importante, già denunciata da Monsignor Munzihirwa. Lui diceva che molte nazioni vogliono servirsi della regione dei Grandi Laghi come mercato per il traffico di armi. Per gli osservatori delle vicende della nostra regione, in effetti la situazione è sempre più chiara. In realtà gli obiettivi di questa guerra sono tre: il primo è quello di smantellare i campi profughi e questa è una tesi difesa da molti esperti americani. La U.S.C. Refugees ha pubblicato un documento nel quale si chiede di smantellare i campi, il direttore di Usaid (Agenzia Americana di Cooperazione allo Sviluppo) di recente a Ginevra ha abbracciato la medesima tesi, così come Warren Christopher. Quindi gli americani spingono per lo smantellamento dei campi. Il secondo obiettivo è quello di poter uccidere il maggior numero di Hutu possibile, poiché in caso di probabili elezioni democratiche i Tutsi rappresentano solo il 10% del corpo elettorale e quindi maggiore sarà il numero dei morti maggiore saranno le possibilità di vittoria nelle "future" elezioni generali. Con ciò si capisce il motivo dei bombardamenti dei campi: lo scopo non era far fuggire i profughi, ma ucciderli. E ora li stanno spingendo verso l'interno dello Zaire, in piena foresta equatoriale, dove le condizioni climatiche sono impossibili, proprio per generare quella che si può definire "una catastrofe umanitaria" perché muoiano a migliaia. Un terzo obiettivo - che va al di là del quadro geopolitico locale - è quello di creare il cosiddetto impero Ima o regno dei vulcani. Da un po' di tempo si parla di Hutuland e Tutsiland. È opinione di alcuni osservatori che i Tutsi vogliano realizzare il loro regno facendo saltare le attuali frontiere. E a partire da questo si capiscono le affermazioni del presidente del Ruanda, il quale ha dichiarato che una parte dello Zaire apparteneva al regno ruandese. Esiste un progetto di impero dei vulcani di cui molti testi parlano.



Ma a chi e a che cosa servirebbe questo impero lma, questo potere forte nella regione dei Grandi Laghi ?



È in questo progetto che gli interessi stranieri entrano in gioco. Dopo la caduta del muro di Berlino e la fine della guerra fredda, il mondo americano non ha più nulla da temere dal mondo sovietico. Per gli Stati Uniti il terrorismo diventa allora il nemico numero uno, e di riflesso il mondo arabo. Da qui si comprende il comportamento tenuto con la Libia, l'lrak e il Sudan. Per gli americani uno dei santuari del terrorismo èil Sudan. Da diversi anni ormai forniscono le armi a John Garang il capo dei ribelli che lottano contro il potere islamico di Karthoum. Ma lui non è abbastanza forte per contrastare il governo di Khartoum appoggiato da Irak, Iran, Libia. Serve una base di retroguardia per fare un giorno una guerra diretta contro il Sudan. In Uganda ci sono molti esperti militari americani, ma l'Uganda è un paese troppo piccolo. Per parte sua, lo Zaire è fuori dal progetto ed è per questo che diventa fondamentale l'appoggio del Ruanda e del Burundi: per costruire uno Stato più grande che abbia una forza d'urto sufficiente per fare prima o poi la guerra nella zona meridionale del Sudan e destabilizzare quello che gli americani definiscono "il santuario dei terroristi". Qui la faccenda però si complica poiché le armi utilizzate nel conflitto sono in parte dono del governo americano, in parte del Sudafrica (ma negoziate dagli americani per il governo ruandese) e in parte di Israele. Tutti e tre i paesi sono alleati degli americani. Le armi dunque provengono da chi ha interessi più vasti rispetto a quelli locali. Ne consegue che di fronte ai primi, gli interessi dei paesi africani passano in secondo piano. Nasce da qui la scissione tra mondo anglofono e mondo francofono che si è evidenziata da quando sono cominciate le negoziazioni. Dall'inizio del conflitto Parigi e Washington si accusano a vicenda - con un accanimento notevole - di ingerenza negli affari interni degli Stati africani.



[…] La Francia è alleata di Mobutu (l'ex presidente dello Zaire, ora RDC) non certo per affinità ideali, ma perché Mobutu può negoziare il passaggio dell'esercito sudanese per attaccare i ribelli del sud (John Garang) a partire dal territorio zairese. […]



E gli americani?



Gli americani sono schierati con il mondo ebraico e cercano di mantenere un controllo su "fronte", mentre i francesi cercano di controbilanciare la supremazia americana schierandosi o sostenendo le posizioni del mondo arabo e dell'Irak. Questo è di fatto il nodo della "guerra diplomatica" tra Stati Uniti e Francia visto attraverso il monocolo del mondo arabo e ebraico. Ed è quello che succede, per altri versi, nella regione dei Grandi Laghi, dove si sono fatti sempre più forti i legami di Uganda, Ruanda e Burundi con il mondo anglofono e dove la Francia per non perdere la sua supremazia appoggia lo Zaire in una lotta contro il mondo anglofono. A questi interessi strategici delle potenze occidentali si assommano quelli di carattere economico. Oggi la lingua è uno strumento molto importante per il business. Se Ruanda e Burundi verranno conquistati alla causa americana si formerà un corridoio anglofono che partendo dal Sudafrica raggiungerà l'Egitto, passando per Zimbabwe, Malawi, Zambia, Tanzania, Kenya, Burundi, Ruanda, Uganda, Somalia, Etiopia, Eritrea ed Egitto. Un corridoio linguistico forte che potrebbe controbilanciare il corridoio francofono dell'Africa Occidentale. Una guerra di lingua fatta sulla pelle dei popoli africani. A questo si aggiunga la questione strettamente economica delle riserve di materie prime. Lo Zaire è uno scrigno ricco di materie prime che sarannostrategiche nel nuovo millennio. La prima bomba atomica fu costruita con l'uranio proveniente dallo Zaire e da quella data sono state chiuse le miniere. Le riserve di rame, diamanti e oro sono molto consistenti così come quelle di gas naturale. Lo Zaire possiede inoltre il 40% della foresta pluviale africana, la seconda per estensione dopo quella amazzonica, risorsa strategica per il prossimo millennio e nell'immediato per le numerose multinazionali della chimica farmaceutica. Anche per questo il controllo dello Zaire diventa un obiettivo importante della contesa tra Stati Uniti e Francia. Una guerra combattuta con mezze parole e che ha come fine il blocco dell'iniziativa dell'altro. Tutto questo di fatto impedisce lo svilupparsi di un processo di pace nei territori del conflitto. GIi interessi che contano sono quelli non dichiarati e i capi di Stato africani della zona si fanno manipolare per il vantaggio altrui. Questa è la nostra sciagura: non abbiamo capi di Stato che abbiano a cuore l'interesse del loro popolo piuttosto che quello dei nostri protettori. È il caso di Mobutu sostenuto dalla Francia a dispetto di tutto e di tutti perché può manipolarlo come vuole, o di Kagame (l'attuale presidente ruandese, ndr), vicino alle posizioni americane, ma è anche il caso del Burundi dove non emerge una leadership e dove i militari fruiscono della protezione totale del governo ugandese.



A suo parere le Nazioni Unite e le Organizzazioni di cooperazione internazionale hanno impostato una politica corretta sui rifugiati?



I problemi dell'Onu sono tipici di tutte le organizzazioni complesse. Qui gli Stati Uniti riescono spesso a imporre il loro punto di vista. Le decisioni delle Nazioni Unite vengono prese dal Consiglio di Sicurezza nel quale i vari paesi membri hanno interessi divergenti e spesso contraddittori. Per questioni di interesse strategico come quelle che riguardano l'Africa Centrale non ci si può attendere grandi cose dalle Nazioni Unite. La situazione attuale è chiara: oltre un milione e mezzo di persone (dei quali oltre il 60% sono donne e bambini) vengono bombardate dall'esercito ruandese e le Nazioni Unite non hanno espresso condanne. Così come è evidente che dietro gli scontri nello Zaire ci sono Uganda, Ruanda e Burundi coalizzati per attaccare il paese su sette diversi fronti lungo oltre 300 km di frontiera, mentre le Nazioni Unite continuano a parlare di ribelli perché non vogliono vedere le cose per quello che sono. E per i rifugiati si pone lo stesso problema. Non si potrà mai risolvere la questione se la logica è quella di sacrificare un gruppo a favore dell'altro. L'unica prospettiva valida è quella di un progressivo processo di democrazia accettabile per tutti. In effetti la questione cardine della regione dei Grandi Laghi è quella di una redistribuzione del potere in cui le varie etnie si garantiscano a vicenda. Ed è importante che la comunità internazionale entri in questa logica, poiché ogni qualvolta si dà torto o ragione a un gruppo a seconda che perda o vinca si innesca una spirale di violenza che non finirà mai. Il nodo della questione è tutto qui. Poiché il cosiddetto "problema umanitario" non è né umanitario né etnico, come si cerca di far credere, ma una questione di divisione del potere in cui si segue una logica di esclusione dell'altro o peggio, si commettono dei genocidi per eliminare l'altro, per non dover dividere il potere. La questione va affrontata delineando un progetto di società che tenga conto di tutte le componenti della popolazione, ma oggi capita il contrario e ogni gruppo che si succede al potere impone un progetto di società con cui si chiede all' "altro" di sparire, di dissimularsi o di disperdersi. Il risultato è il Ruanda in cui dopo trent'anni di regime Hutu i Tutsi si sono rivoltati. Così oggi sono gli Hutu a essere cacciati, ma in un prossimo futuro i figli e i nipoti dei rifugiati si rivolteranno a loro volta (anche perché più numerosi dei Tutsi). L' Onu ha finora giocato il gioco del vincitore: l'Fpr nel 1990 era "la" guerriglia divenuta poi nel 1994 il governo legittimo, mentre il governo precedente è diventato all'improvviso ribelle e genocida. Ciò non toglie che nel prossimo futuro possa tornare e ripetere gli stessi comportamenti, per il semplice motivo che nessuno vuole affrontare la questione per quella che è ed aiutare le comunità a uscire da questa spirale.[…] Alcuni osservatori politici propongono la creazione di stati etnici sul modello della ex-Jugoslavia. Che ne pensa?



Queste soluzioni vengono proposte dalle tribune delle grandi conferenze. L'ex-segretario di Stato americano Cohen, a cui è stato affidato il compito di occuparsi deIl'Africa, ha detto che occorre separare in due Stati distinti Hutu e Tutsi e ultimamente il presidente Bongo ha detto che questa potrebbe essere la soluzione finale. Ma la questione rimane la stessa: la separazione non risolve il problema poiché i contendenti cercherebbero di sopraffarsi a vicenda per ragioni di sicurezza. Si porrebbero molti problemi, primo fra tutti quello delle coppie miste, poiché i matrimoni interetnici sono molto numerosi. A tutt'oggi sia in Ruanda sia in Burundi non esistono aree a presenza monoetnica, poiché Hutu e Tutsi sono legati alla loro terra e la separazione dal luogo dove riposano i loro antenati creerebbe un cataclisma di proporzioni inimmaginabili con una guerra che decimerebbe i due gruppi e non solo. Le proposte di divisione etnica sono frutto di elucubrazioni da laboratorio e non tengono conto della realtà. La soluzione dei problemi della regione dei Grandi Laghi passa attraverso la promozione della democrazia e dello sviluppo di queste zone che sono tra le più povere dell'Africa, nonché attraverso la realizzazione di un progetto di sociètà accettabile per tutti che gestisca in modo equo le risorse e sostenga i giovani.



La classe politica che ha governato i paesi coinvolti ha una grossa responsabilità in ciò che accade. Noi crediamo che se la negoziazione fosse condotta in prima persona dalla società civile si potrebbe arrivare a una soluzione, non certo rapida e circoscritta come la si vuole da molte parti, ma effettiva, poiché le popolazioni in conflitto hanno vissuto e vivono malgrado tutto insieme. La prova di questo è stata l'accoglienza che alcune famiglie Hutu hanno fornito nel '94 a Bukavu ai bambini Tutsi scampati ai massacri. Ciò ha creato una rete di solidarietà. Tutto diventa difficile quando di mezzo ci sono i "politici" che si contendono il potere. Una prova di quanto detto è che il presidente del Ruanda è Hutu così come diversi alti dirigenti del paese e lo stesso in Burundi, ma guarda caso la questione etnica scompare quando sopravviene l'interesse di divisione del potere. Cosicché il presidente ruandese Hutu appoggia i bombardamenti dei rifugiati Hutu poiché è in gioco il suo potere personale. È quindi chiaro che non si può circoscrivere la questione all'aspetto puramente "etnico" perché sarebbe caricaturale e soprattutto perché è molto più complessa.





Quale può e deve essere il ruolo dell'Europa in un eventuale processo di pace? L'Europa può aiutare la regione dei Grandi Laghi solo se intende promuovere il dialogo tra le parti e non, come è successo fino a oggi la difesa settaria e localistica di ogni singolo gruppo coinvolto, favorendo così la polarizzazione del conflitto. È importante che l'Europa offra il luogo del dialogo sull'avvenire di questa regione. Non è ancora troppo tardi. In secondo luogo è importante che l'Europa, che si erge a paladino della difesa dei diritti umani, giudichi i governi della regione proprio da quel punto di vista: il rispetto o meno dei diritti dell'uomo. E io credo che questo sia un punto chiaro e circoscritto sul quale non si possa tergiversare. L'Europa non deve appoggiare i governi che violano sistematicamente i diritti dell'uomo attraverso l'assassinio e i massacri, cosi come non deve appoggiare i governi che rifiutano ogni apertura alla vita democratica e che vogliono una "democrazia" fatta a misura dei loro interessi. Questi sono principi base dell'umanità per il rispetto dei quali l'Occidente deve battersi. L'Europa deve sostenere lo sviluppo dei paesi dell'Africa Centrale, poiché la crisi è esplosa in un momento di grande dissesto economico della regione. Quando i giovani vengono privati del loro avvenire, quando tutti sprofondano nella miseria, è molto facile affermare che la sofferenza è 'l'altro" che l'ha portata. Si potrebbe allora promuovere la progressiva realizzazione di un'economia endogena al fine di garantire a tutta la popolazione, e non solo a un gruppo ristretto, il giusto sviluppo. L'Europa ha l'opportunità di intervenire in maniera significativa almeno in tre settori: nello sviluppo economico, in quello democratico e in quello civile.[…]



Fonte: www.sanfrumenzio.org








Le Nazioni vogliono servirsi dell'Africa dei Laghi?



La Chiesa davanti la sfida della violenza e dell'ipocrisia Importante riflessione di Mons. Christophe Munzihirwa Mwene Ngabo, Arcivescovo di Bukavu brutalmente assassinato a Bukavu nella notte tra il 29 e il 30 ottobre 1996.



Invito a prendere posizione di fronte alla violenza e all'ipocrisia. Per quale scopo si distrugge il Ruanda? Non è per ricercare il potere assoluto a scapito del popolo che ne è vittima? I rifugiati sollevano un clamore che nessuno potrà ignorare.



La violazione dei diritti dell'uomo fa sì che il nostro continente è diventato il continente dei rifugiati. Su circa 15 milioni di profughi calcolati nel mondo, oltre 6 milioni si trovano in Africa.



Delle guerre particolarmente atroci si svolgono in Sudan. Sono rare le voci che si alzano per denunciare le tragedie, e nessuna azione si mette in atto per impedire il genocidio delle tribù cristiane ed animiste del Sud, dove l'Islam del Nord vuole imporre la sua egemonia totalitaria. Dal 1960 vi sono dei rifugiati nello Zaire, in Uganda e in Etiopia. Siamo così informati sul fermo proposito della Libia e dell'Arabia Saudita di far penetrare l'Islam in tutta l'Africa dell'Est e del Centro. Il finanziamento delle armi ha principalmente lo scopo di destabilizzare il paese per raggiungere questo fine.



L'Angola è in guerra etnica di carattere ideologico da quasi vent'anni: quanti morti, quanti storpi, quanto impoverimento, per colpa dell'ambizione di un Jonas Savimbi, sostenuto da coloro che, forse, desiderano lo spopolamento di questo paese per servirsi senza concorrenza della ricchezza del suolo, del sottosuolo, e anche del mare! Alcuni profughi di questo paese sono nello Zaire e nello Zambia sin dall'inizio di questa guerra senza fine.



Nello Zaire, il risucchio politico e il crollo dell'economia sono stati accompagnati da un razzismo criminale dello Shaba verso i Kasaien. Chi aveva interesse a questa proliferazione della miseria e dei movimenti di popolazione errante? Il paese non ha fatto niente! Le nazioni non se ne sono preoccupate!



Noi siamo particolarmente colpiti per quello che succede sulle colline vicine al nostro paese, lo Zaire. In Burundi, poi in Ruanda, delle guerre fraticida non accennano a calmarsi; le conseguenze sono incalcolabili. Avevamo creduto ad una burrasca, ma in Ruanda la violenza è diventata una tempesta di lunga durata che la saggezza nazionale non ha potuto fermare. Gli ambienti internazionali hanno dato l'impressione di "contemplare" lo scatenamento delle forze di morte. E adesso ci si chiede, non a torto, se non esisteva un fermo progetto, dissimulato, da qualche parte in oscure stanze.



In Burundi, dall'ottobre del '93, malgrado alcune pallide inchieste, non si sa ancora chi è stato il cervello dell'assassinio del PresidenteNdadaye; sono dei militari che hanno eseguito un piano, ma chi ha pensato questo piano, chi ha dato gli ordini, chi ha sovvenzionato l'azione, chi ha confuso le piste delle inchieste e per quali interessi? Contemporaneamente c'è stato un piano parallelo al primo che ha provocato dei massacri pazzeschi, chi ha preparato il piano? Com'è possibile che sia stato eseguito con tanta crudeltà su una così larga scala? Per quali interessi? Quale ipocrisia! Dappertutto si piangono morti; più del 25% della popolazione si è "spostata" o "rifugiata", vivendo nella paura e nella miseria; e le violenze non sono terminate; i piani d'azione neppure.



In Rwanda la guerra è iniziata quattro anni fa (con l’invasione delle forze tutsi, a partire dalle frontiere dell’Uganda, ndr) con appoggi stranieri. Ma c’era un altro piano pronto: l’assassinio del presidente Habyarimana, sul quale non è stata fatta verità, poi le uccisioni infinite, condotte da militari e gruppi paramilitari, seguite da vendette terribili. Da ambedue le parti non si cerca la democrazia… si cerca il potere assoluto, per conservare o per acquisire dei privilegi, qualunque sia il prezzo che il popolo dovrà pagare. La forza d’interposizione dell’Onu a Kigali non è stata capace di realizzare la missione di pace senza schierarsi. L'operazione Turquoise della Francia aveva mostrato le sue carte partigiane sin dall’inizio… Le nazioni si impietosiscono sulle masse di vittime disperse: c’è molta buona volontà e l’impegno degli aiuti umanitari, ma chi fa qualcosa per il domani? Chi svela i disegni segreti di cervelli ben protetti, che continuano a sostenere l’eliminazione dei poveri? Ribadiamo la necessità di una forza internazionale per fare rispettare i diritti di tutti, perché i dadi sono truccati, tanto in Burundi quanto in Rwanda…".



Quando i paesi occidentali hanno iniziato ad accordare aiuti economici al nuovo regime di Kigali, nella lettera alle chiese del Belgio e della Francia mons. Munzihirwa nota con indignazione: "Non è accettabile che dei paesi occidentali portino un sostegno senza condizioni al regime di Kigali, che esclude dal diritto alla parola e scoraggia il ritorno nel paese di oltre un terzo della sua popolazione".



Nella lettera del 30 gennaio ’96 all’ex presidente J. Carter, insiste:



"Gli Stati Uniti offrono un notevole aiuto finanziario e militare a Kigali. Come si può giustificare questo aiuto a un regime politico che pratica una gestione totalitaria del potere, è in fragrante violazione degli accordi di Arusha, impone il terrore e pianifica i massacri? L’aiuto non dovrebbe essere condizionato all’apertura di negoziati politici in Rwanda e al diritto al ritorno dei profughi nella dignità e nella sicurezza?".



L'ipocrisia spadroneggia! Dappertutto si piangono morti; la maggior parte della popolazione si è "spostata" o "rifugiata"; una piccola minoranza cerca di ricostruire una struttura nazionale in una parte del paese. Per quale scopo si distrugge un lavoro di trent'anni? Dei paesi lontani credono di difendere i diritti della maggioranza, altri paesi vogliono difendere i diritti della minoranza; ognuno pretende di far sorgere una giusta democrazia; ma da ambedue le parti non si cerca la democrazia; una democrazia di tipo occidentale d'altronde non avrebbe senso nel contesto socio-culturale dell'Africa centrale; si cerca il potere assoluto per conservare o per acquisire dei "privilegi" qualunque sia il prezzo che il popolo dovrà pagare, qualunque siano i rischi di un ritorno di fiamma in futuro. Perchè?



Cristiani, anche se noi non possiamo impedire la violenza, dobbiamo sempre disapprovarla: bisogna saper dire NO, un no assoluto, profondamente turbato, o il loglio si mescola al buon grano. Il buon grano esiste, in grande quantità e di qualità sorprendente. Ne abbiamo le prove dalle recenti affermazioni dei numerosi Tutsi venuti a cercare rifugio al Kivu, dicendo che dovevano la loro salvezza a degli audaci Hutu, testimoni del rispetto della vita, del rispetto dell'uomo, del rispetto della fratellanza di tutti gli esseri umani di fronte a Gesù Cristo: confermano le testimonianze raccolte in un dossier pubblicato a Bukavu nel luglio 1994 da Philippe de Dorlodot; confermano i "segni di speranza" che sono stati percepiti, tanto in Ruanda quanto in Burundi, da quasi sei mesi; e potremmo citare degli esempi analoghi di Tutsi che proteggono degli Hutu, di una certa mamma tutsi che aveva preso sotto la sua protezione una ventina di scolari in fuga dal massacro che si perpetrava nella loro scuola. Il buon grano, è il Cristo che vive oggi in mezzo al loglio nei momenti più scuri delle tragedie umane. Un atteggiamento di retrocessione e di tolleranza, uno sguardo sensibile alle forze dell'amore deve normalmente permettere di aprire la strada al disarmo, e di ricostruire su delle basi veramente solide. Un saggio ha detto: "Vi sono delle cose che non si vedono bene che con occhi che hanno pianto", ma che, prendendo le loro distanze rispetto alle passioni umane, sperano in Colui che è il Cammino, la Verità e la Vita.



In questi giorni in cui si continuano a scavare fosse comuni, in cui la miseria e la malattia si trascinano per migliaia di chilometri su strade, piste, sentieri, rifugi, campi, noi siamo particolarmente interpellati dal grido di Cristo sulla croce: "Padre, perdona loro perchè non sanno cosa fanno!" In certi momenti, questa misericordia di Dio che interrompe gli ingranaggi della vendetta, sembrerebbe disturbare i militanti di tutte le sponde; ma dopotutto, è lei sola che può definitivamente spezzare il cerchio infernale delle vendette. Il Signore nostro Dio ha perdonato; Egli ci invita a perdonare. Soltanto questo eroico perdono è nella logica della salvezza. Augustin d'Hippone ha potuto dire ai suoi fratelli: "Voi vi dite figli di Dio. Se voi rifiutate di perdonare, perchè desiderare ancora la sua eredità? Questa non puï essere data che dal Figlio unico che è morto perdonando". Cristiani, noi dobbiamo, come Giovanni battista, essere gli araldi della "Buona Novella del Perdono", e ripetere, in verità e in atti: "Ecco l'Agnello di Dio, ecco Colui che leva i peccati del mondo".



Forte di questa fede in Gesù Cristo, la Chiesa ha il dovere di essere la serva della giustizia e della pace; questo servizio è costitutivo della missione della Chiesa, soprattutto nella nostra Africa oggi.



Una lunga pace negli spiriti sarà necessaria per la ricostruzione di un paese come il Ruanda; ma bisogna osare farla, là come altrove; essa è frutto di dialoghi e di riconciliazioni permanenti; essa richiede un lungo processo di negoziazioni condotte da uomini che siano coscienti degli interessi comuni a tutti i cittadini della loro nazione. Una nazione è prima di tutto un plebiscito di tutti i giorni "di voler vivere insieme", dimenticando le ombre del passato, adoperandosi per evitare la dittatura, sia della maggioranza, sia della minoranza. Quando non è difensiva, la guerra è sempre la devianza e la demenza di un individuo o di un gruppo che provoca la violenza per arrivare al potere, o per rimanervi. "Si crede di battersi per la patria, quando si è spinti dalle differenze. E' stato così già ai tempi della torre di Babele! Occorre che le armi tacciano; allora le orde erranti potranno avere il tempo di riprendersi e di domandarsi da dove è venuta la tempesta; allora delle persone integre percepiranno le loro convinzioni più profonde per il servizio del bene comune, per fare germogliare una "nuova democrazia", culturalmente inserita nella nostra realtà dell'Africa centrale. Che cessi la costrizione delle armi, che cessino le demagogie al livello dei nostri paesi e dei giochi d'influenze internazionali, che emergano dei governi che rispecchino delle scelte, il più coscienti e libere possibili, formulate dalle popolazioni ridivenute serene.



La storia ha delle lezioni da darci. In certi momenti, il perdono e la riconciliazione sembrano impossibili; ma si giunge sempre a constatare che senza essi la vita rimarrà infernale. Tutte le nazioni hanno sentito un giorno o l'altro il bisogno imperativo di amnistia senza la quale avrebbero rinunciato al loro futuro. Senza riconciliazione non esisterebbe più nè Asia, nè questa Europa nella quale i vinti della guerra del 1940 si sono uniti ai vincitori di allora, per festeggiare la pace ritrovata, grazie agli uomini che, durante la conflagrazione della guerra, hanno superato l'avvenimento e elaborato già un piano d'intesa e di collaborazione per la costruzione di una pace più solida grazie all'intrecciarsi di interessi economici e di incontri culturali alla base: così essi hanno impedito che degli individui e delle minoranze al vertice continuassero a sacrificare il loro popolo per soddisfare la loro sete di potere politico.



A guardare gli avvenimenti con un occhio più analitico e più obbiettivo ci si accorge che se, da una parte e dall'altra dei gruppi in conflitto, c'è violenza e vendetta, ci sono delle masse innocenti e tranquille che non sono che le vittime. E' a loro insaputa e contro la loro volontà che per le ambizioni di impadronirsi del potere o di mantenerlo hanno edificato dei piani e dei metodi nefasti per raggiungere i loro scopi: il potere voluto per se stesso a scapito del popolo.



Ci si accorge anche che, nelle etnie in conflitto, vi sono da una parte e dall'altra, delle persone che deplorano questa follia, e che fanno quello che possono per salvare delle vite umane, a rischio di passare per traditori, e a volte di subire la stessa sorte di quelli che hanno aiutato, o cercato di aiutare a salvarsi. In Germania, è stato necessario distinguere un tedesco da un nazista; in Libano, un musulmano da un islamico; in Ruanda, bisognerebbe distinguere un Hutu da un membro delle milizie della morte o della guardia presidenziale che vuole mantenersi, attraverso un genocidio, al potere; distinguere un Tutsi da certi membri del FPR che vogliono impadronirsi del potere con la forza, ed eliminare ogni opposizione. Da tutti e due i lati si è ucciso "per il potere".



I massacri perpetrati dalla guardia presidenziale per vendicare il Presidente hanno provocato l'indignazione di tutte le coscienze cristiane. Ma la rivincita non scherza. L'assassinio premeditato di tre Vescovi e di persone consacrate, avvolto nell'ipocrisia, non è che un segno della radio(?) del FPR? Delle persone provenienti dalle zone del Nord, particolarmente da Ruhengeri, sono state testimoni di massacri per vendetta da parte di militari del FPR che vorrebbero tuttavia presentarsi come un'armata di liberazione. Dei paesani in fuga nel Bugesera, vicino un ponte distrutto sul Nyabarongo, sono stati giustiziati con la mitraglietta. Di questo passo il Rwanda sarà un deserto di popolazione, anche se migliaia di anziani profughi convergono verso Kigali e le zone controllate dal FPR. Le centinaia di migliaia di Rwandesi che si trovano nei campi profughi in Tanzania, in Burundi, nel Sud e nel Nord-Kivu, sollevano un clamore che nessuno può e potrà ignorare.



La forza di interposizione dell'ONU a Kigali non è riuscita a realizzare la sua missione di pace, senza schierarsi. L'operazione Turquoise della Francia aveva mostrato le sue carte partigiane sin dall'inizio; essa ha salvato delle vite umane; ma, accecata dalla sua ideologia di democrazia occidentale, non ha tenuto in considerazione tutti i parametri della situazione; non ha saputo dominare lo sbandamento di centinaia di migliaia di persone ridotte ad una miseria senza nome; essa non sà più come fare un passo avanti o indietro, senza nuovi sacrifici di vite umane. Le nazioni si impietosiscono sulle folli innumerevoli di vittime disperse in tutto il paese dei Grandi Laghi; c'è molta buona volontà; e la logistica degli aiuti umanitari rende omaggio al genio e alla generosità umana per i servizi d'urgenza. Ma chi deve intervenire "per domani"? Chi deve rivelare i disegni segreti di alcuni cervelli ben protetti che hanno suscitato e che continuano a sostenere il "laminatoio dei poveri"? Si dice che occorre l'intervento di una "forza" internazionale per fare rispettare i "diritti di tutti", perchè i dadi sono truccati, tanto in Burundi quanto in Rwanda, anche se le situazioni non possono essere confuse. Quali sono le leve del dialogo e della verità?



I discepoli di Cristo non possono reclamarsi in verità di Cristo se non hanno l'onestà e il coraggio di essere i "servitori di tutti", e di sentirsi solidali a tutti i poveri. Noi siamo interpellati: l'amore si prova con degli atti. Se vi sono dei rifugiati alla nostra porta, dobbiamo sapere creare un clima di compassione dove sbocciano i fiori dell'aiuto reciproco perseverante: dobbiamo sapere accogliere a casa nostra dei fratelli e delle sorelle, senza distinzione di razza o di classe sociale, senza premeditate accuse e disprezzo. Se dei movimenti di rientro verso i paesi d'origine si profilano, noi dobbiamo essere i servitori del vicendevole aiuto, del dialogo, della misericordia e della riconciliazione, a tutti i livelli. Se un nuovo futuro di convivenza nazionale comincia a costruirsi, i discepoli di Cristo hanno il dovere di essere come il lievito nella pasta; non i militanti di parti intolleranti, ma i portatori dello Spirito. E' la comunità della Pentecoste, nella quale noi saremo sempre più ospitali, con Maria, alle forze dell'amore e della vita dello Spirito di Gesù, come a Gerusalemme, che sarà la semenza dei nuovi alberi nei paesi dei Grandi Laghi all'orizzonte dell'anno 2000.



Bukavu, 3 agosto 1994



Christophe MUNZIHIRWA s.j.



Archeveque de Bukavu, Zaire.



http://ospiti.peacelink.it/



Congo: un appello dal Paese martire




Nel cuore dell'Africa si ripete la tragedia dei Grandi Laghi. La violenza ha contagiato il Congo preda degli interessi e della violenza incontrollata delle fazioni e delle milizie. Nel disinteresse (interessato) dei potenti del mondo. Un forte documento dei superiori religiosi cerca di scuotere dall'apatia perché il sacrificio dei congolesi e dei loro pastori non sia vano.




Il Congo-Kinshasa è in stato di guerra dal settembre 1996. Una guerra innescata dal confronto tra il regime di Mobutu e le truppe di Burundi, Rwanda e Uganda, che formavano il nucleo dei ribelli guidati da Kabila. Le province di frontiera del Congo orientale sono quindi sotto occupazione da anni, un'occupazione brutale da parte delle differenti forze militari che ha come vittima soprattutto la popolazione locale, come testimoniano i massacri di interi villaggi (Makobola, Kasika, Mwenga). La Chiesa cattolica è tra i bersagli principali degli occupanti. Oltre alla sistematica distruzione degli edifici religiosi, alle aggressioni, ai pestaggi e al ferimento di preti e religiose, solo nel Kivu meridionale sono stati assassinati l'arcivescovo Christophe Munzihirwa, l'abate Claude Buhendwa, un altro abate e tre religiose durante la strage di Kasika e, più recentemente, l'abate Georges Kakuja. Il messaggio che pubblichiamo, elaborato da religiosi e religiose, e fatto proprio coraggiosamente dai Superiori maggiori del Kivu meridionale, è dunque un vero grido di disperazione. Esso echeggia quello della popolazione che vive e muore nell'indifferenza totale delle grandi potenze e la cui miseria non commuove l'opinione pubblica internazionale. Questo testo è la voce dei senza voce e vuole attirare l'attenzione su una guerra sporca, letale e volontariamente ignorata da tutti. Esso chiede un'azione urgente, perché la situazione peggiora continuamente. L'appello lanciato dall'arcivescovo di Bukavu la notte di Natale non ha bisogno di commento: "Noi ci impegniamo con coraggio, con spirito fermo e con una fede incrollabile a essere a fianco di tutti gli oppressi fino a spargere il nostro sangue, se necessario". Come il predecessore assassinato il 29 ottobre 1996, l'arcivescovo fa appello al coraggio dei fedeli: "Prendiamo coscienza della nostra situazione di asservimento. Accettiamo il rischio del cammino di liberazione sotto la guida dello Spirito". In un tale stato di schiavitù, la missione della Chiesa di Bukavu, concludeva mons. Kataliko, è di "resistere al male sotto ogni forma, denunciare tutto ciò che avvilisce la dignità della persona".





Appello dei religiosi e religiose del sud Kivu ai confratelli e consorelle della Chiesa


Dal 2 agosto 1998 la popolazione congolese è vittima d'una aggressione e d'una oppressione straniera di cui tutti sono a conoscenza. Nonostante l'evidenza dei fatti e la denuncia di crimini d'ogni genere, la volontà politica, diplomatica e finanziaria delle istituzioni internazionali è rallentata da fattori di difficile comprensione. Noi sollecitiamo il vostro intervento presso le istituzioni politiche, diplomatiche e finanziarie del vostro Paese affinché si attivino concretamente per cercare di risolvere la crisi che opprime le popolazioni del Congo e dell'Africa centrale. In particolare perché si impegnino all'applicazione senza ulteriori ritardi degli accordi di Lusaka (Zambia), firmati il 10 luglio e il 31 agosto 1999.


I - Una sintesi degli avvenimenti


Per meglio comprendere i conflitti in corso nell'Africa dei Grandi Laghi, è utile citare il problema etnico tra Tutsi e Hutu, collegato alla gestione del potere in Burundi e Rwanda. Dopo l'indipendenza, l'etnia Tutsi ha preso il potere in Burundi, e gli Hutu in Rwanda. Da allora l'una e l'altra etnia hanno subito sofferenze, esclusione e marginalizzazione da parte dell'etnia al potere. E i Paesi confinanti, tra cui il Congo, sono serviti da rifugio per i rwandesi e burundesi cacciati dalle loro terre. Contrariamente ad altri Paesi che hanno gestito la massa di profughi, il Congo - già al limite della disgregazione - è stato soverchiato da questi problemi. In altri tempi, in Uganda i Tutsi rifugiati avevano sostenuto Museveni nella sua presa di potere con le armi, e avevano beneficiato del suo sostegno per lanciare l'offensiva del 1990 e riprendere il potere in Rwanda. La situazione del momento fu sfruttata con abilità, al punto che persino la guerra contro il regime di Habiyarimana venne presentato all'opinione pubblica come una giusta guerra di liberazione, malgrado gli accordi d'Arusha dove tutti i rwandesi aveva firmato la fine delle ostilità.


La guerra è invece proseguita e l'esasperazione del conflitto, la mancanza di dialogo hanno favorito l'orribile genocidio iniziato con l'assassinio del presidente Habiyarimana il 6 aprile 1994 da parte di responsabili non ancora accertati. Davanti al genocidio, i Tutsi si presentano generalmente come vittime e gli Hutu indiscriminatamente come massacratori. Il Congo, che è stato obbligato a ricevere rifugiati Hutu "per favorire la pace", è visto come protettore dei massacratori. E qui già appare la giustificazione ideologica dell'aggressione al nostro Paese da pare del Rwanda nel 1996.


Dietro questa serie di pretesti, il regime di Kigali nutriva l'idea di ampliare il proprio territorio a scapito del Congo. Non potendo giustificare l'aggressione davanti all'opinione pubblica mondiale, il regime di Kigali ha condotto la guerra contro il Congo utilizzando i Banyamulenge, popolazione Tutsi d'origine rwandese, la cui nazionalità è un problema mai risolto. Da ciò il nome di "ribellione dei Banyamulenge" data alla guerra del 1996. E per legittimare il loro potere sul Congo, i registi della guerra crearono il "personaggio Kabila" e il suo partito, l'Afdl. Il 17 maggio '96 Kinshasa cade e Kabila si autoproclama presidente. Se da un lato la popolazione di frontiera di Rwanda e Burundi si mostra piuttosto ostile a questo nuove regime, al contrario gli abitanti di altre regioni accolgono favorevolmente l'arrivo di Kabila, come una liberazione dalla dittatura di Mobutu. Guerra di liberazione o guerra d'occupazione, dunque? I congolesi si sono ben presto resi conto che gli alleati di Kabila erano invasori, di cui essi stavano diventando ostaggio. Sotto la pressione dell'opinione pubblica nazionale, il nuovo presidente del Congo ha così dovuto cambiare atteggiamento e ha cercato di liberarsi di coloro che l'avevano portato al potere. Il 27 luglio 1998 dava ufficialmente il benservito ai suoi alleati rwandesi e ugandesi. La risposta non si è fatta attendere. Il 2 agosto 1998 ricominciava il ciclo delle violenze: i regimi di Kagame (Rwanda) e Museveni (Uganda) scatenavano un secondo conflitto, di nuovo chiamato "ribellione dei Banyamulenge" che presto si rivelò vittoriosa un po' in tutto il Paese. Dopo qualche settimana si assisteva alla nomina di un nuovo presidente, Wamba dia Wamba e di un nuovo movimento di governo, l'Rcd. Tutto già visto: una ripetizione in peggio della guerra rwandese in Congo, con una rinnovata distruzione degli Hutu e il protettorato del Rwanda sul Congo.


II - I veri obiettivi della guerra


1. La ribellione nella Repubblica democratica del Congo


Per il popolo congolese la ribellione del 1998 è stata un'aggressione partita da Uganda, Rwanda e Burundi col sostegno di alcune potenze straniere. I congolesi che l'hanno sostenuta non sono, agli occhi della gente, che dei paraventi che nascondo a malapena questa aggressione. La popolazione congolese non s'identifica in questa guerra ingiustificabile, e nessun progetto che abbia origine da questa ribellione sarà mai fatto proprio dalla popolazione a meno che non sia il risultato di una concertazione a livello nazionale. 2. La questione dei Banyamulenge


In questo contesto la questione delle nazionalità, che dove risolversi solo col dialogo tra le diverse parti congolesi, non può giustificare una guerra contro la propria "patria". I Banyamulenge sono stati manipolati dai rwandesi per una guerra che non favoriva certo i loro interessi per quanto riguarda la loro nazionalità. Tuttavia, ormai ostaggi di una guerra da essi condotta, pongono un problema per la pacifica coabitazione. Ancora oggi giocano la carta proposta dai rwandesi, quella di una minoranza perseguitata di fronte alle 400 tribù di un Paese in cui non riescono a integrarsi. Questa mentalità di maggioranza opposta alla minoranza non è mai esistita in Congo come comportamento sociale significativo.


3. La protezione unilaterale delle frontiere


Un conflitto di frontiera, che secondo la legislazione internazionale dovrebbe ridursi a un'operazione limitata nel tempo e portata non oltre i 150 chilometri dal confine, si è trasformata in un'aggressione condotta a 2000 dalle basi di partenza, invocando il "diritto di inseguimento". Sacche di guerriglia mantenute attive dentro il territorio congolese per seminare il panico, danno loro il pretesto per continuare l'occupazione. Inoltre, si riconosce all'Uganda e al Rwanda il diritto di proteggere le proprie frontiere, diritto non riconosciuto al Congo. 4. La guerra per "prevenire un altro genocidio"


Chi ha vinto la guerra in Rwanda si è arrogato il diritto di usare il riconoscimento giuridico del genocidio e di servirsene per giustificare tutte le sue azioni attuali, compresa la guerra contro la Repubblica democratica del Congo (Rdc). Di conseguenza, tutti quelli che non la pensano come loro sono assimilati ai "massacratori". Attualmente il popolo congolese, per la sua ospitalità verso tutte la fazioni rwandesi, paga il prezzo di questa ideologia. 5. Il doppio genocidio


Nessuno può giustificare il genocidio che ha avuto luogo in Rwanda nel 1994. Così pure quel genocidio non può fare dimenticare il massacro dei profughi rwandesi sul territorio congolese iniziato dopo la guerra del 1996 (cfr. L'Osservatore Romano, n. 21, 25 maggio 1999:"Genocidio rwandese: ultimo atto"). Malgrado tutti i documenti disponibili su questo argomento, l'opinione pubblica continua a considerare genocidio solo quello del 1994.


6. Kabila presidente


L'attuale (1999) presidente della Rdc, Laurent Désiré Kabila non è frutto della volontà del popolo, ma è stato imposto con la guerra che Rwanda, Uganda e Burundi hanno condotto contro il Congo. Quando ha voluto prendere le distanze dai suoi maestri, manifestando un certo nazionalismo, è stato trattato da dittatore e massacratore. E, di conseguenza, è stato oggetto della "ribellione" del 1998. Se oggi il popolo gli manifesta una certa simpatia non è per le sue doti personali ma per la funzione che incarna in una situazione d'invasione. 7. Il ruolo del Burundi


Il Burundi non è un firmatario degli accordi di Lusaka sulla sospensione delle ostilità in Rdc. Questo gli dà la possibilità di agire in Congo senza violare il cessate-il-fuoco. In realtà resta assai attivo nella guerra. Tuttavia i suoi dirigenti continuano a negare ogni presenza in Congo e la comunità internazionale, stranamente, accetta questa menzogna. Perché una tale ipocrisia che, contrariamente a quanto stabilito a Lusaka, consente a Rwanda e Uganda di utilizzare il Burundi per rafforzare le proprie posizioni nel sudest del Congo? 8. L'integrità territoriale


Il popolo congolese ha mostrato un profondo attaccamento all'unità, alla sovranità e all'integrità territoriale del nostro Paese. La guerra non ha fatto che rafforzare questo sentimento legittimo. I congolesi restano profondamente ostili a ogni progetto di divisione e balcanizzazione del Paese come vorrebbero gli aggressori e le loro milizie col pretesto di renderlo più facilmente governabile. Così il popolo congolese vede nel gemellaggio della provincia del Kivu meridionale con Kigali il primo passo verso un'annessione pura e semplice di questa provincia congolese al Rwanda. Un passo a cui il popolo s'oppone con convinzione. 9. Il saccheggio del nostro Paese


Se allo scoppio della guerra la sua motivazione ufficiale era quella di rovesciare la dittatura di Kabila al fine di promuovere il buon governo, la democrazia e la prosperità del popolo, in realtà si sta assistendo al saccheggio sistematico del Paese a beneficio dei Paesi aggressori, incoraggiati dall'inattività della comunità internazionale e dall'impunità di cui godono i loro capi. Essi amministrano i territori occupati come fossero colonie e impongono tasse agli agricoltori e agli operatori economici, togliendo i dazi alle importazioni di loro prodotti in Rpc. In questo modo stanno preparando la morte per asfissia di tutti i settori produttivi locali. 10. Violazioni dei diritti umani.


Nessun diritto è garantito nei territori occupati, nemmeno quello alla vita. Senza alcun controllo internazionale, gli aggressori massacrano liberamente la popolazione civile come rappresagli alle sconfitte militari. Questi massacri non sono mai stati condannati e i loro autori non sono mai stati puniti. Nelle città si assiste egualmente a numerose violazioni dei diritti umani: rapimenti, arresti arbitrari, stupri, estorsioni, omicidi. La libertà di stampa è limitata, come pure quella d'espressione, di riunione e di manifestazione. Limitate sono pure la libertà di circolazione dei beni e delle persone.


11. Finanza internazionale


Malgrado che Uganda e Rwanda abbiano ammesso il loro coinvolgimento nel conflitto in Rdc, le istituzioni finanziarie internazionali hanno rinnovato un prestito a lungo termine al primo Paese e finanziato il deficit di bilancio del secondo. Ciò dà l'impressione che questi due Paesi stiano conducendo una guerra giusta in Congo, mentre lo Zimbabwe, chiamato dal Congo in suo aiuto si è visto sospendere gli aiuti economici dalle stesse istituzioni.


12. L'attacco alla Chiesa cattolica


Nella dichiarazione del 1° maggio 1999 in occasione dell'arresto di mons. Augustin Misago, vescovo di Gikongoro in Rwanda, mons. Emmanuel Kataliko, arcivescovo di Bukavu deplorava l'attacco alla Chiesa cattolica in questi termini: "[...] quattro vescovi rwandesi e uno burundese sono stati assassinati, insieme a numerosi ecclesiastici. Il mio predecessore, mons. Cristophe Munzihirwa, molti preti, religiosi e religiose di Bukavu, Uvira e di Goma sono stati assassinati a sangue freddo. Noi abbiamo la sensazione che, al di là di fatti isolati attribuiti a l'uno o all'altro, a ragione o a torto, ci si trovi di fronte a una strategia che mira a distruggere tutto che è considerato sacro dalla gente. Una volta distrutto il nucleo attorno al quale si costruisce l'identità comunitaria dei congolesi sarebbe più facile sottomettere le popolazioni ormai inermi davanti a una ideologia o un sistema totalitario che vuole imporsi a ogni costo. In questo quadro la Chiesa cattolica, come il potere tradizionale, diventano bersaglio privilegiato di un regime che vorrebbe fare tabula rasa dei valori cristiani e tradizionali".


13. Gli accordi di Lusaka


L'accordo per il cessate-il-fuoco firmato a Lusaka è il frutto di negoziati interetinici a cui sono stati associate le fazioni contrarie a Kabila. Esso è stato sancito dalla comunità internazionale attraverso l'Onu, l'Organizzazione per l'unità africana (Oua), che si sono fatti garanti della sua applicazione. Infine è stato adottato dal Consiglio di sicurezza dell'Onu. Nonostante la fragilità dell'accordo (ad esempio non prevede alcuna sanzione per eventuali violazioni) esso rappresenta una base di speranza per la pace nel nostro Paese, dovrebbe essere attuato e le sue violazioni - finora numerose - dovrebbero essere denunciate e punite.


Conclusione In questa guerra il popolo congolese ha sperimentato un'incredibile oppressione. Viene trattato dai suoi aggressori e dai loro alleati come un "buco nero" nel diritto internazionale. In tutte le iniziative ufficiali gli interessi dei congolesi sono marginali. La popolazione è ignorata, umiliata e - troppo spesso - violentata, impoverita e sacrificata sull'altare del "Rinascimento africano". Questo nuovo ordine dovrebbe invece essere fondato sul rispetto dei diritti umani, sul buon governo, sulla democrazia e sulla prosperità per il popolo. I congolesi vogliono solo la pace, ed è per contribuire alla costruzione di questa pace che noi sollecitiamo il vostro intervento. Ci rivolgiamo a voi per amplificare la nostra voce e premere su coloro che tirano le fila dei conflitti nella regione dei Grandi Laghi. La situazione che noi stiamo vivendo è un'ingiustizia palese, per la quale occorre muoversi.


Il Giubileo dell'anno 2000 offre l'occasione di essere concretamente solidali col popolo congolese e contribuire a liberarlo dal giogo dell'oppressione, perché ciascuno si riappropri dei propri diritti, della propria terra e dei propri beni. In breve, perché ciascuno recuperi la dignità dell'uomo salvato dal Signore. Questa azione permetterà certamente di rendere giustizia alle popolazioni del Congo e di evitare la nuova catastrofe umanitaria che si profila all'orizzonte nella regione. I Superiori maggiori del sud Kivu


Bukavu, 29 Ottobre 1999, terzo anniversario dell'assassinio di mons. C. Munzihirwa




La profezia di Munzihirwa


Il 29 ottobre , i cittadini congolesi hanno votato per il nuovo presidente. In attesa dei risultati, tra i protagonisti della transizione, il vescovo di Bukavu – assassinato il 29 ottobre 1996 – che si è battuto per la pace, i diritti umani, la democrazia. Così lo ricorda la Rete pace per ilCongo


Il 29 ottobre prossimo (2006), la chiesa d'Africa e della RD Congo in generale e l'arcidiocesi di Bukavu in particolare, celebrano il decimo anniversario dell'assassinio di Mons. Christophe Munzihirwa S.J. Saggio in mezzo ai saggi, giovane in mezzo ai giovane, povero in mezzo ai poveri, mons. Munzihirwa ha lasciato un segno nei suoi compatrioti con la potenza di una semplicità di vita e un distacco reale dai beni di questo mondo. Ha sofferto vedendo la miopia dei suoi compatrioti che non sapevano leggere e interpretare i segni dei tempi. Per due anni, cioè nel 1995-1996, quest’uomo, con numerose prese di posizione coraggiose, propose un cammino di pace per la regione dei Grandi Laghi. Attirò l’attenzione del mondo intero sulla tragedia in corso causata dallo sbarco disordinato dei rifugiati all’Est del Paese già sovrappopolato. Egli proponeva una soluzione degna e conforme al diritto internazionale. Egli ha condotto la sua battaglia in una coerenza assoluta con le sue convinzioni evangeliche. Era come un poeta: gli occhi qui, la testa e il pensiero altrove. Dieci anni dopo il suo assassinio, si è compreso finalmente che era un profeta.


Di fronte ad una certa polarizzazione attuale sul campo politico, Mons. Munzihirwa ci ha tramandato un'eredità che vale la pena ricordare alla vigilia di queste elezioni del secondo turno: "Vedere tutte le etnie dell'area dei Grandi Laghi convivere come fratelli e sorelle ed arricchirsi vicendevolmente con le loro differenze mediante un dialogo costante…. bisogna gestire le diversità invece di distruggerle, per fondare una società basata essenzialmente su una competizione pacifica e costruttiva invece della competizione distruttiva e bellicosa".


Egli affermava che sulle strade della democrazia, ritroviamo sempre i valori inalienabili della libertà e dell'uguaglianza. La libertà è un elemento fondamentale della natura umana. Confiscarla o negarla per un qualche interesse qualunque esso sia, è disumano. È un elemento atemporale ed incondizionato… "La vera democrazia consiste nell'andare verso una maggiore libertà e verso una maggiore uguaglianza mediante la libertà".


Ancor più, la democrazia rappresentativa come organizzazione di uno Stato moderno, parte dal principio che la sovranità risiede nel popolo che possiede radicalmente tutti i poteri. Il popolo si dà egli stesso delle leggi e sceglie le sue autorità mediante un processo di voto e di elezioni. Così i detentori concreti dei diversi poteri li esercitano per una delegazione del popolo al quale devono rendere conto, poiché il potere sovrano non cessa di rimanere in lui… Un regime democratico è una scuola di pazienza e di ascolto reciproco"…


Impotente davanti alla tragedia congolese, vedeva che la violazione dei diritti dell'uomo fa che il nostro continente sia diventato il continente dei profughi ". Ma malgrado l'angoscia e le sofferenze, il cristiano che è perseguitato a causa della giustizia trova la pace spirituale nel suo assenso profondo e totale a Dio, in accordo con la vocazione che lo condurrà forse alla morte, ma col desiderio e la speranza che i suoi nemici si convertiranno un giorno all'amore di tutti gli uomini"!


Uomo di una grande esperienza, constatò che appena arrivati al potere, i capi africani si affrettano a sopprimere le leggi costituzionali che permettono la pluralità di opinioni, affermando che i loro compatrioti non sono stati preparati alla democrazia, che la pluralità dei partiti divide ed accentua le differenze etniche, che la lotta delle classi non esiste in Africa…. Lo stato partito impone una pace da cimitero, disorganizzando le forze vive della nazione, perpetuando una situazione di mano d'opera a buon mercato, affinché lo sfruttamento economico possa continuare indiscutibilmente. Il sistema così consolidato coniuga contemporaneamente e paradossalmente gli interessi dei capi autoctoni e quelli delle multinazionali ". Per questi dirigenti la pace è confusa spesso con un'unanimità o una tranquillità imposta con la forza, assicurando il mantenimento al potere di un piccolo gruppo di uomini a scapito dell' intera popolazione. In tali situazioni, è impossibile ai cittadini partecipare alla vita pubblica o rendere operante la forza della loro opinione collettiva e dunque tendono a disimpegnarsi e a disinteressarsi. (Lineamenta della II° Assemblea speciale per l'Africa, DC, 2365, 2006, p. 836. )


Di fronte al pericolo di balkanizzazione del Paese durante le due guerre di aggressione ed anche durante il periodo della transizione, il pensiero di Monsignor Munzihirwa sulla Nazione ha aiutato certamente il popolo congolese a difendere l'unità del Paese e l'intangibilità delle sue frontiere. Secondo Munzihirwa, la nazione è, infatti, una comunità umana materialmente integrata, con un potere centrale stabile e permanente, con delle frontiere territoriali determinate e con una unità morale, mentale e culturale dei suoi abitanti che aderiscono consapevolmente allo Stato e alle sue leggi.


Il 29 ottobre prossimo, tutti i congolesi maggiorenni in età si recheranno a votare per il secondo turno delle elezioni presidenziali e per le elezioni dei deputati provinciali – e sul ballottaggio vi invitiamo ad ascoltare l’intervista che FATMO ha realizzato al redattore di NigriziaRaffaello Zordan -. Questi ultimi eleggeranno, a loro volta, il governatore ed il vice-governatore e designeranno i senatori a livello nazionale… Occorrono degli uomini all'altezza della loro missione dunque. Che il sovrano primario, il popolo, lo sappia: un solo voto può condurre il paese a buon porto o alla deriva. Per cui grande è la responsabilità della scelta dell'elettore. Occorre che il voto secondo la propria opinione, il solo che sia un'espressione libera, sostituisca il voto automatico, il voto etnico, il voto fanatico, il voto identitario.


Monsignor Munzihirwa ci accompagnerà la domenica 29 ottobre, in cui finalmente il popolo sovrano si sceglierà lui stesso i suoi dirigenti e si avvererà la sua profezia. Diceva che questo paese ci appartiene e che non dobbiamo fuggirlo. Il 29 ottobre prossimo, il popolo se ne approprierà democraticamente. Ormai grazie al sistema dell'alternanza politica, il potere non si otterrà più con la forza, le guerre fratricide, le alleanze o i negoziati senza il mandato del popolo. Sì, "l'istituzione di una vera democrazia che assicura la sicurezza dei beni e delle persone è una condizione indispensabile per lo sviluppo dei paesi africani". (Lineamenta della IIª Assemblea speciale per l'Africa, DC, 2365, 2006, p. 836).


Nel decimo anniversario dell’assassinio di mons. Christophe Munzihirwa, la popolazione di Bukavu, sua diocesi, della Rep. Dem. del Congo e di tutta l’Africa a diritto di conoscere l’autore e l’arma del crimine. Per la Provincia del Kivu, la Società Civile chiede a coloro che saranno eletti il 29 ottobre prossimo di rendere onore alla persona di mons. Munzihirwa. Che si allontanino da ogni disonestà e soprattutto che rinuncino a tutte le manipolazioni identitarie che seminano la morte fra i cittadini. Che organizzino funerali degni per le diverse migliaia di persone che giacciono fino ad oggi in fosse comuni, soprattutto all’est del Paese. Dieci anni dopo, risuona alto e forte il grido del card. Joseph Tomko, inviato speciale del Papa Giovanni Paolo II° in Burundi il 26 settembre 1996, per rendere omaggio a mons. Joachim Ruhuna(anch’egli assassinato, ndt): «Guai a coloro che pensano di stabilire il loro trono sulle tombe»”.


Domenica, dopo il primo turno dello scorso 30 luglio, che ha visto un'affluenza elevatissima, a monitorare le elezioni e garantire credibilità a livello internazionale, nel paese saranno dispiegati un migliaio di osservatori internazionali, che vigileranno sul corretto svolgimento delle votazioni. Tra di loro, un gruppo di volontari italiani che ha risposto all'appello dell'associazione “Beati i costruttori di Pace ”.


Si tratta dell'unico gruppo di osservatori internazionali partito dall'Italia, e l'unico formato da volontari che hanno autofinanziato il loro viaggio. Sono 35 persone, di età compresa tra i 24 e i 63 anni, provenienti da ogni parte d’Italia. E come per la prima tornata di voto il loro compito sarà quello di ‘vigilare’ affinché il voto si svolga nel migliore dei modi e soprattutto nel più corretto dei modi – Nigrizia.it aveva seguito la missione del 30 luglio scorso con vari articoli tra cui un’ intervista a don Albino Bizzotto presidente dei Beati Costruttori di Pace


fonte:www.nigrizia.it


Un uomo amante della verità


Contro tutte le ipocrisie, Munzihirwa ha sempre parlato chiaro e forte. Ha tempestato di lettere i responsabili degli organismi internazionali: Butros Ghali, la signora Ogata, il presidente Mitterrand, il card. Daneels (Pax Christi), dicendo sempre quello che pensava, riferendo quello che vedeva stando sul posto. Non ha mai sprecato parole. Il suo parlare e il suo scrivere erano scarni, diretti:


" Cristiani, anche se non riusciamo a impedire le violenze, dobbiamo comunque disapprovarle, sempre. Bisogna saper dire no, un no totale. Anche se non riusciamo a sciogliere i nodi gordiani dell'ipocrisia, dobbiamo comunque denunciarli, sempre. Bisogna saper dire no, un no altrettanto totale (Bukavu, 3 agosto 1994). "Sento che si vogliono rimpatriare di forza i rifugiati, o almeno che si forza l'UNHCR a non assisterli per obbligarli a rientrare. Un simile atto sarebbe un crimine contro l'umanità se non ci si impegna a stabilire la pace vera e la sicurezza ai rifugiati che accettano di rientrare. L'azione dell'Hcr è caratterizzata da un'inefficienza palese, dovuta alla disorganizzazione e, forse, alla cattiva volontà di alcuni suoi operatori" (al Segretario dell'Onu, 24 luglio 1994). Ha denunciato le macchinazioni delle potenze occidentali e le ambizioni dei capi di stato, in particolare di Uganda e Ruanda, sulla regione, il disinteresse per le persone. Purtroppo i fatti del 1996 e quelli attuali confermano la lucidità della sua analisi. La prima causa di quanto sta accadendo è la menzogna, dichiarava. Quanto ha detto e scritto non deve perdersi, servirà per capire e scrivere la storia del paese e della regione.


Fino alla fine


Il non cercare nulla per sé, il fatto di avere solo due camicie da difendere, oltre alla verità, ha fatto sì che mons. Christophe Munzihirwa si trovasse al suo posto il momento giusto. A certi appuntamenti con il martirio, non importa se religioso o laico, ci si arriva solo dopo un lungo esercizio e un'abitudine alla coerenza. Esistono tante vie d'uscita, tante scuse per essere sempre altrove, magari per un bene superiore, se uno vuole. Commentando con amici e confratelli le ultime lettere scritte al suo popolo e alla Radio Vaticana ci siamo detti: Christophe sta firmando la sua condanna a morte. Una persona mi ha riferito che alcuni giorni prima della sua uccisione l'aveva consigliato a rifugiarsi in un luogo più sicuro. Ha rifiutato. Nel vuoto di potere, creatosi a Bukavu, Munzihirwa era diventato un riferimento anche per la società civile, oltre che per la chiesa. Uno dei suoi ultimi appelli reca, infatti, la firma: Christophe Munzihirwa, moderatore del Movimento per la difesa del Kivu.


La vita e la morte di mons. Munzihirwa realizzano in pieno il concetto di missione: l'amore per la gente, il culto della verità, nel Dio dell'amore e della verità, fino alla morte.


ALCUNI BRANI DI LETTERE DEL VESCOVO CHRISTOPHE MUNZIHIRWA


Sappiamo che i media occidentali diffondono sul dramma rwandese un'informazione partigiana e che discredita i rifugiati (28 aprile 1995). Nelle etnie in conflitto, ci sono da entrambe le parti persone che deplorano questa follia, che fanno quello che possono per salvare delle vite umane, anche a rischio di farsi passare per traditori e a volte subire la sorte di coloro che aiutano a salvarsi (3 agosto 1994). Bisognerebbe distinguere un hutu da un membro delle milizie della morte e della guardia presidenziale che vuole mantenersi al potere attraverso il genocidio; distinguere un tutsi da certi membri dell'FPR che vogliono impadronirsi del potere con la forza e eliminare ogni opposizione (3 agosto 1994). I veri autori del genocidio dormono in pace mentre ci si accanisce su coloro che sono stati manipolati e su quelli che sono solo delle vittime. La loro giustizia si accontenta semplicemente di fare il gioco di coloro che vogliono mantenere l'idea che tutti gli hutu sono degli assassini (24 agosto 1995).


Si vuole stabilire la pace del cimitero (3 agosto 1994). All'inizio siamo stati scioccati dal "genocidio" dei tutsi, ma oggi il mondo sembra tacere sul "genocidio" degli hutu. Sembra che si sia d'accordo che una minoranza armata, per mantenersi al potere, stermini una maggioranza non armata. Che logica! (28 aprile 1995).


Mi sembra indispensabile che gli organismi d'aiuto usino di tutta la loro influenza per esigere dal nuovo governo di Kigali, una soluzione politica negoziata che garantisca a tutti la giustizia e la pace (19 settembre 1994). Non c'è altra soluzione pacifica a questo dramma che quella di un incontro di tutti i ruandesi in vista di una soluzione politica negoziata ed equilibrata. Molto lavoro e contatti personali permettevano, nel novembre scorso, di sperare questo incontro. Questa speranza è stata distrutta da un aiuto finanziario di certi paesi occidentali al governo di Kigali. Bisogna interrogarsi sull'aiuto dato a una minoranza che ha conquistato il potere con le armi. Si aiuta il Rwanda ma si dimenticano i rwandesi che marciscono nei campi, in grande avvilimento morale e senza avvenire....Lasciare deperire in Zaire due milioni di Rwandesi è pure un crimine contro l'umanità (16 gennaio 1995).


La soluzione di questo problema sarà solo politica. Da qui l'appello che faccio a una riflessione politica sulla situazione del Rwanda. Mi permetto di esprimere le seguenti raccomandazioni:



impegnare un dialogo tra rappresentanti dei rifugiati rwandesi e del potere di Kigali;


assicurare nei campi un rifornimento regolare e sufficiente;


trovare una soluzione accettabile per l'esercito rwandese in esilio;


mettere fine al commercio delle armi che arrivano nella regione;


colpire con mandato d'arresto i vari colpevoli dei genocidi e della purificazione etnica e giudicarli;


mettere fine alla politica degli arresti arbitrari, delle disparizioni, degli assassini e dello spopolamento;


incoraggiare, infine, i negoziati politici e il rispetto dello spirito di Arusha (15 maggio 1995).


Ci si chiede, non senza ragione, se non esista un disegno ben studiato e nascosto da qualche parte in studi oscuri (3 agosto 1994). Bisogna notare i legami che uniscono i poteri politici del Rwanda, Burundi e Uganda, come pure la reale collaborazione tra gli eserciti di questi tre paesi nelle sevizie subite dai rifugiati (15 maggio 1995). In Burundi dall'ottobre '93, grazie a pseudo inchieste, non si sa ancora chi è stato il cervello dell'assassinio del Presidente Ndadaye; il piano è stato messo in esecuzione dai militari, ma chi l'ha pensato, chi ha dato gli ordini, chi ha pagato l'azione, chi ha confuso le piste delle inchieste e per quali interessi? (3 agosto 1994).


Lo Status quo attuale, sottoscritto dagli stati, non potrà che portare, prima o poi, a una guerra ancor più sanguinosa (28 aprile 1995). Mi sembra che questa soluzione (il rientro dei profughi entro la fine dell'anno) rischi di non essere che un impasse che trascinerà la regione dei Grandi Laghi nella guerra (6 ottobre 1995).


Bologna, 14 settembre 1998 Rielaborazione di un testo di R.B. Da www.peacelink.it, leggi anche: Le Nazioni vogliono servirsi dell'Africa dei Grandi Laghi?"


Caro diario - Scrivono i volontari...


Speranze da Bukavu


Siamo ritornati in Africa, a Bukavu. Quanto lo abbiamo desiderato! Ogniqualvolta ci giungevano notizie di soprusi, saccheggi e devastazioni, avremmo voluto essere al fianco delle tante persone che, negli anni del progetto del Mulume Munene, con noi avevano condiviso pesanti fatiche, ma anche grandi speranze per un futuro migliore che sembrava, almeno per loro, ormai prossimo. Avremmo voluto essere presenti per rincuorare gli oltre duemila piccoli allevatori che nella Coopem (Cooperative petits éleveurs Mulume) avevano trovato lo strumento per assicurare alle proprie famiglie la vittoria sulla fame.


Siamo giunti a Bukavu a metà giugno: di tutto quello che era stato realizzato negli anni '88-'94 non è rimasto nulla... Gli eserciti e le bande che si sono susseguiti e che tuttora si spostano nella zona, hanno fatto piazza pulita. Il governo è assolutamente assente: strade impraticabili, scuole che funzionano solamente se i genitori provvedono allo stipendio degli insegnanti, assistenza sanitaria nulla. Da tre anni il Congo vive questa situazione: la guerra o guerriglia ormai endemica si alimenta da sé con i proventi della vendita delle preziose materie prime, anzitutto il coltan, di cui il Congo ampiamente dispone.


Esiste, a questo proposito, un rapporto consegnato il 16 aprile 2001 a New York, frutto di un'inchiesta condotta da cinque esperti, su mandato dell'Onu. Secondo il rapporto, dal saccheggio si è passati allo sfruttamento sistematico delle ricchezze congolesi, assicurando in tal modo il mantenimento dei comandanti militari e delle varie armate più o meno liberatrici sia del Congo sia dei paesi confinanti, Rwanda, Burundi e Uganda, ormai stabilizzatesi anche al di qua delle frontiere. Ovviamente non mancano intrecci con privati africani e occidentali e trasferimento di ricchezze immense, talvolta persino di intere industrie, all'estero.


In questa situazione la popolazione è veramente vittima: le ricchezze del paese anziché permettere sviluppo e benessere creano insicurezza, conflitto, morte (le uccisioni sono oltreché frequenti, spesso inspiegabili). L'attività nei campi è bloccata. Tutto sembra irrimediabilmente perduto. In questo clima di desolazione scopriamo inaspettatamente qualcosa di positivo che ci sorprende: la gente, quella gente africana che spesso abbiamo giudicato troppo rassegnata e sfiduciata è qui, viva e presente, soprattutto la componente femminile, e dice "basta". Lo grida con i mezzi che ha, non escluso il silenzio, com'è avvenuto durante il sequestro del vescovo, nell'iniziativa "la ville morte". Lo ha gridato con infinita riconoscenza agli organizzatori e partecipanti alla manifestazione "Anch'io a Bukavu". Lo abbiamo colto persino nella pagina di un umile giornalino distribuito fra le mamme del gruppo Muzire Bwacire: "sentiamo in noi una forza che ci rende capaci di continuare a lottare perché la vita prosperi, perché i nostri figli crescano bene. Sì, noi non siamo più le stesse". In questi anni bui, la chiesa congolese è rimasta accanto alla gente, pagando il generoso e costante impegno con il sacrificio di molti suoi figli, primo fra tutti il vescovo Christophe Munzihirwa assassinato davanti alla cattedrale di Bukavu il 30 ottobre '96.


Periodicamente la Conferenza episcopale ha lanciato messaggi di incoraggiamento e di invito alla pace, non nascondendo la riprovazione per taluni comportamenti. Anche di recente, in occasione dell'ingresso nella diocesi di Bukavu del nuovo vescovo Charles Mbogha, il cardinale Frédéric Etsou, presidente della Conferenza episcopale congolese, ha pronunciato un discorso fortissimo, condannando apertamente quanto avviene in Congo, complici le autorità, e indicando i nuovi comportamenti che devono essere assunti dai responsabili per assicurare l'integrità del territorio nazionale e la salvaguardia dei diritti della persona. Alla popolazione, il cardinale ha voluto esprimere la sua gioia nel constatare che "nonostante le tristissime condizioni in cui vive, essa mantiene viva la speranza".


Perché questa speranza che ha avuto una gestazione tanto difficile possa rafforzarsi e concretizzarsi, siamo partiti da Bukavu convinti una volta di più che l'impegno da parte nostra deve continuare, nonostante le vicende umane sembrino demolire quanto si va faticosamente costruendo.


Franca e Dante Fugazza volontari Mlfm Bukavu (Congo), giugno 2001


BUKAVU: IL GRIDO DEL MARTIRE


Il 29 ottobre 1996, mons. Christophe Munzihirwa, arcivescovo di Bukavu, in Congo RD, veniva assassinato, per mano di alcuni miliziani rwandesi. E’ ritenuto il Romero dell’Africa, per le tre caratteristiche che contraddistinguono i due martiri: la profezia, la fraternità, il martirio. A sette anni dalla morte, risuona ancora più forte il suo messaggio alle chiese e all’intera umanità. Ecco uno stralcio:


“Per la ricostruzione del Paese sarà necessaria una lunga pace degli spiriti: essa è frutto di dialogo e riconciliazione permanente e richiede un lungo processo di negoziazioni, condotte da uomini coscienti degli interessi comuni. Una nazione è prima di tutto un accordo di ogni giorno di voler vivere insieme, dimenticando le ombre del passato, adoperandosi per evitare la dittatura, sia della maggioranza che della minoranza. La guerra è sempre la demenza di un individuo o di un gruppo che provoca la violenza per arrivare al potere o per rimanervi.Occorre che le armi tacciano; allora chi ha perso la testa potrà avere il tempo di riprendersi e le persone sane percepiranno le loro convinzioni più profonde per il servizio del bene comune, per fare germogliare una nuova democrazia, culturalmente inserita nella nostra realtà dell’Africa centrale. Devono cessare le demagogie nei nostri paesi e i giochi d’influenza internazionali ed emergere dei governi che rispecchino delle scelte il più possibile coscienti e libere, formulate da popolazioni ridivenute serene. "La storia ha delle lezioni da darci: in certi momenti il perdono e la riconciliazione sembrano impossibili, ma si giunge sempre a constatare che senza di essi la vita rimane infernale. In realtà, ci sono delle cose che non si possono vedere come conviene, se non con occhi che hanno pianto. Che il Signore asciughi le nostre lacrime con il dono della pace”.


http://www.saveriani.bs.it/ NOTE:


1. - Il Kivu est una delle nove Province storiche della RDC. La città di Bukavu ne è stata sempre il capoluogo. Nel passato il Kivu era una provincia unica; con il regime di Mobutu è stata divisa in tre province: il Nord Kivu ( con capoluogo Goma), il Sud Kivu (con capoluogo Bukavu) e il Maniera (con capoluogo Kindu).





2 - IL Kivu nelle sue frontiere storiche al fine di comprendere sempre di più il ruolo socio politico che tutta questa regione gioca con la Repubblica del Rwanda:


Il Rwanda col pretesto di combattere i genocidari del 1994 rifugiatosi in Congo e con la complicità di forze congolesi e straniere vorrebbe potersene impossessare. In verità altri motivi egemonici di tipo politico e finanziario si nascondono dietro quelli detti ufficialmente.


Il Kivu è limitato: al Nord dalla Provincia dell’Alto Congo, al Sud dalle Province del Katanga e del Kasai Orientale, all’Owest dall’Alto Congo e del Kasai Orientale, all’est dal Rwanda, il Burundi e la Tanzania.


La popolazione del Kivu è stimata a 9.898.200 abitanti, cioè il 18,33% della popolazione globale della repubblica Democratica del Congo. Il Kivu è la regione più popolata di tutto il paese; è anche quella che ha più densità con i suoi 23,3 abitanti per Km2 contro i 4,5 abitanti al Km2, la media per l’insieme del paese._


3 - Nel 2002, il 68% della popolazione del Kivu aveva meno di 30 anni. Ed il tasso annuale di crescita era al di sopra del 4%. Il Kivu ha molte potenzialità economiche, date soprattutto dalla sua posizione geografica e da un clima eccezionale e benefico.: vi si praticano culture alimentari (banane, fagioli, manioco, mais, sorgo, patate, legumi, riso, tubercoli di tutte le specie, frutta, ecc…) , cultura per l’esportazione (caffé, thé, chinina... ) , l’allevamento di bovini, d’ovini, del pollame e la pesca nei laghi vicini . Il Kivu dispone anche d'importanti risorse minerarie e di gas metano . Il Nord e il Sud Kivu sono Province molto montagnose : la loro altitudine varia tra 350 m e 2.500 m ;


4. - "Mons Munzihirwa si era formato in Rwanda e conosceva molto bene l'ambiente ruandese. Era tra le poche persone che all'Est parlano la lingua del luogo, perchè ha vissuto a lungo nella provincia orientale dell'Africa Centrale. Aveva una visione globale dei problemi della Regione dei Grandi Laghi. Da tempo si era reso conto che le potenze occidentali anzicchè favorire la riconciliazione e una equilibrata redistribuzione del potere tra i due popoli, giocano ad appoggiare di volta in volta i diversi gruppi etnici a seconda delle esigenze del momento e ha denunciato questa politica che mira unicamente al controllo dell'Africa Centrale. Si è così trovato ad avere numerosi nemici tra i Tutsi che ritenevano la sua attività a favore della riconciliazione e della pace una minaccia. Gli Hutu invece non gli perdonavano la denuncia, forte e chiara, del genocidio del 1994 e di chi l'aveva materialmente eseguito. Ha avuto conflitti e dissapori con gli americani che hanno più volte mandato il loro ambasciatore per trovare punti di accordo. Mons.Munzihirwa era l'unico a criticare l'ambasciatore americano. Si era collocato al centro dei conflitti ed era probabile che un giorno o l'altro avrebbe pagato con il martirio il suo appello per la pace, quella vera." in Balcani d'Africa in Narco Mafie dicembre 1996; 5. - la città di Bukavu è a 1.550 m. d’altezza. Bukavu è la capitale della provincia amministrativa del Sud-Kivu. La città é situata sui bordi del lago Kivu, é costruita su cinque piccole penisole (la più conosciuta quella chiamata “la botte”) addossate alle montagne alte di più di 2000 metri.. La città è à 207 km da Goma, 128 km d’Uvira, 538 km da Kalemie, 145 km da Bujumbura ( Burundi), 300 km da Kigali (Rwanda) e 956 km da Kinsangani.


6. - La popolazione del Kivu è composta da diverse tribù, che vivono in perfetta intesa ed armonia. Accanto alle lingue di ogni tribù, la popolazione parla « Swahili » divenuta lingua regionale e il francese. Ma la maggior parte delle scuole secondarie e superiori adottano anche l’Inglese come seconda lingua. Il Kivu dispone di un grande numero di scuole secondarie, concentrate, in grand parte, nella città di Bukavu. Le scuole superiori più conosciute sono l’Università Cattolica di Bukavu (UCB), l’Università del Graben a Butembo (UGB), l’Istituto Superiore di Pedagogia di Bukavu (ISP), l’Istituto Superiore per lo Sviluppo Rurale di Bukavu (ISDR) e l’Istituto Superiore di tenniche medicali di Bukavu (ISTM). L’Istituto Superiore Pedagogico di Bukavu è stato fondato e costruito dai Saveriani e attualmente è frequentato da circa 3.000 studenti provenienti da tutto il Congo.


7. - La grande maggioranza della popolazione del Kivu si dice cristiana, principalmente cattolica. L' animismo é abbastanza diffuso. I Mussulmani, molto presenti nel Maniera e nel Sud Kivu sono quasi inesistenti nel Nord Kivu.


8. - Sul piano socio-politico il Kivu vive dal 1994 la sua pagina più nera della sua storia, fatta di afflusso massiccio di rifugiati ruandesi, di guerre, di saccheggi, di violenze. Un immenso fardello di morti, stimato a circa 4 milioni morte a causa di queste guerre dette di liberazione. Tra i morti ricordo i due Vescovi : Monsignor Cristoforo Munzihirwa e Monsignor Emanuele Kataliko, i numerosissimi preti, religiosi e religiose, e i tantissimi laici. La città di Bukavu è la città martire della resistenza ed è quella cha saputo lottare contro tutte le mire egemoniche del Rwanda. Creduta asfissiata ancora una volta dagli avvenimenti del maggio/giugno 2004, la città si è ancora messa in piedi, grazie soprattutto all’azione della Chiesa Cattolica e della sua Radio “Maria Malkia wa Amani (Regina della Pace), che senza orpelli né finzioni ha saputo denunciare alla nazione e all’opinione internazionale i progetti destabilizzanti del Rwanda. La Chiesa Cattolica e la sua Radio furono tacciate dai Ruandesi/Banyamulenge come “predicatori di odio” e “fomentatori di un genocidio contro i Banyamulenge”.


9. – La situazione sociopolitica che viviamo attualmente non è affatto buona. Questa è caratterizzata da un forte scontento popolare, che aumenta sempre di più a causa delle molteplici sofferenze che il popolo continua a sopportare. Le promesse fatte alla nazione dal luglio 2003 dagli attori della transizione contrastano terribilmente con la realtà che si vive oggi sul terreno. Le violazioni dei diritti umani continuano ad essere d’attualità in alcune regioni del paese: Ituri, Nord-Kivu e Sud-Kivu. Le deviazioni del denaro pubblico proseguono a grande scala toccando cifre impressionanti. Gli stessi finanziamenti della Banca Mondiale, destinati ad alleviare la miseria delle popolazioni sono stati anch’essi deviati. I politici si perdono in querele inutili sia nello spazio presidenziale, come in quello del governo, del Parlamento e del Senato al punto che tutti non sperano che per la prolungazione della transizione per mantenere il potere acquisito. Di fatto tutto è stato messo in opera per far passare i 24 mesi della transizione che avrebbero dovuto condurci a delle elezioni generali libere proprio nel giugno scorso 2005. Tutti si gettano la palla l’un contro l’altro, e i più abili ne approfittano e cercano di ricuperare l’occasione per gridare ai ladri e continuano a mettere il paese a fuoco e sangue. Siamo dunque intrappolati dalle fobie e dalle strategie dei politici e il futuro non ci sembra affatto molto rassicuranti. C’è una certa psicosi nel paese che non ci aiuta affatto a usufruire di questo periodo di preparazione alle elezioni in maniera serena.


10.-"I Banyamulenge sono in maggior parte ruandesi di origine Tutsi che a cavallo tra il 1800 e il 1900 sono scappati alla morsa del regime particolarmente crudele di un re Tutsi e hanno chiesto asilo alla tribù dei Bavira e a quella dei Bafulero che vivevano presso la la collina di mulenge dalla quale i rifugiati hanno poi preso il nome. Quindi l'etnia Banyamulenge non esiste nello Zaire. Si tratta di Tutsi che hanno preso un nome diverso per testimoniare il fatto che sono stati accolti dalla popolazione dei Mulenge. Il gruppo di Banyamulenge è molto piccolo, ma a seguito dei conflitti in Rwanda altri Tutsi si sono aggiunti a quelli che vivevano sulla collina di Mulenge e nell'altopiano di Itombwe. Il problema è sorto quando tutti gli altri Tutsi arrivati nel corso delle successive ondate hanno reclamato la nazionalità zairese. Ciò ha innervosito la popolazione locale che li aveva accolti ma anche le autorità locali perchè essi richiedevano la doppia nazionalità." o.c. 11. L’attuale presidente ruande­se, Paul Kagame, non cessa di perseguitare gli hutu, e di istigare all’odio contro di loro, come se tutti avessero partecipato al genocidio, per fare in modo che il suo regime duri eternamente. Dice che «bisogna eliminare la canna con tutte le radici». Si dimentica che moltissimi nostri fratelli hutu, che abitavano a Buymba, Kibungo e Ruhengeri, furono massacrati dal FPR negli stessi giorni del genocidio. Ad essi bisogna ag­giungere le migliaia di hutu inseguiti e massa­crati dal FPR nella Repubblica Democratica del Congo, ex-Zaire, a partire dall’ottobre del 1996. Il regime di Kigali continua a inviare, nella par­te orientale della Repubblica Democratica del Congo, degli hutu con la «missione» di com­piere atrocità: essi costituiscono il nucleo dei Rasta, che continuano a terrorizzare la popola­zione dei villaggi, nei dintorni delle foreste che circondano Bukavu, rubando, saccheggiando, violentando, sequestrando e massacrando la popolazione, con l’aiuto dei banditi congole­si. Alcuni di questi hutu provengono dalle pri­gioni ruandesi, dove sono rimasti a lungo con l’accusa di genocidio; altri sono membri delle Forze democratiche di liberazione del Ruan­da (FDLR) che, rientrati dal Congo in Ruanda, sono stati riciclati per ritornarvi come Rasta. A volte collaborano in loco con hutu rifugiati corrotti. Sostenuti da Kagame, inviano a loro volta in Ruanda i minerali preziosi che estrag­gono o estorcono alla popolazione. Lo scopo di questa sporca impresa è quello di infangare, agli occhi dell’opinione pubblica internazio­nale, la reputazione degli hutu che si trovano ancora in Congo, massacrare la popolazione congolese e spingere il Congo a far rientrare a forza in Ruanda gli hutu rifugiati, per esse­re riciclati e rinforzare le file dell’esercito per nuove avventure militari in Congo. (tratto da "Solidarietà Internazionale")


LA REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO


Situato al Centro dell’Africa, l’antico Congo Belga è diventato Repubblica del Congo (RC) dopo la sua indipendenza nel 1960. Cambio di nome sotto il regno del presidente Mobutu che lo chiamera “Repubblica dello Zaire (RZ)”. Il paese prenderà il nome di « Repubblica Democratica del Congo (RDC) nel 1997, in seguito al rovesciamento del regime Mobutu per mezzo di Laurent Désiré Kabila, detto il “mzee” (= vecchio). È la nazione più estesa del Centro Africa tra il 5° parallelo Nord e il 14° parallelo Sud. Le sue frontiere sono delimitate nel Nord e nell’Ovest dal bacino del fiume Congo, mentre nell’Est dalle zone dei Grandi Laghi, e nel Sud con l’Angola e lo Zambia.


· Ha una Superficie di 2.344.860 Kmq


- Con foreste abbondanti nel Centro Nord e con un altopiano nel Sud e nell’Est.- Con immense ricchezze minerarie nel sottosuolo: rame, zinco, stagno, oro, cobalto, uranio. Attualmente le miniere di cassiterite e coltan rendono il paese desideratoardentemente da tutti.· Ha una popolazione di 54.000.000,- con il 65% di giovani dai 0 ai 30 anni;- con una crescita annua del 4% ;- con una mortalità infantile del 12,8%;- con un alfabetismo del 77%; - con una scolarizzazione del 23%- e con una stima per l’anno 2015 nettamente quasi duplicata di 90.000.000 di abitanti.


Il centro ed il nord del paese, coperti da foreste, sono poco popolati.


La popolazione urbana corrisponde al 40% degli attuali abitanti.


La RDC conta circa 350 etnie che vivono una certa armonia da parecchie decenni. Si parlano diverse lingue, che possono essere classificate in tre categorie:


- Le lingue etniche che si limitano spesso allo spazio geografico abitato dalla stessa etnia.- Le 4 lingue nazionali, di cui qualcuno è parlata al dilà della RDC: il Lingala e il Kikongo nel Owest e nel Nord-Owest, il Tshiluba nelle province del Kasai e lo Swahili nel Katanga, nel Kivu e nell’Alto Congo.


– Il Francese: lingua officiale e lingua per l’insegnamento.


Piccola legenda:



APR: Esercito Patriottico Ruandese



FPR: Fronte Patriottico Ruandese



CDR: Directorate of Military Intelligence (Servizi segreti)



MDR: Movimento Democratico Ruan­dese



FDLR: Fronte Democratico Liberazione Ruandese



MINUAR: Missione delle Nazioni Unite per il Ruanda RCD: Repubblica Democratica del Con­go
VOCABOLARIO: PRECISARE DI CHI SI STA PARLANDO


Chi parla di Ruanda, Burundi e dintorni, spesso adopera troppo genericamente i termini hutu e tutsi, come se ciascuno dei due avesse un proprio contenuto univoco. In realtà, bisogna distinguere bene. a. Se con hutu e tutsi si vuol indicare la base popolare, allora è necessario sapere che sia hutu che tutsi abitano lo stesso territorio, mescolati tra loro da qualche secolo almeno; parlano la stessa lingua, hanno la stessa cultura e le stesse tradizioni sociali e religiose; l'unica distinzione tra loro consiste nell'attività tradizionalmente più ricorrente: gli hutu del popolo sono in genere contadini; i tutsi pastori. Questi ultimi costituiscono certamente una minoranza della popolazione. b. Se con hutu e tutsi si intende parlare dei due gruppi dirigenti che si contendono il potere in Ruanda, si sappia che si sta parlando di èlites numericamente molto ristrette, all'interno delle quali ci sono persone che sanno vivere e pensare "all'occidentale", perché hanno potuto godere del privilegio di frequentare l'università, spesso in Europa o negli Stati Uniti. c. Se si parla di genocidio degli hutu e dei tutsi in Ruanda, allora si tratta o degli eserciti o dei miliziani (civili organizzati militarmente; più o meno armati). Nella primavera del '94 l'esercito hutu e i miliziani hutu - da tempo addestrati in tutto il paese - hanno messo in atto un folle progetto di sterminio di tutti i tutsi abitanti in Ruanda, riuscendo ad ucciderne circa la metà (cioè almeno mezzo milione). A partire dall'estate del '94, preso il potere, si può dire che l'esercito tutsi sta attuando un genocidio selettivo degli hutu; in questo è certamente sostenuto dal gruppo dirigente al potere, che - cosciente di aver a che fare con una maggioranza di popolazione hutu, sta puntando ad eliminare solo i suoi leader, o i leader potenziali. In entrambi i casi è quindi gravemente scorretto dire che gli hutu e i tutsi si stanno uccidendo a vicenda; chi uccide, fa parte di categorie ben precise di persone (gli eserciti e i miliziani); i mandanti, ovviamente sono i rispettivi gruppi dirigenti.
LO SCONTRO ETNICO NON E' LA CAUSA DI QUESTA GUERRA


Spiegare la guerra con l'odio tribale è come spiegare un incendio doloso col grado di infiammabilità del legno da costruzione, e non col fiammifero gettato da qualcuno. Un simile approccio è deliberata volontà di non capire, quindi complicità col piromane" (Paolo Rumiz, Maschere per un massacro, Editori Riuniti 1996). Quello che un giornalista intelligente ha scritto per la guerra nell'ex Jugoslavia, vale certamente anche per l'Africa dei Grandi Laghi. Anche perché esistono diverse ricostruzioni storiche riguardanti gli abitanti del Ruanda (teniamo presente che, fino agli inizi di questo secolo, non esisteva storia scritta in quell'area, semplicemente perché la scrittura è stata introdotta dai bianchi !): a. c'è quella che parla di successive sovrapposizioni di tre gruppi etnici: prima i pigmoidi (batwa), poi i bantù (bahutu) e infine i nilotici (batutsi: sì, i watussi !); sovrapposizioni compiute comunque almeno da tre secoli, con la formazione di una società di tipo feudale a predominio tutsi. b. un'altra ricostruzione storica nega l'esistenza delle etnie; tra gli storici europei c'è chi preferisce parlare di qualcosa di simile alle caste indiane (Kapuscinski) o semplicemente di "comunità" compattate sulla base della paura del nemico (Franche). E' di fatto problematico, nella prima ricostruzione, spiegare come mai i vincitori abbiano assunto lingua, cultura e religione dei vinti; o come mai in ogni punto del paese le percentuali di hutu e di tutsi siano grosso modo costanti. Di certo le autorità coloniali belghe nel 1931 hanno riaperto il solco dell'eventuale differenza etnica in Ruanda introducendo una legge che determinava - là dove se ne erano perse le tracce - l'appartenenza etnica sulla base del numero di mucche possedute: chi ne aveva più di 10 era classificato come tutsi, chi ne aveva meno di 10 come hutu. Teniamo presente che i belgi stavano vivendo al proprio interno lo scontro tra fiamminghi e valloni (due lingue e due territori distinti, però!). Luigi Consonni












Appello all’opinione pubblica





Canisius Kaiyuru, hutu ruandese in esilio in Congo







«Vogliamo informare l’opinione internazionale, soprattutto le grandi potenze, che è tempo di pensare alle sofferenze che patiscono gli hutu, sia al di fuori del Ruanda, che in Ruanda. Il genocidio è reciproco, e quello dei tutsi contro gli hutu continua, sotto forma di gacaca, dove oltre un milione di hutu è stato già accusato di aver partecipato al genocidio. Il gacaca è stato istituito solo per giudicare gli hutu e poterli meglio sterminare, al riparo di una cosiddetta giustizia, ma nessun hutu è autorizzato ad accusare i tutsi, che hanno diretto il genocidio contro gli hutu a partire dall’1 ottobre 1990, quindi tutti quelli che sono al potere a Kigali, cioè il Fronte Patriottico Ruandese (FPR) e l’Armata Patriottica Ruandese (APR), il suo braccio armato, con Paul Kagame in testa, dopo la morte di Fred Rwigema, il 6 ottobre 1990. E tuttavia, i tutsi hanno perpetrato un vero genocidio contro gli hutu fino ad oggi, nel quale i «superstiti» sono diventati le spine più forti contro gli hutu che li avevano protetti durante i reciproci genocidi. Gli hutu sono accusati anche dagli autori del genocidio (gli hutu già condannati, o non ancora condannati, che hanno chiesto perdono), corrotti, costretti dal FPR a inserirli nelle loro liste, sperando come ricompensa la liberazione. Il genocidio continua tuttora attraverso i gacaca, i rapimenti e gli arresti arbitrari. Gli hutu, che hanno perso la guerra, non benefi ciano di alcun sostegno e stanno morendo fisicamente e moralmente in ogni angolo del Ruanda, e in ogni parte del mondo. Per questo abbiamo deciso di scrivere questa testimonianza per la comunità internazionale.







Condizioni di vita dei prigionieri



Per mantenere il potere ritrovato il 17 luglio 1994, il regime di Paul Kagame arresta hutu innocenti, che ammuffiscono nelle prigioni, unicamente a causa della loro appartenenza etnica; e molti di loro vi muoiono, a causa delle condizioni disumane cui sono sottoposti. Sono stipati nelle prigioni e devono passare la notte distesi per terra. Non ricevono cibo dal governo, ma solo dal Comitato Internazionale della Croce Rossa, senza il quale sarebbero morti di fame. I prigionieri devono pagare personalmente le cure mediche, se pure ottengono il permesso di recarsi all’ospedale. Molte volte il direttore non concede il trasferimento chiesto dagli infermieri, per cui spesso dalle prigioni escono dei cadaveri. I prigionieri vengono regolarmente frustati e, a volte, persino uccisi con armi da fuoco. Nell’aprile del 2006 un cittadino tedesco è stato ucciso insieme con i sei prigionieri hutu con i quali cercava di scappare. L’hutu che riconosce la sua partecipazione al genocidio è condannato a morte o all’ergastolo. Le altre condanne sono a 40, 35, 25 e 20 anni. Chi riesce a beneficiare del perdono, dovrà scontare almeno 35 anni di carcere. Dove sono il perdono e la riconciliazione dopo 35 anni di carcere? Il condannato deve forse riconciliarsi con il carcere? Altri hutu sono uccisi per strada o, se sono fortunati, riescono a passare le frontiere e uscire dal paese. Noi chiediamo Chiediamo alle grandi potenze di chiede- re a Kagame di smetterla con le menzogne che sta diffondendo senza vergogna, e di smettere di sostenerlo economica- mente, politicamente, militarmente ecc., accrescendo in tal modo l’orgoglio del suo regime, che semina disordini nella regione dei Grandi Laghi, allo scopo di stabilire l’impero hima. Chiediamo alle grandi potenze, in collaborazione con le Nazioni Unite e l’Unione Europea, di imporre a Kagame, e al FPR, un’inchiesta sulla morte dei presidenti Juvénal Habyarimana del Ruanda e Cyprien Ntaryamira del Burundi, delle loro delegazioni e dei loro piloti. Erano esseri umani che avevano diritto di vivere.


Noi chiediamo



Chiediamo alle grandi potenze di co­stringere Kagame, coordinatore di varie sollevazioni nel Congo democratico, a smettere di seminare disordini nei paesi vicini, soprattutto nel Congo democra­tico, con il pretesto di perseguire gli ex-FAR Interahamwe, le ribellioni, le rivendicazioni dei diritti dei ruandofo­ni ma, in realtà, per imporre l’impero hima.



Chiediamo alle grandi potenze di im­porre a Kagame di porre fine alla di­suguaglianza, alla segregazione e ad avviare un dialogo inter-ruandese, sotto la supervisione delle Nazioni Unite, del­l’Unione Europea e delle grandi poten­ze, in un paese neutrale, per risolvere il problema del genocidio e della politica di esclusione.



Chiediamo alle grandi potenze, in colla­borazione con le Nazioni Unite e l’Unione Europea, dal momento che il genocidio è stato reciproco, di imporre a Kagame l’amnistia generale, l’unico modo per fare rientrare tutti coloro che sono ancora in esilio, riconciliare i ruandesi e stabilire una pace duratura in Ruanda e nella regione dei Grandi Laghi. Basterebbe imporre una leggera punizione a coloro che hanno partecipato al genocidio, su entrambi i versanti, per indennizzare le famiglie delle vittime delle due etnie, porre fine ai conflitti etnici e alle disuma­ne condizioni in cui vivono i prigionieri, facilitare il ritorno in massa dei rifugiati ruandesi, riavviare la buona coabitazione etnica in Ruanda.



Chiediamo alle grandi potenze di costrin­gere Kagame a sospendere i gacaca e gli altri tribunali contro gli hutu subalterni e il popolo, permettendo l’instaurazione di un tribunale neutrale delle Nazioni Uni­te, che giudicherebbe simultaneamente l’Alto Comando dell’APR e il Comitato esecutivo del FPR, nonché l’Alto Co­mando dei FAR e il governo «Abatabazi» del presidente Théodore Sundikabwabo e del primo ministro Jean Kambanda, che hanno amministrato il paese subito dopo la morte di Habyarimana. Occorre stabilire nel paese una vera giustizia, non manipolata dal FPR e dalla DMI.



Chiediamo alle grandi potenze di co­stringere Kagame ad accettare il diritto di espressione in Ruanda, la sospensione degli arresti arbitrari, dei sequestri e del­le uccisioni degli hutu, che non accettano di adorare il suo potere, e a ritirare e riportare nei campi i militari, e i DMI che sono attualmente sparsi in tutto il paese per terrorizzare la popolazione.



Chiediamo alle grandi potenze di costrin­gere Kagame a sospendere immediata­mente le nomine sotto intimidazione (le cosiddette elezioni) fatte dai militari, la DMI, i Comitati cellulari del FPR.



Occorre organizzare nel paese elezioni libere e trasparenti e instaurare una democrazia indipendente, con la li­beralizzazione dei partiti politici, per instaurare in Ruanda un potere eletto democraticamente.



Se Kagame e il FPR rifiutassero tutto questo, chiediamo alle grandi potenze, l’Unione Europea, in collaborazione con le Nazioni Unite, di prendere posizione contro di loro, soprattutto attraverso il sostegno economico, militare, politico, diplomatico delle forze di opposizione, sia politiche che militari, che lottano per rovesciare questo potere sangui­nario».








JON JONES/SYGMA/CORBIS Solidarietà Internazionale, Novembre-Dicembre 2006


@ יסראַעלנאַטיאָנאַלטוו - האט קיין זינען: פֿאַר מיר: צו געהערן: צו אַ גרופּע: אָדער: צו אָנטייל נעמען:אַ: "געזעלשאַפטלעך נעץ"! עס איז אוממעגלעך: פֿאַר מיר צו זיין: פון טייל: אַז איז צו זיין אַבזאָרבד:דורך אַ: איין רעליגיע: אָדער זייַענדיק מיטגליד: פון אַ פּאָליטיש פּאַרטיי (ד"ה: זיין אַ ידעאָלאָגיע) ווייַל:מיין ריינקייַט ינלענדיש: שטעלן מיר: אין געראַנגל : מיט: די באַזונדער פּאָזיציע! גאָט איזייפערטזיכטיק: פון מיר: אין סאַם 110: ער געזאגט צו מיר: "איר זיצן אויף: מיין רעכט." און איך ביןשוין זיצן! און: איך בין ניט דערשראָקן: פון זייַענדיק: איין מענטש נאָר: מיט זיין גאָט! יא! איך ליבעמענטשן, אָבער, מיין רוח: איז ווייַט פון: אַלע פון זיי! אבער, איך בין שוין געטאן: אַזוי: דורך גאָט איןדער צייַט: פון מיין פאָרשטעלונג! דורך וניוס רעי, מלך פון פּאַלעסטינע סוף ישראל: פֿאַר וניווערסאַלברודערשאַפט: שלום + סאַלאַם: = בלעסינגז אויך צו אַלע